Il panino col lampredotto, la schiacciata con la finocchiona a Firenze?

Tutto buono – basta che li mangi all’interno del locale in cui li hai acquistati, o comunque non bivaccando sui marciapiedi, nelle piazze, sui gradini delle chiese.

E nemmeno “stazionando” in piedi nei pressi del locale.

Le prescrizioni di cui sopra sono state emanate dal Comune, di fronte a una situazione che per molti versi sta diventando preoccupante: all’ora di pranzo, orde di turisti sciamano nei negozietti del centro storico, e ne escono brandendo panini e piattini che consumano in loco sedendosi in ogni dove, con un effetto poco piacevole (comprendendo in questo anche i rifiuti che rimangono un po’ dappertutto).

Una decina di giorni fa, un negoziante ha chiesto a quattro turisti spagnoli bivaccanti davanti alla sua vetrina di spostarsi: di fronte al loro rifiuto, ha pensato di usare la canna dell’acqua con conseguente colluttazione.

La situazione è particolarmente preoccupante in via de’ Neri, come riferisce Firenze Today. Ed è per questo che l’ordinanza, che prevede multe da 150 a 500 €, e che dovrebbe entrare in vigore oggi, è destinata a questa zona, comprendendo anche le strade limitrofe. Siamo dietro agli Uffizi, e a vedere GoogleMaps la via è ricca di locali dove si può acquistare del cibo. Secondo alcuni commenti su Facebook, i problemi sono diversi, e potrebbero anche essere collegati in qualche modo all’invidia verso un’attività di grande (e meritato) successo, che ha moltiplicato la sua presenza nella via proprio per questo: All’Antico Vinaio (ve ne avevamo accennato qui).

https://www.facebook.com/claudio.pistocchi.5/posts/10215304919753048

A lanciare il sasso è Claudio Pistocchi, inventore della Torta Pistocchi, la famosa torta di cioccolato fondente – il cui locale peraltro non è in via de’ Neri – in un post su Facebook. A cui si sono aggiunte diverse risposte, che hanno evidenziato diversi aspetti del problema: se è “brutto” vedere gente che bivacca, e soprattutto che lascia in giro cartacce e bottigliette, è anche vero che la via è stretta, e non si possono mettere dehors e tavolini che potrebbero in parte mitigare il problema; è anche vero che il Comune avrebbe potuto comunque pensare a soluzioni alternative, come la chiusura, magari temporanea, e la pedonalizzazione della strada, la posa di panchine, o qualcos’altro.

Se è vero che le città turistiche sono particolarmente care, specie per i turisti, e che certi bar e ristoranti approfittino dei loro clienti, facendo pagare prezzi folli – come periodicamente riferiscono le cronache, pubblicando foto di scontrini branditi con grande scandalo da mani che probabilmente non si erano preoccupate di sfogliare prima i menu, può essere giusto penalizzare chi cerca di godersi la visita anche solo fermandosi a mangiare un panino in una delle vie storiche della città? E può essere così cara la multa per quelli che mangiano in strada? Siamo sicuri che sia questa la strada giusta per aiutare il turismo?

[Link: FirenzeToday]

[Immagini: iPhone Emanuele Bonati, Controradio]

Dove mangiare comodamente seduti a Firenze

Regina Bistecca Firenze - foto di Luca Managlia

  1. Le 5 novità dell’autunno prossimo venturo
  2. L’Antica Pizzeria da Michele in arrivo vicino al Mercato Centrale
  3. 10 terrazze cool per quest’ultimo scorcio d’estate
  4. OOO Out Of Ordinary, il ristorante del The Student Hotel
  5. Bund, ristorante cinese di lusso a Gavinana
  6. Adagio, ristorante toscano e regionale
  7. Gucci Osteria con Massimo Bottura in piazza della Signoria
  8. Da NuOvo per mangiare le uova

3 Commenti

  1. Mi sembra sempre più un paese di idi0ti. A livello di sporcizia poi non sarà certo questo a risolvere il problema, se manca l’educazione c’é poco da fare.

  2. Per il lampredotto in pausa pranzo vado a S. Ambrogio, 4 sgabelli. Per quanto ricordo, a parte Nerbone dentro S. Lorenzo e mi pare Piazza della Passera- ha un dehor, sono tutti da pranzo in piedi. Che facciamo si chiudono i panini più tipici di Firenze? O l’efficacia è solo per Via de’ Neri?

  3. Dimenticavo, accanto al banchino ha due bei bidoni dove i clienti buttano carte, bicchierini e altro.
    Il lampredotto non lo mangi nel sudicio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui