Il ristorante chiuso a Treviso. Lo sfogo e le mezze verità del ristoratore

Il ristoratore multato si sfoga in video “Siete ridicoli, io chiudo per sempre”. Ma il ristoratore “canta la mezza messa”, cioè non dice tutta la verità

Tempo di lettura: 2 minuti

Un ristoratore affida il suo sfogo ai social. Cosa c’è di strano, vi chiederete, succede tutti i giorni. Ma colpisce l’amarezza evidente nel video pubblicato da Andrea Zouin, proprietario del ristorante “Sunset” di Treviso. “Non mi conviene più lottare. Per cosa? Per pagare le tasse? Per fare scontrini? Per mantenere le sedie?”

A dire del ristoratore, il Sunset avrebbe ricevuto una multa dagli agenti della polizia municipale, arrivati in seguito a una segnalazione. Zouin e il suo staff non avrebbero fatto rispettare le direttive introdotte per la gestione dell’emergenza Covid-19.

Lo sfogo del ristoratore

In particolare, tre clienti si sarebbero alzati dal tavolo senza indossare la mascherina: “Per questo multa da 400 euro e 5 giorni di chiusura“, commenta il ristoratore sconsolato e sospettoso: “Mi chiudono il locale senza che ci siano mai stati precedenti -afferma nel video- qual è l’obiettivo? Perché penalizzarci dopo che ci siamo distrutti per riaprire, senza ricevere nessun tipo di aiuto?”.

I commenti di solidarietà aumentato a vista d’occhio sotto il post del ristoratore. Colpiti soprattutto da quella che sembra essere la parola fine da parte del proprietario del ristorante trevigiano.

“A questo punto non mi conviene più lottare, io chiudo, perché investire oggi dei soldi in uno Stato nemico, che ci fa passare per persone che seminano il virus, è da stupidi”.

A causa della chiusura, Zouin sostiene di aver perso la metà dei clienti e di non farcela più, visti i danni subiti per l’emergenza coronavirus e gli sforzi fatti per ripartire dopo il lockdown.

Ma Il titolare del Sunset non sembra aver raccontato tutta la verità, ricostruita attraverso le parole del comandante della polizia municipale.

Lo scorso 10 luglio scorso Zouin viene multato con cinque giorni di chiusura per non aver rispettato le regole sul buffet. In pratica, aveva autorizzato il self service dei clienti –abitudine lecita prima del Covid– anziché far servire cibi e bevande al tavolo come previsto dalle norme anti-coronavirus.

Ma il Sunset non ha rispettato la chiusura riaprendo tre giorni dopo, il 13 luglio. Con un nuovo controllo mirato la polizia municipale ha stabilito una nuova chiusura di 5 giorni e denunciato il ristoratore per violazione dell’articolo 650 del codice penale: non aveva rispettato l’ordine imposto.

Poi il 20 luglio lo sfogo sui social network

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui