Panettone sospeso: Milano ha due giorni per battere il record di solidarietà

C’è ancora tempo per arrivare a 2000 panettoni regalati alle persone in difficoltà per il Covid

Panettone sospeso è un’idea che Milano ha preso in prestito dal caffè sospeso napoletano. Consiste nel lasciare un panettone pagato per chi fatica a permetterselo.

I milanesi non si sono fatti pregare, decretando anche quest’anno il successo dell’iniziativa che coinvolge 15 pasticcerie della città.

Da Sant’Ambrogio a ieri sono stati raccolti 700 panettoni. Diventeranno il doppio nei prossimi giorni. Perché le pasticcerie hanno promesso di raddoppiare –gratuitamente– il numero dei dolci natalizi venduti.

Panettone sospeso: obiettivo 2000

Passare da 1400 a 2000 panettoni entro domani sera, ultimo giorno di raccolta, è l’obiettivo delle prossime ore. L’anno scorso sono stati raccolti e donati in tutto 1644 panettoni.

Una volta raccolti, i panettoni sospesi vengono portati a Casa Jannacci. Si tratta della struttura di viale Ortles che sostiene i cittadini in difficoltà a causa della pandemia di Covid-19.

Come si partecipa a Panettoni sospesi? Basta comprare un panettone artigianale entro domani alle 18 e lasciarlo in negozio. Ovviamente in una delle 15 pasticcerie coinvolte nell’iniziativa.

Si può contribuire fino alle 23:59 di domani anche virtualmente. Basta fare una donazione sul sito panettonesospeso.org. Finora il sito ha raccolto 6500 euro che verranno impiegati per acquistare altri panettoni da donare a Casa Jannacci.

Sabato scorso la pasticceria Vergani di via Mercadante ha reso nota una curiosità che testimonia lo spirito di solidarietà dei milanesi. Una signora ha acquistato e lasciato in negozio ben 75 panettoni.

Panettone sospeso: le pasticcerie

All’iniziativa solidale promossa dall’associazione no profit Panettone Sospeso partecipano queste pasticcerie:

Panettone sospeso
  • Alvin’s (via Melchiorre Gioia 141),
  • Baunilla (piazza Alvar Aalto),
  • Cake l’Hub – I Dolci del Paradiso (via Luigi Mengoni 3),
  • Cracco (Galleria Vittorio Emanuele II),
  • Davide Longoni (via Gerolamo Tiraboschi 19, via Fratelli Bronzetti 2 e Mercato del Suffragio in piazza Santa Maria del Suffragio),
  • Gelsomina (via Carlo Tenca 5 e via Fiamma 2),
  • Giacomo (via Pasquale Sottocorno 5),
  • Marlà (corso Lodi 15),
  • Martesana (via Cagliero 14, piazza Sant’Agostino 7 e via Paolo Sarpi 62),
  • Massimo 1970 (via Ripamonti 5),
  • Moriondo (via Marghera 10),
  • Polenghi (via Alfonso Lamarmora 31)
  • San Gregorio (via San Gregorio 1),
  • Ungaro (via Ronchi 39),
  • Vergani (corso di Porta Romana 51 e via Mercadante 17)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui