batticor food

5 locali aperti a Milano: Lob’s, A 3 Strati, ViK Pellico 8, Mosso, Batticör

Nuovi locali aperti a Milano: dalla cucina statunitense, con astici e club sandwich, a quella di ispirazione uruguayana

Locali

Altri locali aperti a Milano in questi giorni, che si aggiungono alla mappa delle nuove proposte gastronomiche cittadine.

Come spesso, ne elenchiamo solo 5: a metterne di più, si rischia di perdersi…

1. Lob’s: l’astice e la cucina nordamericana aperto a Milano in Porta Genova

Lob’s, format di ristorante specializzato nella vera cucina nordamericana, ha appena aperto in via Solari. Il progetto è quello di portare in città i sapori dell’East Coast Usa dall’aragosta all’astice, fino ai sandwich e burger di pesce più ricercati.

Terzo locale aperto dal gruppo veneto DMO SPA, Lob’s Milano arriva dopo il successo del primo Lob’s a Monselice e del secondo a Padova. L’ambiente, e il menu, rimandano alle atmosfere dei locali del Maine e dell’East Coast. A partire dai colori, il bianco rosso e blu della bandiera USA, per arrivare agli arredi, tra reti da pesca, boe e arredi marinareschi.

Oltre all’astice e al Lobster’s Roll, ci sono anche hamburger, di pesce e di carne, e piatti tradizionali come gumbo, jambalaya e clam chowder. (Se volete, potete leggere la nostra ricetta del Boston Clam Chowder qui.)

Lob’s Milano. Via Solari, 34. Milano. Facebook

2. Inaugurato Mosso, Punto di Comunità con ristorante al Parco Trotter

mosso aperto milano

Mosso è un nuovo Punto di Comunità de Lacittàintorno, aperto a Milano nell’ex-Convitto Parco Trotter, all’angolo di via Padova con via Angelo Mosso.

Lacittaintorno è il programma di Fondazione Cariplo dedicato alla rigenerazione di Milano, per migliorare la qualità della vita e creare «nuove geografie» cittadine. Gli abitanti dei contesti urbani fragili partecipano alla riattivazione di questi spazi, spesso inutilizzati o in stato di degrado.

Mosso Milano è una piazza aperta, destinata ad attività culturali, di formazione e di inclusione; è un luogo multiforme, che indaga le differenze e accorcia le distanze. Parole d’ordine, inclusività e percorsi di crescita, per un laboratorio di cittadinanza in continua evoluzione, un ponte tra la scuola del parco Trotter e il quartiere.

mosso planimettria

Nel complesso a Milano, lato via Mosso, sono stati aperti altri due locali: un ristorante pizzeria con 120 coperti all’interno e 100 nel giardino; lì nei pressi c’è anche la cucina condivisa. Il menu del ristorante, affidato alla Fabbrica di Olinda, punta sulla qualità degli ingredienti e sull’attenzione alla filiera produttiva. Gli impasti per pizza e pane sono preparati con farine artigianali semi-integrali e lievito madre naturale a lievitazione controllata.

Chi entra da via Padova invece viene accolto nella portineria sociale, che ospita il bar e si affaccia sui Giardini Mosso.

Al progetto prendono parte anche cooperative sociali e associazioni, guidate da La Fabbrica di Olinda, che è impegnata da anni in vari progetti sociali. Ricordiamo per la ristorazione il Bistrò Olinda al Teatro Elfo Puccini a Milano e Fiore Cucina in Libertà a Lecco. Ma anche la rassegna teatrale milanese Da Vicino Nessuno è Normale.

Mosso si Muove. Via Padova ang. via Angelo Mosso. Milano. Facebook.

3. Aperto A 3 Strati, la casa del club sandwich a Milano

3 strati club sandwich

Ha aperto da pochissimi giorni in corso San Gottardo a Milano A 3 Strati, locale specializzato in Club Sandwich. Per semplificare, il Club(house) Sandwich è una specie di tramezzino, di origine statunitense; le fette di pane vengono tostate, e viene servito tagliato in 2 o 4 parti.

La tripartizione, ispirata appunto al classico sandwich “a tre strati”, viene rielaborata in chiave italiana, e applicata anche ad altri piatti del menu. Il che vuol dire ricerca e accurata selezione delle materie prime e particolare attenzione agli abbinamenti.

3 strati esterno aperto milano

Il nuovo locale, dall’aria statunitense, può contare su un dehors.

A 3 Strati. Corso San Gottardo, 34. Milano. Tel. +390249477291.
Facebook

4. Batticör il ristorante che vuole farti “battere il cuore”

Il nome Batticör è già un programma: il ristorante punta a far “battere il cuore” alla clientela. 

Il locale è aperto all’interno di Torre GalFa, il moderno grattacielo progettato dall’architetto Melchiorre Bega negli anni Cinquanta, fra la Stazione Centrale di Milano e l’Isola. 

il Batticör mira a diventare hot-spot del dinamico paesaggio urbano circostante e accoglie i propri ospiti durante tutto l’arco della giornata. 

batticor aperto milano

Aperto dalla colazione al light lunch, all’aperitivo, alla cena e al dopocena, con cocktail e DJ session, Batticör ospita anche mostre d’arte, e un brunch domenicale.

Batticör. Via Gustavo Fara, 41. Milano. Tel. +390283510340. Facebook.

5. I menu di ispirazione uruguayana di ViK Pellico 8 in Galleria Vittorio Emanuele

vik pellico 8 aperto milano

L’offerta gastronomica di Galleria ViK Milano, l’hotel affacciato sulla Galleria Vittorio Emanuele, comprende il ristorante ViK Pellico 8 e la pizzeria I 12 Gatti.

Il ristorante, con accesso appunto dal civico 8 si via Silvio Pellico, si trova al primo piano dell’hotel. L’affaccio è sulla Galleria Vittorio Emanuele. 

A disposizione degli ospiti tavoli e sedute in stile o comodi salotti per una maggiore privacy; alla vista sulla Galleria si accompagnano le opere d’arte ospitate alle pareti dell’hotel. 

vik pellico 8 vini aperto milano

Lo Chef Juan Martin Ferrari porta in tavola ogni giorno prodotti freschi del territorio italiano. I piatti si ispirano ai menu dei ViK Retreats in Uruguay, accompagnati dalle eccellenze dei vini ViK. 

La pizzeria I 12 Gatti invece ha aperto diversi anni fa, e ora fa parte dell’offerta ViK all’interno dello stesso locale di Milano.

Galleria ViK Milano. Via Silvio Pellico, 8. Milano. Facebook




Di Emanuele Bonati

"Esco, vedo gente, mangio cose" Lavora nell'editoria da oltre 40 anni. Legge compulsivamente da oltre 50 anni. Mangia da oltre 60 anni. Racconta quello che mangia, e il perché e il percome, online e non, da una decina d'anni. Verrà ricordato per aver fatto la foto della pizza di Cracco.