mulino caputo farine per pizza, pane e dolci

Le 3 pizze ai Quarti del Campionato della Pizza: c’è la sorpresa

Tre pizze per le 8 pizzerie che si sfidano ai Quarti di Finale del Campionato della Pizza: würstel e patatine, Nerano, filetto di pomodoro
lunedì, 17 Giugno 2024 di

Come detto, sono 8 le pizzerie che approdano ai Quarti di Finale del Campionato della Pizza 2024 in Campania.

8 pizzerie (e pizzaioli) che arrivano a questa fase molto combattuta del torneo partito a novembre (e di cui potete leggere tutte le fasi in questo articolo).

Le migliori, per il momento, che dovranno restare in 4 per la Finalissima che laureerà il Super Campione e delineerà il podio.

Come già fatto con Qualifiche e Ottavi, anche nei Quarti saranno giudicate 3 pizze. Che ora sveliamo. Non prima di aver ricordato che i 3 giudici riuniti nella stessa serata allo stesso tavolo hanno a disposizione 100 punti per pizza. La scheda contempla 4 voci: Aspetto esterno (max. 10 punti), Aspetto interno (20), Odore (20), Gusto (50). Il giudizio quindi è solo sulle pizze. 100 punti al massimo per pizza moltiplicato per 3 pizze e 3 giudici fa 900. Cioè il punteggio massimo cui una pizzeria piò aspirare. Vince chi ottiene più punti nella sfida diretta. Semplice.

Le sfide sono 4:

  1. Palazzo Petrucci Pizzeria vs I Masanielli di Francesco Martucci
  2. Concettina ai Tre Santi vs Gli Esposito
  3. Carlo Sammarco vs Vincenzo Capuano
  4. Da Lioniello vs I Masanielli di Sasà Martucci

Restano da conoscere le 3 pizze da giudicare. Eccole. E c’è una sorpresa.

1. La pizza würstel e patatine ai Quarti di Finale

La pizza aberrazione per antonomasia che se la gioca quanto a disprezzo con la pizza all’ananas. Vero incubo per qualsiasi menu, è a parole ripudiata un po’ da tutti. Ma il mercato è mercato e dunque va tenuta se non in carta almeno nelle pieghe delle comande. Perché in pizzeria vanno molti bambini e ai bambini piace la würstel e patatine. E quindi, come fatto con la Diavola (amata dagli stranieri), la mettiamo nel tris delle pizze da giudicare. Con la speranza che, come accaduto con la Diavola, qualche pizzaiolo proponga una nuova visione. Così da poter sdoganare la pizza considerata blasfema dai gastrofighetti che non hanno a cuore le ragioni del cassetto. Almeno ci aspettiamo di vedere i migliori würstel in circolazione e le patatine non mollicce.

2. La pizza Nerano

Il ristorante Maria Grazia dove è nata la pasta alla Nerano che è la spiaggia

È la stagione delle zucchine e della Nerano. Che dagli spaghetti è diventato il condimento super richiesto della pizza estiva. E qui casca l’asino, perché a parte l’aggiunta di un ingrediente che non esisteva nella ricetta tradizionale (cioè il Provolone del Monaco), poco altro si è fatto per rendere le pizze alla Nerano un piatto di sintesi. Rendere la cremosità della Nerano che condisce gli spaghetti è affare complicato. Si rischia di inumidire il disco della pizza con creme e cremine. Senza contare che la zucchina di per sé è ingrediente poco performante e molto propenso a rilasciare liquido o a trattenerne da altri ingredienti. Con il risultato di avere una pizza dal sapore “sciacquato” o, all’opposto, sapida per aggiunta di ennemila formaggi. Con buona pace della cremosità. Chiaro che qui giochiamo nello stesso ambito della Salsiccia e friarielli. Che ha dato bonus o levato punti.

3. La filetto di pomodoro

Dice un famoso pizzaiolo che se non sai fare la Margherita (e qui avete le migliori di Napoli, Caserta e Salerno) non sei nessuno. E noi aggiungiamo che, giacché è estate e iniziano a vedersi i pomodori freschi non di serra, bisogna saper fare anche la pizza con i filetti di pomodoro. Semplici e buoni con l’unica incognita se abbinarli a fiordilatte, mozzarella o provola. Un giro di olio buono e basilico fresco ed è fatta. Sembra semplice ma non lo è. Proprio come una buona margherita. Anzi eccellente, cioè quella che può far vincere o far perdere una sfida.

Tutti pronti?

Il cartellone dei Quarti di Finale del Campionato della Pizza e i primi appuntamenti

Intanto vi diamo gli appuntamenti delle prime 4 sfide che sono in chiaro. I pizzaioli conoscono le pizze (da ora) e il giorno della sfida. Ovviamente i lettori di Scatti di Gusto possono partecipare alla serata ordinando le stesse pizze e compilando le relative schede per vedere se il loro giudizio collima con quello dei giurati.

L’obiettivo è sempre lo stesso: premiare i migliori pizzaioli e le migliori pizze sul campo. Pardon, sul tavolo.

Ecco dove si giocano le prossime partite e i telefoni per prenotare.

Di Vincenzo Pagano

Fulminato sulla strada dei ristoranti, delle pizze, dei gelati, degli hamburger, apre Scatti di Gusto e da allora non ha mai smesso di curiosare tra cucine, forni e tavole.