Scatti di Gusto non scrive solo. Assaggi, degustazioni, pranzi, cene e lettura. Dei tanti blog che animano la rete dell’enogastronomia. Informazioni, ricette, contest, suggerimenti, video. Un flusso corroborato dai tweet, dalle foto che si incrociano su Facebook, Instagram, Flickr, Google+ e dalle mail. Si calcola che siano 1500 gli indirizzi in rete che parlano di cibo e di vino. Lo Spazio di Staximo ha una pagina dedicata ai food blog italiani, mentre La ricetta della Felicità ha lanciato un Censiblog per rispondere alla domanda da censimento “Ma quanti foodblog italiani esistono?”

 Si va alla pagina e si inserisce nome del blog, dell’amministratore, il link e si indica l’anno di pubblicazione. Ad oggi sono circa 300 i siti che si sono registrati.

Quindi si legge tanto. Rotazione e genesi di un albero dei preferiti nel browser sono due bussole per navigare liberamente. Alternati a newsletter e RSS. E alla lettura del 150mo post della settimana, ho provato a fare rewind mutuando Capital Rewind che nel fine settimana propone notizie e musica del passato e ho composto il menu della settimana appena trascorsa. Un post al giorno dalla rete.

Lunedì 21 novembre 2011. Laura Adani ha un blog che si chiama iocomesono-pippi ed è una delle autrici del libro “C’è Tort@ per Te” che con il contributo di Valle’ Italia sostiene la campagna Nastro Rosa della LILT (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori). Mi piace per il nome che irrimediabilmente mi rimanda a Pippi Calzelunghe e per la generosità con cui pubblica le foto delle ricette che propone ai suoi lettori. In questo caso c’è un reportage al Molino Quaglia che anticipa il tema delle prossime settimane: il panettone. Le partecipanti all’iniziativa Le mani in pasta ne hanno prodotti un po’ con il lievito madre e le indicazioni di Rolando Morandin. La foto dei panettoni a testa in giù vale tante spiegazioni.

Martedì 22 novembre 2011. La sera precedente è terminata Enologica, la manifestazione del vino e del cibo tipico di Faenza che ha visto Scatti di Gusto media partner, e fa piacere leggerne in rete. Il reportage fotografico su Lo spazio di Staximo è bello saporito. Le foto del sole delle saraghine della Adler di Cesenatico e i piatti del MIC, il museo internazionale delle ceramiche di Faenza, sono tra le più coinvolgenti. e non mancano un paio di scatti al neo tristellato Massimo Bottura alla prima uscita pubblica dopo l’assegnazione del riconoscimento della Michelin 2012.

Mercoledì 23 novembre 2011. La data del 23 novembre è un dies Alliensis: nel 1980, terremoto dell’Irpinia e, anche se quest’anno nessuno lo ha ricordato, l’effetto per chi lo ha vissuto sarà sempre lo stesso. Per fortuna c’è chi inizia qualcosa. Teresa De Masi, fondatrice della madre di tutti i forum gastronomici gennarino.org, dopo 2 mesi aggiorna il suo nuovo blog, Scatti Golosi, con la ricetta di una frolla salata alla n’duja. Motivo della lontananza dalla rete: il trasloco di casa. L’utilizzo della n’duja nella frolla non ha riferimenti nel web. Quasi sicuramente trattasi di un impiego originale, quindi da inserire nei propri preferiti.

Giovedì 24 novembre 2011. Ho conosciuto Paola Sersale a Chiusi. Foodblogger di sostanza con il suo performante Anice&Cannella, si è gettata nel mondo reale organizzando una serie di corsi sulla panificazione e lievitazione con un mostro sacro come Adriano Continisio di Profumo di Lievito. Il must del periodo è il corso sui lievitati natalizi in una due giorni intensa (dopo la data del 26 novembre a Bologna, il 30 novembre-1 dicembre e il 3-4 dicembre i nostri saranno a Firenze). I partecipanti potranno apprendere i segreti della ricetta esclusiva di Adriano del panettone con lievito madre. Paoletta, invece, spiegherà come fare un panettone rapido. Quindi ancora Adriano con la sua ricetta ribilanciata del pandoro. Insomma una festa. Il costo del corso è di 145 €, interessante.

Venerdì 25 novembre 2011. Tra i blog che seguo con maggiore frequenza, c’è quello di Anna Maria Pellegrino, lacucinadiqb. Ho conosciuto Anna Maria al Taste di Milano e mi ha definitivamente conquistata con i suoi estemporanei brownies fatti la per là a uno stand in cui si praticava show cooking. Venerdì se n’è uscita con una delle sue ricette di tradizione e di territorio che gli appassionatoi del genere non possono mancare: la canevera, ossia la cottura della gallina nella vescica del maiale. Una tecnica che Anna Maria rende possibile anche a chi non riuscirebbe a farsi preparare dal macellaio una vescica di maiale. Le foto step by step al solito sono accurate e Anna Maria è sempre pronta a fornire ulteriori spiegazioni nei commenti. Cosa chiedere di più (se non mettere da parte la vescica del prossimo maiale)?

Sabato 26 novembre 2011. C’è un sito che mi causa una seria dipendenza da food porn. È foodografia di Alessandro Guerani. Inutile dire che aspetto di vedere ogni mese il suo calendario desktop, una foto che potete utilizzare per alimentare la vostra scrivania con indubbi effetti sul senso estetico e di fame. Questo mese è stata l’occasione per avviare la galleria dedicata ai biscotti italiani. Le composizioni di Guerani sono eleganti e lo studio della luce è sempre molto attento (tra l’altro l’autore spiega volentieri con post mirati come ha raggiunto un certo risultato). Ai suoi quadri si è aggiunta una nuova collezione, quella del vino novello. La foto di sabato, dedicata a Le Terrazze di Cavit è bella per l’asciuttezza degli elementi della composizione in cui spicca il cartellino da archivio storico. Guardandola non ti crei il problema se il vino è buono oppure no. È semplicemente bello.

Domenica 27 novembre 2011. Leggere e fare “ritagli” costituisce un vantaggio quando cerchi qualcosa. È il caso di MasterChef, la fortunata trasmissione gastrofanatica di Cielo TV che con il meccanismo del talent show ha creato personaggi che nell’immaginario collettivo viaggiano tra i mortali foodblogger e gli aiutanti chef: i mastercheffini, appunto. Mi aveva incuriosito perché cavolo la produzione avesse dimenticato di dire che Agnese Malatesti è una foodblogger dell’ironico La Banda dei Broccoli (di cui fa parte anche Antonietta Ulivieri Moretti). Non si è capito benissimo, ma tant’è Scatti di Gusto si diverte moltissimo con Agnese che commenta in diretta la puntata insieme a Federico l’alchimista pasticciere e Danny il preciso che sono usciti ma se fosse possibile la giuria popolare sarebbero belli rientrati dalla porta principale. Domenica è giorno di libri e le “broccole” raccontano del libro di Anthony Bourdain Il segreto di Mary la cuoca e lo consigliano a categorie di possibili lettori interessati all’argomento tra cui gli adolescenti refrattari allo studio della storia e le… femministe.

Alla prossima 🙂

(Big Picture: le foto possono essere ingrandite cliccando sull’immagine preferita. Si attiva anche la galleria con le freccette)

1 commento

  1. Allora tanti complimenti “alla fondatrice della madre di tutti i forum gastronomici gennarino.org” che mi ha insegnato tanto

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui