Nicola Cavallaro torna con un bistrot democratico a Cascina Cuccagna

Ristoranti

Nicola Cavallaro, dopo la chiusura del suo ristorante Al San Cristofaro e un periodo sabbatico in Estremo Oriente, ritorna sulla scena milanese con uno spazio in linea con le tendenze che potremmo definire gastro-bistrot in cui sono ascritti il capostipite Chateaubriand e la Franceschetta 58 del tristellato Massimo Bottura.

Cascina Cuccagna e il sito unpostoamilano.it in costruzione e poco più per comprendere che la ricchezza della nuova gastronomia è nel porsi ai clienti con un gesto unico: alta qualità e prezzi contenuti. Il locale sarà uno spazio pubblico dove cambiare le abitudini creato all’interno di un’antica cascina agricola nel centro sud di Milano, tra i Palazzi di Corso Lodi alle spalle di Porta Romana. “Sarà una trattoria bar”, spiega Nicola.

Su Facebook Nicola annuncia che “cucina democratica abc rules”. E’ il concetto democratico che già aveva espresso su Twitter e che ora prende forma

Menu? Due esempi rilasciati da Nicola:

Ravioli Ripieni di coniglio, salsa alla cacciatora € 9.00 

L’orto in Primavera: verdure di stagione con sfogliatine di pane e ceci, erbe fini € 12.00

Di Vincenzo Pagano

Fulminato sulla strada dei ristoranti, delle pizze, dei gelati, degli hamburger, apre Scatti di Gusto e da allora non ha mai smesso di curiosare tra cucine, forni e tavole.