hamburger manzo kobe

Hamburger, pizza, gelato e birra. I migliori, ovvero La Burgheria, Pomodoro e Basilico, Grom e Birrificio Torino. La classifica è stilata dai soliti “I Cento” che nel capoluogo piemontese hanno deciso di festeggiare oggi (ore 18,30 presso la libreria Trebisonda) il movimento dei forchettoni e di promuovere il fast food che diventa good.

Assodato che il 2014 sarà l’anno dello street food, alias cibo da strada, che verrà celebrato in ogni dove dal web alla carta stampata (le edizioni numero due di alcuni libri come quello di Clara e Gigi Padovani sono già in lavorazione) alla tv e durante gli eventi, probabilmente il migliore brodo di coltura per il cibo in movimento, l’attenzione di Scatti di Gusto si focalizza sull’hamburger.

Cioè, su quel piatto che è quanto più vicino all’idea di fast e junk food per sua nascita. E quanto di più lontano dalla cultura tradizionale italiana se non vogliamo ricondurci (in maniera superficiale) alla polpetta.

Torino è la capitale dell’hamburger. Le voci Fassona  e La Granda portano al Piemonte e anche alla catena più slow-fast che sull’hamburger ha costruito il successo dal settembre 2009, M**Bun. Logico partire dal capoluogo piemontese e lo facciamo con una doppia classifica. Quella de I Cento di Torino e Piemonte la cui collana è diventata un caso editoriale gastronmico con l’allargamento ad altre città e regioni. E quella di Andrea Soban che su Dissapore imperversa con recensioni sul disco di carne più famoso del mondo. Poi ci sono Milano e Roma che sono le piazze più popolose.

La classifica di Milano non può che essere quella di Valerio M. Visintin, il Fantômas dei critici. Mentre per Roma abbiamo scelto una tra le più recenti che è stata proposta da Grazia prima dell’estate quando ormai qualcuno poteva ritenere che l’hamburger fosse al canto del cigno.

Iniziamo.

I migliori hamburger di Torino (I Cento)

Hamburger La Burgheria

  1. La Burgheria. Via delle Rosine, 1
  2. Petit Baladin. Via Saluzzo, 21
  3. L’Hamburgheria di Eataly. Piazza Solferino 16/A
  4. M** Bun. Via Rattazzi, 4
  5. Ifood360. Via San Domenico, 4
  6. Brasserie Bordeaux. Via Baretti, 15
  7. Fassoneria. Piazza Emanuele Filiberto, 4
  8. Hamburgheria. Corso Peschiera, 177
  9. Qualeaty. Corso Regina Margherita, 68/F
  10. Slowburger. Via Gambasca, 4

I migliori hamburger di Torino (Andrea Soban)

  1. La Burgheria
  2. M** Bun
  3. Ifood360
  4. L’Hamburgheria di Eataly
  5. Petit Baladin
  6. Brasserie Bordeaux
  7. Hamburgheria
  8. Slowburger
  9. Qualeaty
  10. Fassoneria

Il solo confronto tra le due classifiche (ma voglio dirvi che Luca Iaccarino curatore de I Cento la riteneva al n. 1 qualche mese fa) più che farci capire quante differenze esistano (o chi sia il primo della classe) spiega anche che l’hamburger è vivo e vegeto e non sembra essere una moda passeggera.

I migliori hamburger di Milano (Valerio M. Visintin)

hamburger Trussardi

  1. Caffè Trussardi, piazza della Scala 5
  2. Pisacco, via Solferino 48
  3.  Denzel, via Washington 9
  4. Anadima, via Pavia 10
  5. Al Mercato, via sant’Eufemia 16
  6. Trita, piazza XXIV maggio 6
  7. Ribs, via Ludovico il Moro 13
  8. Calù Bistrò, via Cesariano 8
  9. Burger Wave, via Ascanio Sforza 47
  10. Fatto bene, via V. Monti 56

I migliori hamburger di Roma (Grazia.it)

hamburger Open Baladin Roma

  1. Open Baladin. Via degli Specchi, 6
  2. The Perfect Bun. Largo del Teatro Valle, 4
  3. Hamburgeseria. Via del Teatro Pace 35/37 e Via dei Reti 40
  4. no.au. Piazza di Montevecchio, 17
  5. Romeo chef&baker. Via Silla, 26a
  6. Quarto burgers&drink. Via Crescenzio, 52
  7. Dolce. Via Tripolitania, 4
  8. Caffè Propaganda. Via Claudia, 15
  9. BIFF. Casa dell’hamburger e della carne italiana. Viale Isacco Newton, 68
  10. Ham Holy Burger. Via Brescia, 28

Ecco, questa è la base di partenza che non considera tante cose. Come le nuove aperture. A Roma c’è L’Hamburgeria di Eataly, per dire. Mentre a Parma c’è Meet Hamburger Gourmet.

Oppure c’è che Grazia non ha preso in considerazione Marzapane o il Panificio di Bonci. E forse l’hamburger di Romeo meriterebbe qualcosa di più del quinto posto.

orsone tavern hamburger

Allargando il giro di orizzonte al di fuori delle tre città, penso subito a Orsone di Joe Bastianich che ha fatto tremare le ginocchia di parecchi fan proprio per l’hamburger.

Siete pronti a segnalare le case dell’hamburger ovunque si trovino ma che siano buone, anzi buonissime, in modo da aiutarci a stilare la classifica dei migliori luoghi in cui mangiare hamburger nel 2014?

[Immagine: Open Baladin, Parla come mangi, Facebook, Vincenzo Pagano]