mele valle aosta

Il più grande produttore di mele della più piccola regione d’Italia si chiama Ivo Viérin e vive a Gressan, a quattro chilometri da Aosta.

Eredita cinque ettari di mele dalla famiglia, ma li rinnova completamente con il suo entusiasmo, con quel suo sorriso stampato nell’anima, innamorato della vita.

E se di vita ci si nutre non si può che essere strenui assertori della diversità e del pluralismo, difensori del relativismo culturale e dunque anche ecologico, contro ogni pensiero unico e quindi contro ogni monocoltura.

Ivo Vierin mele

Insomma uno come Ivo non può non interrogarsi sulla biodiversità in generale, motivo per cui decide di coltivare varietà di mele locali e di alimentarle con lo stesso amore con cui si alimenta una relazione d’amore.

mela Golden

Ivo, infatti, parla delle sue mele come se fossero le donne che ha amato: c’è la golden delicious, con tutte le sue soddisfazioni; ci sono le renette, femmine del posto; poi le royal gala e le fujy, con le loro difficoltà e le loro richieste continue di attenzioni.

mela Mairac

E poi c’è lei, la mairac, donna di alta quota, straordinaria varietà in estinzione. Di origine svizzera a raccolta autunnale, ottenuta dall’incrocio Gala x Maigold, una di quelle estremamente attraenti, con la polpa soda, croccante, succosa, di cui si innamorano tutti, anche quelli non avvezzi.

melaugusta

Nel 2008 nasce Melaugusta, risultato della sinergia tra la sua azienda Saint Grat e quella del compagno Fabrizio Bisson. La mela “valdostana di fatto” non può non esserlo anche “di nome”, racconta, quindi per capire il legame tra il nome “Augusta” e le origini, la storia e le tradizioni della Valle d’Aosta sono risaliti ai tempi dell’antica Roma. Augusta Prætoria oggi Aosta, era infatti la capitale della colonia fondata dai Romani, circa nel 23 a.C.

La tutela e la promozione di prodotti di qualità come le mele di Ivo e di Fabrizio sono un modo per preservare la biodiversità vegetale ed animale e il paesaggio, in quanto associata all’ecosistema locale ma anche al patrimonio culturale, artigianale e artistico di una determinata area, in questo della Valle d’Aosta.

mele

Dunque, mangerete anche voi questo frutto proibito contravvenendo alla proibizione di Dio?

Azienda Saint Grat di Ivo Viérin. Loc. Torrent-Gressan, Gressan (AO). Tel. +39 333 7101389

Storie di Gusto

  1. Caffè. La più piccola torrefazione d’Italia è a Valdobbiadene
  2. Cortona. Sono stato da Stefano Amerighi e ho capito cosa vuol dire vino biodinamico
  3. La vera bresaola affumicata la trovate alla macelleria Panatti a Chiavenna
  4. La pasta come una volta nel Mulino ad acqua in Lunigiana
  5. Zafferano. Scoprire e acquistare la varietà del Circeo nel Lazio
  6. Cilento. Le meraviglie dei salumi di Anna Salamone ora arrivano a casa direttamente da Caselle in Pittari
  7. Il fantastico formaggio di capra dell’azienda La Chèvre Heureuse in Valle d’Aosta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui