Roux, un nuovo ristorante ha aperto a Milano all’inizio di via Orti. Siamo in Porta Romana, in una zona ricca di locali piccoli e grandi, nuovi e meno nuovi: ricordiamo solo, nel raggio di qualche decina di metri, la lasagneria Sorry Mama, e AM, la pizzeria di Pasquale Pometto, un habitué delle nostre classifiche delle migliori pizze cittadine (e che ha appena aperto Pomet in via Torino).

Una quarantina di posti, divisi fra la zona bar, la sala e la corrispondente saletta soppalcata. Ambiente curato, intimo ed elegante, sui toni del grigio e del rosso.

Ma cos’è Roux esattamente?

Roux è la base di numerose preparazioni culinarie, serve a legare creme e salse. Roux è il luogo in cui desideriamo creare una sinergia tra i nostri ingredienti migliori: la tradizione della cucina italiana, il rispetto delle materie prime, l’accurata selezione dei fornitori, il senso dell’innovazione e le esigenze della cucina contemporanea. Roux è il ristorante nel quale potrete combinare il piacere di un veloce aperitivo con la calma di un pranzo o di una cena. Roux in francese indica il colore rosso, identificativo del sestiere di Porta Romana, la zona di Milano in cui prende forma questo progetto.
Roux è il nostro punto di partenza, condividerlo con voi è il nostro punto di arrivo.

Roux è lo chef Dino Perrone, pugliese di Trani, esperienze pugliesi e milanesi e un po’ in giro. Questo è il primo ristorante “suo”, con altri soci; lo affianca (anche) in sala Fabrizia Marra, che ha lasciato la professione di avvocato per questa avventura. Passione, anche qui, a cambiarti la vita.

Passione – e idee. Alla festa di apertura, fra i vari assaggi, che ovviamente non fanno testo per quello che riguarda il menu, c’era un’idea molto molto carina: dei tubetti – tipo quelli delle tempere, o della maionese se preferite – pieni di creme ideate realizzate e intubettate da loro, ai peperoni, alle acciughe, alla senape, ricotta e limone, che potevano essere spremute sul pane, o addirittura, come hanno fatto alcuni, di cui non farò il nome (io), direttamente in bocca. Un’idea divertente, che spero proprio vogliano portare avanti nel menu del locale. Li ho visti nicchiare un po’, pensando a possibili creme per il dolce: secondo me, si potrebbero fare creme da abbinare ai piatti lungo tutto il pasto.

Intanto, vediamo questo primo menu che accompagnerà Roux fino all’inizio della stagione autunnale. C’è anche un menu per il pranzo, che può essere veloce, al tavolo social vicino al bar, o più rilassato in sala.

Antipasti dai 9 ai 16 €, primi dai 12 ai 18 €, secondi da 16 a 24 €; una carta non eccessiva, anche come numero di proposte, scelte tranquille, con qualche concessione ai gusti correnti (può un ristirante non avere uìin menu una voce “tartare”?), e un approccio innovativo quel tanto che basta.

Lo stesso discorso vale per i dolci (dai 6 ai 12 €): poche proposte, fra le quali non poteva mancare la rivisitazione del tiramisu, originali (non sentiamo la mancanza dei dolci ai tre cioccolati, né delle cheesecake).

Non ho guardato la carta dei vini: lo farò alla prima occasione mangereccia. Se passate prima di me, sappiatemi dire.

Roux. Via Orti, 2. Milano. Tel. +39  025405224.