Milano. Menu e prezzi della pizza al taglio di O’ Fiore Mio che apre in Buenos Aires

Pizzerie

11 settembre. Nuova inaugurazione a Milano. Cosa sarà mai, si chiederanno i nostri lettori. Suspense… rullo di tamburi… UNA PIZZERIA! (mormorio fra i lettori). ‘O Fiore Mio.

Nonostante il nome, non è la solita pizzeria che viene su da Napoli e circondario campano: questa volta, la madrepatria è Faenza.

La pizzeria O’ Fiore Mio nasce infatti a Faenza nel 2011, e da lì parte in questi giorni con una serie di piani di battaglia che prevedono dopo l’apertura di Bologna, un primo asse Faenza-Milano, asse da riempire di pizzerie. Dovrebbero essere 15 in tutta Italia nel giro di 4 anni. La prima della nuova serie appunto a Milano, in piazza Argentina, con inaugurazione stasera alle 18.30 dopo un brevissimo periodo di rodaggio soft di 5 giorni.

La seconda, sempre a Milano, è prevista per la metà di ottobre. Sempre a ottobre sarà inaugurato a Faenza il nuovo grande grande laboratorio di 450 metri quadri che preparerà e rifornirà tutte le pizzerie presenti e future del gruppo (tutte rigorosamente e programmaticamente a gestione diretta: niente franchising) guidato da Davide Fiorentini.

Le pizze in teglia saranno precotte e distribuite nei locali. Per chi sta arricciando il naso, questa è un’ottima strada per garantire la qualità alta che è al primo posto del manifesto di ‘O Fiore Mio. D’altronde abbiamo positivi esempi cui rimandare come il Trapizzino di Stefano Callegari e soci che da Roma è volato in altri continenti.

A dirigere tutte le operazioni in sala impasto è il pizzaiolo executive del gruppo Jonathan Trombini, vecchia conoscenza dei lettori di Scatti di Gusto, che si occupa anche della formazione del personale dei punti vendita.

A Milano, non vedrete laboratori o impastatrici, ma il prodotto pronto per essere farcito con l’impostazione della pizzeria di Bologna.

“Ogni pizzeria avrà in menu una o due pizze del territorio”, spiega Trombini, che per Milano ha messo a punto La Bauscia con crema di riso allo zafferano, Luganega, Taleggio e germogli.

Il primo passo per dare una spinta in più ad ogni pizzeria. Anche se ‘O Fiore Mio vuole guardare agli altri lievitati, i cornetti fatti con il burro e come il dio gastronomico comanda, e il pane, nuova frontiera del prodotto alimentare di qualità di cui Trombini è fedele sacerdote.

Nel frattempo, ecco il menu e i prezzi della pizzeria al taglio che vedrete stasera con la Alito Fresco che fa da pendant alla Bauscia nella provocazione del nome.

Il primo locale di Milano è una pizzeria da asporto di piccole dimensioni che può funzionare proprio in virtù del laboratorio di Faenza. A questo seguirà una pizzeria con posti a sedere e con la pizza tonda che verrà sfornata dal Neapolis del nostro sponsor Moretti Forni. E ci saranno appunto i cornetti e il pane secondo il nuovo modello di pizzeria allargata agli altri lievitati.

Di Emanuele Bonati

"Esco, vedo gente, mangio cose" Lavora nell'editoria da oltre 40 anni. Legge compulsivamente da oltre 50 anni. Mangia da oltre 60 anni. Racconta quello che mangia, e il perché e il percome, online e non, da una decina d'anni. Verrà ricordato per aver fatto la foto della pizza di Cracco.