Riaperture e nuove aperture dei ristoranti a Milano in zona gialla: le date

Milano ritorna in zona gialla, e anche i ristoranti gourmet iniziano ad aprire per il servizio di mezzogiorno: da Contraste a Viviana Varese, da Andrea Berton a Felix Lo Basso, in attesa di Volemose Bene

Tempo di lettura: 5 minuti

Nuove aperture e riaperture: ancora una volta la Milano della ristorazione, rientrata in zona gialla, riparte. Ormai asporto e delivery sono una realtà consolidata, che ha comunque dato il suo apporto alla sopravvivenza dei locali, ma la vera natura dei locali è quella con la gente a tavola.

Cominciano quindi a riaprire i locali chiusi da tempo, che magari hanno approfittato del lockdown per rinnovarsi nell’ambiente o nei contenuti. E si succedono gli annunci di nuove aperture, più o meno imminenti. Fra le riaperture, sempre diurne, segnaliamo il Contraste di Matias Perdomo, venerdì 5 febbraio, annunciata con un video su Facebook. E fra le nuove aperture di Milano, recentissima, La Trattoria all’Ortica.

Martedì 2 febbraio apre la Bottega Urbana di Felix Lo Basso

La Bottega Urbana di Felice Lo Basso si trova negli stessi spazi del suo nuovo ristorante, nelle vetrine che danno su via Gustavo Modena.

“È una grande settimana quella che ci attende a Milano… martedì 2 febbraio apre la nostra Bottega•Urbana Dolce&salato (in Via Ciro Menotti 6) e venerdì 5 febbraio riapre a pranzo (nelle giornate di venerdì, sabato e domenica) il nostro Felix Lo Basso Home & Restaurant.”

felix lo basso nuova apertura milano bottega urbana logo

Dopo il recupero della dimensione “casalinga” del Felix Lo Basso Restaurant, ci si allarga alla dimensione “negozio di quartiere”, all’idea di servizio per le esigenze del quotidiano. Prodotti dolci e salati, con la collaborazione di Domenico Giove, giovane pasticciere in quel di Ginosa – sempre Puglia, nel Tarantino. Provenienza: Alma e Iginio Massari…

Su Instagram e su Facebook sono già visibili i primi prodotti, come la bruschetta qui sopra.

Felix Lo Basso Bottega Urbana. Via Ciro Menotti, 6. Milano. Tel. +39 0245409759.

Nuova aperture a Milano: Volemose Bene di Luca Guelfi

Apre sabato 6 febbraio Volemose Bene, il nuovo ristorante romanesco di Luca Guelfi che sostituisce il suo Petit Bistro in via Vespucci (sotto le torri delle ex-Varesine, in pratica). Il locale nasce dalla collaborazione di Guelfi con Luca “Er Ciccio” e Willy “Er Secco” del Volemose Bene 1 in via Moscova.

Scrive Luca Guelfi sul suo Facebook:

2 mesi e mezzo di lavori di ristrutturazione. 1 mese di prove cucina. È venuto proprio bene. Una cartolina turistica di Roma. Carciofi, puntarelle, melanzane, broccoletti, fiori di zucchina, polpette, straccetti, saltimbocca, trippa, abbacchio, porchetta, cacio e pepe, carbonara, tonnarelli, gricia e la pinsa romana, in 4 versioni. Aprirà tutti i giorni, 7 su 7, a partire da Sabato 6 Febbraio, dalle 12 alle 18.”

Attendiamo anche, per la nostra mappa delle nuove aperture a Milano, notizie della Trattoria Milanese. Intanto, riaprirà un altro dei locali di Luca, lo “storico” Canteen, ristorante messicano in via Archimede.

CANTEEN apre solo il week end. Con il brunch messicano. Il Sabato e la Domenica. Si mangia in giardino, riscaldato. E il dj suonerà tutto il pomeriggio.”

Riaperture a Milano: 5 febbraio per il Ristorante Berton

andrea berton

Ritorna anche il ristorante stellato di Andrea Berton, a partire da venerdì 5 febbraio, con i suoi “pranzi di lavoro” (un suo piatto per il pranzo lo abbiamo messo in copertina). Il ristorante osserverà orari di apertura differenziati: dal martedì al venerdì, dalle 12.30 alle 15.30, rimanendo entro i limiti temporali concessi ai locali in zona gialla. Il sabato e domenica, invece, doppio turno: dalle 12.00 alle 13.30 e dalle 15.00 alle 16.30.

Ristorante Berton. Via Mike Bongiorno, 13. Milano. Tel. +39 02 67075801.

Riaperture a Milano: 4 febbraio per ViVa e stop al delivery

ristorante ViVa Viviana Varese Milano

Anche ViVa Viviana Varese ritorna, a partire dal 4 febbraio, giovedì. Sempre, naturalmente, solo per il pranzo.

La chef stellata, che aveva sfruttato le possibilità del delivery sin dall’inizio, aveva da poco deciso di rinunciarvi, come ha dichiarato in un’intervista al Corriere.

Nel 2020 ho fatto tantissime cose, ho messo in barattolo canditi, marmellate, nocciolate e verdure. Ma i piatti del ristorante non possono stare in una scatoletta, non riesco più a farlo! Ho troppo rispetto per il mio lavoro e per la bellezza che in una scatoletta non riesce ad entrare. Durante le Feste ho capito che un ristorante stellato non può fare consegne a domicilio. Almeno, io non le posso più fare: mi è venuta una crisi isterica. Pietanze su cui io lavoro un giorno, un giorno e mezzo, che finiscono in una scatoletta e inevitabilmente si rovinano.” 

Fra l’altro, Viviana era stata una delle prime a dotarsi di un modernissimo impianto di purificazione dell’aria. Che ora potrà sfruttare di nuovo.

ViVa Viviana Varese. Piazza XXV Aprile. Milano. Tel. +39 02 4949 7340.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui