Le tapas stellate di Lino Scarallo che ha sbancato a MasterChef

Tempo di lettura: 4 minuti

L’occasione è stata la Festa a Vico: la troupe di MasterChef Italia è andata in Campania per la prova in esterna con Antonino Cannavacciuolo e Gennaro Esposito, i due chef bistellati di Villa Crespi e della Torre del Saracino, a pranzo con le rispettive madri.

La brigata blu perde e viene mandata al Pressure Test: Maria Teresa, Giada, Gianna, Nicolò, Francesca, Marisa e Vincenzo e Andrea dovranno cimentarsi con le tapas.

Ma non quelle usuali che si sono diffuse in Italia.

Devono trovare ispirazione dalle tapas di Lino Scarallo, chef stellato di Palazzo Petrucci a Napoli, e dalla lista dei suoi 10 ingredienti: spaghetti, passata di pomodoro, mozzarella di bufala, gamberi rossi, vongole, friarielli, calamari, acciughe, fesa di manzo, limone di Sorrento.

Attenzione a non pensare che Palazzo Petrucci sia un ristorante di tapas. In realtà i finger food scaralliani sono materia sempre presente al Malandrino, lounge bar del palazzetto di Posillipo, e sono ben conosciuti dai frequentatori delle numerose feste che qui si tengono.

E qualche tapas, come il Cuore di Bue, si è vista in azione anche in qualche manifestazione esterna come Buonissimi a Salerno.

E quindi non mi potevo esimere dal cercare in archivio le 5 tapas che sono state le protagoniste della puntata di MasterChef.

Partendo ovviamente dal piatto cult che non manca mai (e non dovrebbe mancare nemmeno a voi) nei miei percorsi alla tavola di Palazzo Petrucci: la lasagnetta di mozzarella e gamberi rossi (di cui avete anche la ricetta).

Gli spaghetti a vongole con tre consistenze di friarielli: salsa, polvere e cimette.

Lo spaghetto in carrozza, combo tra la mozzarella in carrozza e frittatina di spaghetti. Qui con l’aggiunta dell’alice di Cetara. Buonissima.

Il Cuore di Bue, cioè il pomodoro della Costiera Sorrentina, una tartare di fesa di manzo per un finto pomodoro che va giù in un boccone.

La zuppetta di mare con il latte della mozzarella che avvolge calamari, gamberi, vongole e una julienne di limoni di Sorrento.

Ora a voi. Cosa sceglierete?

Io prendo la lasagnetta di mozzarella e gamberi rossi in versione XL (secondo voi questa qui sopra è mini o maxi?).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui