Olio extravergine bottiglie

Olio extravergine falso: test del Salvagente. Qualità inferiore per 7 su 15

Olio extravergine di oliva falso al supermercato: secondo un test de Il Salvagente 7 oli su 15 sono di qualità inferiore. Migliori e peggiori

Notizie

Olio extravergine falso: ci risiamo. Secondo Il Salvagente l’olio che compriamo al supermercato come extravergine è in realtà, nella metà dei casi, semplice olio vergine di oliva.

La rivista, il cui slogan recita “leader nei test di laboratorio contro le truffe ai consumatori”, ha chiesto al Laboratorio chimico dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Roma di sottoporre a test 15 extravergini.

Dall’assaggio è emerso che circa la metà è olio extravergine falso, perché deteriorato da vari difetti, e dunque retrocesso alla categoria di olio vergine.

Non esiste un problema di salute, intendiamoci, casomai la bocciatura della rivista tocca le tasche dei consumatori.

In pratica, spendiamo fino al 40% in più per mettere nelle nostre dispense quello che, in realtà, è ormai olio extravergine falso.

Anche se oggi, gli oleifici interessati rispondono che la perdita di qualità dell’olio non dipenderebbe da loro. Ma da problemi di stoccaggio o di trasporto. E c’è anche la risposta polemica di Assitol, associazione degli industriali dell’olio.

Il Salvagente non è nuovo a inchieste del genere. Nel 2015 aveva fatto scalpore la denuncia della stessa rivista sull’olio extravergine falso e, in genere, sul basso livello degli extravergini acquistabili nei supermercati. Un deterrente per la reputazione dei migliori prodotti artigianali italiani.

All’epoca, in un test analogo a quello di oggi, erano state 9 su 20 le marche di olio extravergine falso perché declassato a olio vergine.

Con tanto di indagine della Procura di Torino aperta con l’ipotesi di frode in commercio. Il successivo intervento dell’Antitrust portò a multare gli oleifici coinvolti, causa scorrettezza nelle pratiche commerciali.

Olio extravergine: differenza con olio di oliva

Falso olio extravergine pane

Per non essere olio extravergine falso, un olio deve avere caratteristiche precise. Sia dal punto di vista chimico che organolettico, cioè relativo a consistenza, colore, odore e acidità, che dev’essere contenuta entro 0,8 grammi per 100 grammi.

Altra regola: l’estrazione dell’olio extravergine può avvenire solo attraverso strumenti meccanici a freddo, entro temperature inferiori a 27 gradi.

Le olive mature si raccolgono a mano quando sono pronte, e seguono un percorso fatto di separazione dalle foglie, lavaggio, molitura, centrifuga e, se richiesto, filtrazione.

C’è infine un preciso regolamento europeo che fissa i parametri di qualità richiesti a un olio per non essere falso extravergine. Disattendere uno solo di questi parametri può decretare la retrocessione da una categoria (extravergine) a quella inferiore (vergine).

Il discorso è completamente diverso per l’olio di oliva. Che è soltanto una miscela composta da olio vergine e oli ricavati da sostanze chimiche. L’acidità dev’essere contenuta entro 1 grammo per 100 grammi.

L’affidabilità e veridicità del test organolettico sull’olio extravergine è sancita da una sentenza del Consiglio di Stato. Che lo ritiene essenziale per classificare l’olio in modo corretto, in quanto basata parametri qualitativi predeterminati.

Il migliore olio extravergine al supermercato

Olio degustazione Taste 2018

Nel test che ha rivelato il falso olio extravergine, secondo Il Salvagente 8 marche compongono la classifica del migliore extravergine acquistabile nei supermercati. Eccole, in ordine di graduatoria.

  • 1. Monini classico, prezzo 5,49 euro. Voto: 9,5;
  • 2. Bertolli Fragrante, prezzo 5,99 euro. Voto 9;
  • 3. Esselunga classico, prezzo 3,99 euro. Voto 8,8 (migliore acquisto);
  • 4. Coop, prezzo 4,90 euro. Voto 7,9;
  • 5. Conad classico, prezzo 4,80 euro. Voto 7,9;
  • 6. Farchioni, prezzo 5,60 euro. Voto 7,5;
  • 7. Primadonna Lidl, prezzo 3,79 euro. Voto 6,5;
  • 8. Carrefour cucina delicata, prezzo 4,59 euro. Voto 6,5.

Bocciati dal test de Il Salvagente

Falso olio extravergine bottiglia

Il falso olio extravergine presente tra gli scaffali dei supermercati, retrocesso a vergine dal test de Il Salvagente, appartiene invece a queste 7 marche.

  • Carapelli Frantolio, prezzo 6,38 euro. Voto 3;
  • Colavita Mediterraneo tradizionale, prezzo 5,79 euro. Voto 3;
  • Cirio classico, prezzo 5,25 euro. Voto 3;
  • Coricelli, prezzo 5,79 euro. Voto 3;
  • De Cecco classico, prezzo 4,99 euro. Voto 3;
  • La Badia Eurospin, prezzo 3,79 euro. Voto 3
  • Il Saggio Olivo Todis, prezzo 2,99 euro. Voto 3