Miracolo a Milano/4 È amore con That’s Vapore, tranne i vaporini

“That’s Amore!”

“Ma no, Totò, leggi bene: questo posto si chiama ‘That’s Vapore’, davvero…”

Totò aveva proprio l’impressione che volessi fregarlo in qualche modo, non so se sospettasse che volessi portarlo in un locale tarocco coi mandolini scordati, le tovaglie a quadrettoni rossi madeinchina, le pizze plasticate o se semplicemente volesse farmi capire che a lui non lo fregavo, non era mica scemo…

Insomma, siamo andati in questo locale nuovo, nuovissimo anzi, aperto da un mese (esattamente, dal 21 dicembre) qui a Milano, all’inizio di Corso di Porta Vittoria. Come suggerisce il nome, il locale propone piatti cotti, appunto, a vapore.

Il posto si presenta molto curato: legno, e colori caldi; i tavolini sono suddivisi fra piano terra e piano soppalcato; un bel ficus troneggia al centro locale, forse anche troppo, dà un’impressione di “pieno” forse eccessiva… Alle pareti, foto di vapore – di fabbrica, di treno, ma anche di specchi appannati, persone riflesse fra le gocce e la condensa… e in questo dettaglio trovo un’attenzione, e un’idea di fondo, assolutamente ben pensate: si veda anche la frase shakespeariana dipinta sul soffitto, “L’amore è una nuvola fatta d’un vapore di sospiri”, da Romeo e Giulietta, che ha molto colpito Totò (forse perché ha ancora adesso l’aria un po’ tra le nuvole…).

“Bella frase… e senti qua – ‘In cucina è leggerezza e sapore. Nella storia è rivoluzione, in natura pura energia. Per noi il vapore è fantasia, libertà, ispirazione.’ Bello, no?” Totò ha letto le frasi stampate sulla tovaglietta di carta. Sì, bello – bella l’idea, il concept, giusto?, sembra tutto connesso, tutto a posto, prima ancora di mangiare qualcosa, il gusto del posto ci piace.

Una breve ricerca su Internet (a proposito: il sito non è ancora attivo) e trovo i nomi di Vanni Bombonato e Filippo Cadeo (gentili cordiali premurosi sorridenti, come tutto il personale direi: molto piacevoli; peccato per quella definizione di “vaporini” che ho letto sulle info su facebook): sono loro ad avere avuto e sviluppato l’idea, dopo aver visto un ristorante simile a Ginevra (ce ne deve essere un altro a Parigi), l’ambiente, e tutto quanto – affidandosi per l’ideazione del menu al corso Marc Farellacci, chef e manager, che ha appena curato il rilancio dell’Assassino, sempre qui a Milano.

Il menu: non c’è (ancora?) un menu scritto, ma c’è un bancone con tutti i piatti in bella mostra, già porzionati, ovviamente crudi, in vaschette di legno (di pino), che verranno poi messe in uno dei grandi forni a vapore e “vaporizzati” a 104° per pochi minuti, per uscirne perfettamente cotti (e bollenti) – e buoni, soprattutto.

Una rapida scorsa al bancone (ma il menu può variare, si possono aggiungere piatti nuovi ed esperimenti, come l’anatra): Fazzoletti di zucca, Panzerotti di magro, Ravioli di arrosto con carne, Tortelloni di salmone affumicato, Panzerotti di monococco al bagoss e ricotta, Verza ai due salmoni, Baccalà limone e prezzemolo, Cubi di salmone all’arancia, Pollo all’orientale con couscous, Straccetti di tacchino con funghi, Petto d’anatra in crosta di zafferano con verdure pomodori secchi chutney e spezie, Couscous con verdure, Gamberi e calamari con cime di rapa, Carciofi di Sardegna stufati, verdurine varie… E due zuppe: Mesciua spezzina e Vellutata potimarron e castagne. Dolci di una pasticceria artigianale, a parte il tiramisù di produzione propria. Juice bar. Brunch (con uovo al vapore… io e Totò ci guardiamo – lo vogliamo, ci torniamo).

Cosa non ci è piaciuto? Il termine “vaporino” per i ragazzi/e del servizio (oddìo, poteva andare peggio: se li chiamavano “vaporetti”, o “svaporati”…), la mancanza di un menu scritto, qualcosa di meglio sull’accoglienza forse. Ma comunque i “vaporini” (brrr) erano tutti giovani gentili e carini, per cui via questo punto di parziale demerito.

Cosa ci è piaciuto? L’idea, il concept, la coerenza del tutto. La vellutata di potimarron (è un tipo di zucca dolce, dalla forma e dal sapore che ricordano quelle delle castagne; è detta anche zucca giapponese) e castagne. Il petto d’anatra, adagiato sul suo letto di verdurine, cotto bene, morbido, saporito.

I panzerotti di monococco (un tipo di frumento, molto antico) col bagoss (una specie di grana proveniente da Bagolino, nel bresciano): buoni, anche loro su un letto di verdurine.

Il tiramisù (l’avrei preferito con un po’ meno cacao spolverato sopra, a dire il vero…), assolutamente ottimo, delicato, anche se probabilmente non cucinato a vapore 🙂 …

Insomma, buono, interessante, da riprovare. Prezzi? La vellutata, 5,50 €; i panzerotti, 9,50 €; l’anatra, 12 €; il tiramisu, 3,50 €.

Che ne dici, Totò?

“Beh – se il buongiorno si vede dal mattino…”

That’s Vapore. Corso di Porta Vittoria 5. Milano. Tel. +39 02.76281437




4 commenti su “Miracolo a Milano/4 È amore con That’s Vapore, tranne i vaporini

  1. Idea fantastica, ci sono verdure che sembrano condite per natura, se cotte al vapore, proverò. Per il tiramisù “probabilmente non cucinato al vapore”, l’idea non sarebbe così balzana, visto che Cracco lo fa proprio cotto al vapore. Saluti a Totò…

  2. Ok ragazzi…mi sa che mi tocca abbandonare…Vaporini in effetti non è proprio questo gran capolavoro, considerate che avevamo anche valutato Svaporati come dite voi!!!

    La carta in realtà esiste, ma a volte capita che i Vaporini…pardon i ragazzi…si dimentichino di farla trovare al tavolo.

    Vi aspettiamo al brunch, le uova alla cocque sono buonissime. Il Website andrà live entro questa settimana, incrociando le dita, ed in arrivo è anche il servizio di Delivery.

    Grazie per essere passati e per i consigli!

  3. Interessante iniziativa in una città che riesce a fare impresa anche con la ristorazione. manco da Milano da diversi anni e non so quanto vitale sia realmente da questo punto di vista ma le idee e le intuizioni hanno bisogno di essere supportate da progetti chiari e questo mi sembra esserlo, decisamente in linea con la voglia salutista che c’è in giro. Grande Milano!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.