pizza regina margherita dav milano

DaV Milano, la recensione delle pizze Margherita e Nuvola dei Cerea

La prima recensione delle pizze di DaV Milano: la Margherita, pizza con il cornicione alla napoletana, e la Nuvola Tre Pomodori gourmet

Pizzerie

La recensione della pizza Regina Margherita e della pizza “Nuvola” Tre Pomodori di DaV Milano a tempo di record. L’apertura “silenziosa” del nuovo ristorante pizzeria di Da Vittorio (3 stelle Michelin a Brusaporto, Bergamo, e altre sparse per il mondo), ha creato grande interesse. Sia per la scelta di Milano, che di Citylife. 

Milano: siamo a due passi da Bergamo – ma non si tratta di una replica della casa madre, nonostante il menu ristorante, antologia dei loro successi. Il format è differente, più easy, come si dice. 

dav milano bar sala

Citylife: scelta interessante, visto che mancava qui un avamposto dell’alta ristorazione, dopo l’abbandono di Attimi di Heinz Beck. Interessante anche per la scelta dello spazio, con terrazzo, al primo piano della Torre Allianz. Torre dove peraltro i Cerea curavano già i servizi di ristorazione.

Ristorante casual e pizzeria è la formula scelta dai Cerea per questo locale. Le pizze sono realizzate da Alessio Rovetta, il nuovo pizzaiolo del gruppo – ve lo abbiamo presentato in occasione dell’apertura di DaV alla Cantalupa.

La recensione della pizza Regina Margherita di DaV Milano

pizza regina margherita recensione dav milano

La Regina Margherita fa parte delle “Pizze Cornicione” di DaV Milano: l’ho scelta per la mia recensione perché tutto il mondo dice che si parte sempre dalla margherita, per valutare.

Pomodoro San Marzano, mozzarella di bufala, Parmigiano e basilico, impasto in cui entra, tra le altre farine, anche quella di segale. Che ritroveremo anche nella Nuvola, e nel loro pane.

pizza regina margherita recensione dav milano cornicione

Bello il cornicione, asciutto, cottura ok, così come pomodoro e mozzarella. Il Parmigiano dona al tutto un tocco di sapore che fa la differenza, che incorona “Regina” questa margherita di DaV Milano anche nella mia recensione.

Il tutto a 25 €. Prezzo senza dubbio elevato, come già osservato sono 10 € in più della pizza del Crazy Pizza di Flavio Briatore. È un prezzo di gamma alta, scelto in base a un ragionamento e un conto preciso. E 25 € è anche il prezzo delle due pizze di Cracco in Galleria, Margherita e Vegetariana.

Ricordo qui le altre due pizze della serie Cornicione:

  • La Vip: astice, bacon, bisque, crema di cipollotto, tartufo nero e fior di latte di Agerola, 50 €.
  • Chicco Doppio Colpo: burrata e spalla di maiale cruda, 38 € .

Costa 25 €, ed è buona: questa, in estrema sintesi, la mia recensione della pizza Regina Margherita di DaV Milano. 

La “Nuvola” Tre Pomodori di DaV Milano: recensione

dav milano nuvola pizza 3 pomodori recensione

La carta delle pizze si divide in tre: Cornicione, Pala, Nuvola. Le Cornicione sono in stile napoletano, le Pala sono quelle oblunghe, a forma di lingua. Le Nuvola invece sono le pizze contemporanee gourmet – anche se la patente gourmet va a tutte le pizze delle tre proposte. Sono della pizze cotte al vapore, che vengono ripassate in forno e guarnite con i vari ingredienti del topping. Ricordate la loro prima breve apparizione milanese a opera di Alajmo? Ecco, un po’ tipo quelle.

Volendo fare un’altra recensione dopo quella della Regina Margherita di DaV Milano, e come auto-regalo di compleanno anticipato, ho scelto la Nuvola Tre Pomodori. 

Mi sono lasciato attirare proprio della presenza di tre pomodori nel topping. San Marzano in salsa, Cuore di Bue al limone in dadolata, pomodorini confit.  

dav milano nuvola pizza 3 pomodori sèicchi

La pizza si presenta con una bella crosta croccante, e con un bell’aspetto generale, divisa in spicchi. È una pizza gourmet, creata da Alessio Rovetta su indicazione di Chicco Cerea che voleva un prodotto originale e contemporaneo.

Recensione della Tre Pomodori di DaV Milano: mi è piaciuta, amo tutti i pomodori. Solo, l’interno mi è sembrato poco convincente, troppo morbido forse, in bocca mi ha lasciato un po’ perplesso. L’impasto è lo stesso delle pizze Cornicione.

E magari avrei voluto sentire di più la bottarga, altro ingrediente assieme alla stracciatella.

Si tratta comunque di una pizza da condividere, molto apprezzata anche a un paio di tavoli a portata d’occhio. Andare a DaV Milano da solo, alla ricerca della recensione-lampo, mi sa che non è stata la scelta ideale.

La Tre Pomodori costa anch’essa 25 €. Le altre due Nuvola:

  • Tonno Tonnata: tataki di tonno, salsa tonnata al Martini e capperi, 45 €.
  • Capriccio: crema di parmigiano, cotto selezione 60, bufala e lattuga scottata, 35 € .

Il dolce: Pavlova a sorpresa

pavlova dav milano recensione

Sempre come auto-regalo, un dolce. Da Vittorio a Brusaporto è famoso e apprezzato per tutto, anche per i dolci. DaV Milano ne propone 4 (tutti 12€), tra cui i famosi cannoncini: ho scelto la Pavlova, e aggiungo la recensione a questo mio post pizzesco.

pavlova dav milano aperta

Meringa, fragole e crema alla vaniglia: descrizione quanto mai minimalista per questo dolce. Si presenta come una sfera di meringa ricoperta di panna, da rompere delicatamente col cucchiaio (usatelo di taglio). All’interno, un mix comprendente la crema, fragole, anche sotto forma di gelato, frutta. 

La mia migliore e più divertente Pavlova.   

Alla fine, molto soddisfatto, e molto sazio.

L’aperitivo in terrazza e il locale

terrazza torre allianz

OK – mi sono accomodato in terrazza (che nel corso della serata si è riempita), e ho preso anche un aperitivo. Sempre con l’idea di festeggiare eccetera. Un Amber Dusk (14 €): Seedlip Groove 42, Cranberry, Sciroppo al Mango, Lime. Piacevole.

mac finger aperitivo

Accompagnato da tre finger food ispirati ai menu di McDonald’s: un mini club sandwich, un mini hamburger, un mini hot dog. Divertenti, e assolutamente buoni.

Resta da dire del locale. Ci si arriva da un ascensore dedicato, che fa in automatico avanti e indietro fra pianterreno e primo piano. È una specie di loop, e non ci sono pulsanti di chiamata. 

sala dav milano e cucina

Ingresso, corridoio, bar a destra su un’ampia sala (direi un’ottantina di posti). Sul fondo, un banco di cucina, e il reparto pizza; dietro, la cucina vera e propria. 

Il motivo ornamentale che ricopre le pareti è stato realizzato per armonizzarsi con il design della Torre Allianz, progettata dall’architetto Arata Isozaki con Andrea Maffei. 

terrazza dav milano

Un’altra settantina di posti in terrazza, incastonata tra le costruzioni sul retro della Torre Allianz.

Il servizio

dav milano tavolo

Recensione del servizio a DaV Milano: cordiale, solerte (ma mi posso anche versare da solo l’acqua, grazie), molto gentile. Qualche incertezza, ma sono aperti da un paio di giorni. Qualche disattenzione – perché tutti hanno avuto il cioccolatino pre-caffè, e io no? E qualche attesa di troppo, in particolare per il conto. L’ho chiesto, sono andato in toilette, due parole con Bobo Cerea, presente in sala con il fratello Francesco, e con Alessio Rovetta. Tornato al tavolo, ho aspettato – i due tavoli vicini lo hanno chiesto, ricevuto e pagato – ri-chiesto e pagato. Niente di grave – se avessi avuto fretta, avrei insistito. 

Con uno sconticino perché la Tre Pomodori non mi aveva soddisfatto del tutto. Questo mi ripaga dell’attesa. 

E il ristorante? Beh, ci ritornerò – sto già scegliendo dal menu cosa mangiare.    

DaV Milano. Piazza Tre Torri, 3 (c/o Torre Allianz). Milano. Tel. +390236723830. 
Facebook




Di Emanuele Bonati

"Esco, vedo gente, mangio cose" Lavora nell'editoria da oltre 40 anni. Legge compulsivamente da oltre 50 anni. Mangia da oltre 60 anni. Racconta quello che mangia, e il perché e il percome, online e non, da una decina d'anni. Verrà ricordato per aver fatto la foto della pizza di Cracco.