Milano. Menu e prezzi di Berberè Centrale, la nuova e più grande pizzeria dei fratelli Aloe

Pizzerie

La pizzeria Berberè Centrale apre (come avevamo annunciato) il 27 marzo a poca distanza dalla Stazione Centrale di Milano. È la più grande di tutte e 10 (se non ho perso il conto) pizzerie che i fratelli Aloe hanno aperto in giro per il mondo: 120 posti.

10 locali in 10 anni, è una bella media, diciamolo. Solo in Italia: ce ne sono altri 2 a Londra, anche se si chiamano Radio Alice.

I fratelli Matteo e Salvatore Aloe sono partiti da Bologna (ma loro sono calabresi, ricordiamolo) con la loro idea di pizza e nel tempo ai due locali bolognesi, nel centro storico e a Castel Maggiore, si sono aggiunti quelli di Milano (questo è il terzo, dopo quelli all’Isola e sui Navigli, di Torino, di Firenze (due, a San Frediano e a Santa Croce), di Roma e di Verona. E come sempre, dietro a un successo, c’è un progetto forte.

Che, nel loro caso, è enunciato in un vero e proprio “Manifesto”, un proclama e un programma che delinea le caratteristiche del loro prodotto.

A questo si aggiungono altri elementi. Berberè “nasce nel 2010 a Bologna con l’obiettivo di dare nuova identità alla pizza, mantenendone allo stesso tempo l’anima pop e valorizzandone l’artigianalità attraverso la ricerca delle materie prime, lo studio degli impasti, la sperimentazione delle farine, la cura nella formazione degli artigiani che vi lavorano e il design dei locali.”

Il design: realizzato da Comunicattive e Studio Rizoma Architetture, due giovani studi bolognesi, è diverso, site specific, per ogni locale. Con un elemento caratterizzante, il wall painting, presente in tutti i locali, qui opera di un duo di visual artists, TO/LET, che si sono già occupate di altri locali, a partire dai due bolognesi. 

L’ambiente che propongono è una specie di giardino acquatico, popolato da creature anfibie, fra l’onirico e il surreale, che sta benissimo con le grafiche che caratterizzano lo stile Berberè, e lo rendono così riconoscibile. Colori vividi, quasi acidi, a metà fra il pop e il vintage.

Si entra, e ci si trova davanti il bancone, la cucina, il forno (elettrico) – a destra, una prima sala, a sinistra, altri tavoli che portano, dietro l’angolo, a un’altra saletta.

Che sarà pronta per l’inaugurazione, TO/LET stanno dando gli ultimi ritocchi alla pitture murali.

Grandi spazi, questa è una zona di negozi di abbigliamento all’ingrosso, in cui si registrano diverse chiusure, e aperture di ristoranti e simili.

Le pizze? Le conosciamo: tre diversi tipi di impasto a rotazione, classico diretto, idrolisi degli amidi, farro integrale, grano duro e enkir indiretti con biga, utilizzo del lievito madre vivo e lunghi tempi di lievitazione, 24 ore a temperatura ambiente controllata di 24 gradi. 

Il menu proposto è quello primaverile (che si trova in tutte le pizzerie Berberè). I prezzi vanno dai 5,90 € (aglio pomodoro prezzemolo) ai 13 € (prosciutto crudo di Norcia, burrata, fiordilatte, olio all’arancia). Servite a spicchi, otto, per veicolare il concetto di condivisione, che è sempre piacevole e divertente (unico problema, mai andare a mangiare in numero dispari).

Mercoledì 27 marzo appuntamento alle 19.00 per l’inaugurazione della nuova pizzeria di Milano, con degustazione gratuita delle pizze artigianali da lievito madre vivo di Berberè e djset a cura di Alioscia, frontman dei Casino Royale, e di Pizza or Vinyl, la web radio di Berberè. L’evento, organizzato in collaborazione con Elita, sarà trasmesso in diretta su Pizza or Vinyl, in filodiffusione in tutti i locali Berberè. Ottavi di pizza per tutti.

Berberè pizzeria. Via Alfredo Cappellini, 18\A. Milano. Tel. +39 0238316849.

[Immagini: Roberta Sardi StudioWood, Francesca Saracarli, iPhone Emanuele Bonati]

Tutti i Berberè su Scatti di Gusto

Berberè Santa Croce a Firenze

Berberè ospita Gabriele Bonci a Roma

Berberè a Verona

Berberè sui Navigli a Milano

Berberè rinnovato a Bologna

Berberè al Nomentano a Roma

Berberè a Milano Isola

Berberè a Torino

Berberè a Bologna Castelmaggiore

 

 

 

 

Di Emanuele Bonati

"Esco, vedo gente, mangio cose" Lavora nell'editoria da oltre 40 anni. Legge compulsivamente da oltre 50 anni. Mangia da oltre 60 anni. Racconta quello che mangia, e il perché e il percome, online e non, da una decina d'anni. Verrà ricordato per aver fatto la foto della pizza di Cracco.