Il simbolo è il Cilento. Orgogliosamente ostentato come un vessillo. La battaglia della pizzeria Da Zero e dei suoi tre soci – Paolo De Simone, Carmine Mainenti e Giuseppe Boccia – è all’insegna della qualità degli ingredienti. E della pizza, ovviamente. Una pizza che nasce nel cuore del Cilento, a Vallo della Lucania, che grazie a loro si è trasformata in un indirizzo di riferimento per gli appassionati del disco di pasta.

Dall’antica fortezza, il Castrum Cornutum dovuto al nome dei fondatori che arrivavano dalla Dalmazia, e crocevia fiorente di commerci, è partita la storia di Da Zero che ha festeggiato i 5 anni di attività.

Un percorso di crescita che non si è limitato geograficamente ma che è andato oltre il confine del capoluogo del Cilento, sede del Parco, per sconfinare a mare con un’apertura test ad Agropoli che ha consentito di spiccare il volo verso Milano con ben due nuove pizzeria che occupano i piani alti della classifica di Scatti di Gusto, una a Torino e un’altra a Matera, capitale della Cultura in questo 2019.

Una logica che mette insieme pancia e cervello e produce risultati interessantissimi.

Matera non è esattamente il luogo d’Italia in cui qualcuno andrebbe ad espandere la propria attività e invece i tre amici hanno guardato al passaggio a Nord Ovest scavalcando il Vallo di Diano e Potenza per mettere radici nei Sassi della città che ha conosciuto un impulso di crescita incredibile.

La storia ha un seme ed è quello di Storie di Pane di Paolo De Simone perché lui nasce come panificatore e con Carmine (venditore di caffè lungo la costa del mito e degli eroi) e Giuseppe pensava alla pizza come a un divertissement sull’onda della nuova pizza di qualità con pionieri come Enzo Coccia.

E da Storie di Pane, luogo che mescola alla perfezione, parte questo viaggio per scoprire la nuova anima di Da Zero che si trasforma mantenendo la barra dritta alla ricerca del meglio dei territori.

Il ponte è come uno scauratiello cilentano che ancora la madre di Paolo De Simone prepara seguendo ricette e tradizioni di una terra che molti identificano solo con il mare tra i più puliti d’Italia ma che è molto di più.

Impossibile resistere alla tentazione del miele che ricopre il simbolo dell’infinito fritto o a quella dei cornetti fragranti.

Come ai panini farciti di ogni ben di Dio, melanzane e salumi in primis. E alla mozzarella nella mortella che è stata tra i protagonisti dell’evento di Pizze di Primavera nella sede di via dell’Orso a Milano.

Pizza e territorio, recita lo slogan di Da Zero.

E lo ritrovi nella pizzeria nei Sassi di Matera e nel menu.

Un trasporto che corre lungo la Basentana per portare la Primula Palinuri del compleanno tra le volte del locale che conserva i tratti distintivi delle pizzerie Da Zero da nord a sud della Penisola.

E si fortifica in quattro pizze speciali dedicate al territorio della Murgia Materana.

Ne abbiamo assaggiato tra condividendole al tavolo.

Dal Sasso ai Sassi con fiordilatte, peperone crusco, cipolla, salsiccia pezzente e scaglie di caciocavallo podolico (9,50 €).

Arrecanata con fiordilatte, patate arrecanate, peperone crusco, salsiccia pezzente (9,50 €).

Mathera con provola affumicata, pomodoro datterino giallo, patate saltate in padella con cipolla, salsiccia pezzente, funghi cardoncelli (10 €).

Molto buone e ben radicate in elementi identitari di questo angolo della Lucania.

L’impasto è quello “classico” di Da Zero anche se in questa giornata caldissima e super affollata in pizzeria ha avuto qualche sbalzo di temperatura di troppo.

Ma andateci con fiducia, ritroverete una delle migliori pizzerie d’Italia.

E noi per consolarci dei panetti terminati e del mancato assaggio della quarta pizza materna, la Rossa di Sera con pacchetelle di pomodoro, stracciatella e capocollo di maiale, ci siamo tuffati nel dessert.

Salsiccia pezzente, patate e funghi cardoncelli!

E non dimenticate che Paolo De Simone sarà a Notte di Stelle in versione panificatore con i suoi pani e le sue focacce pronti per accompagnare i piatti e le materie prime degli altri Artigiani del Gusto.

L’appuntamento è per lunedì 9 settembre al Castello di Lettere. Pane e stelle per voi che sapete far battere forte il cuore proprio come fa Paolo De Simone con Carmine Mainenti e Giuseppe Boccia.

Pizzeria Da Zero. Via Madonna delle Virtù, 12. Matera. Tel. +39 0835.1652369

Notte di Stelle. Info

Come partecipare a Notte di Stelle 2019

PER PARTECIPARE A NOTTE DI STELLE SARÀ SUFFICIENTE EFFETTUARE
ENTRO GIOVEDÌ 5 SETTEMBRE 
UN BONIFICO BANCARIO
(donazione minima consigliata 50 € a persona; 30 € per gli Under 30)
IN FAVORE DELL’ASSOCIAZIONE SOSTENITORI OSPEDALE SANTOBONO ONLUS SUL CONTO CORRENTE BANCA PROSSIMA IBAN: IT53L0335901600100000103988,
OPPURE SU MetooO (link)
 FINO A LUNEDÌ 9 SETTEMBRE MATTINA. NELLA CAUSALE DEL BONIFICO DELLA DONAZIONE DOVRÀ ESSERE SPECIFICATO “PARTECIPAZIONE A NOTTE DI STELLE”. PER L’ACCESSO SARÀ NECESSARIO ESIBIRE LA RICEVUTA DEL BONIFICO.

Sarà anche possibile effettuare la donazione direttamente sul posto (donazione minima consigliata di 50 € a persona; 30 € per gli Under 30) al Castello di Lettere nelle mani dei volontari dell’Università delle Tradizioni che si occuperanno di girare il ricavato all’Associazione Sostenitori Ospedale Santobono.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui