guida ai migliori ristoranti l'espresso 2022

I nuovi 5 cappelli della Guida ai migliori ristoranti de L’Espresso 2022

Ultima pubblicazione nel 2022 con il gruppo La Stampa/Repubblica per la guida de L'Espresso ai migliori ristoranti. Cosa riserva il futuro?

Ristoranti

Sono 18 in totale i ristoranti che si fregiano del massimo riconoscimento, 5 cappelli, nella guida de L’Espresso 2022.

Cioè 5 in più rispetto all’anno scorso grazie alle new entry di Antonia Klugmann dell’Argine di Vencò, Ana Roš di Hisa Franko a Caporetto, Alessandro Dal Degan della Tana Gourmet ad Asiago nel Nord Est. Ritorna in primo piano anche Carlo Cracco con il suo ristorante in Galleria a Milano. Al sud i 5 cappelli vanno a Giuseppe Iannotti del Kresios di Telese Terme che mette in bacheca il riconoscimento assieme alle due stelle Michelin.

Ecco il quadro completo.

I migliori ristoranti in Italia per la guida de L’Espresso 2022

Giuseppe Iannotti Guida ristoranti L'Espresso 2022
Giuseppe Iannotti. Foto di Marco Varoli
  1. Casadonna Reale Castel di Sangro (AQ)
  2. Cracco Milano
  3. D’O Cornaredo (MI)
  4. Duomo Ragusa Ibla (RG)
  5. Hisa Franko Slovenia
  6. Hotel Mandarin Oriental – Seta Milano
  7. Hotel Rosa Alpina St. Hubertus Badia (BZ)
  8. Kresios Telese Terme (BN)
  9. La Madia Licata (AG)
  10. La Tana Gourmet Asiago (VI)
  11. L’Argine a Vencò Dolegna del Colliio (GO)
  12. Le Calandre Rubano (PD)
  13. Lido 84 Gardone Riviera (BS)
  14. Madonnina del Pescatore Senigallia (AN)
  15. Osteria Francescana Modena
  16. Piazza Duomo Alba (CN)
  17. Uliassi Senigallia (AN)
  18. Villa Feltrinelli Gargnano (BS)

Gli altri risultati

C’è sempre “l’Olimpo” dei migliori ristoranti italiani per la Guida de L’Espresso 2022. Cioè quei 14 ristoranti che hanno conquistato il cappello d’oro in quanto nuovi classici intramontabili.

Salgono invece a 34 i 4 cappelli che nell’edizione dell’anno scorso erano 29.

Notevole il balzo in avanti dei ristoranti con 3 cappelli che da 79 passano a 117.

E salgono in misura analoga i ristoranti con 2 cappelli che da 236 della scorsa edizione della guida de L’Espresso arrivano a 273.

Perdono qualche punto, invece, i ristoranti con 1 solo cappello: da 619 a 605. Sono comunque da considerare tra i migliori ristoranti del 2022 per l’Espresso. In guida ci sono 2.000 ristoranti che rappresentano l’1% delle insegne italiane.

I premi speciali per i ristoranti dell’Espresso 2022

Pioggia di premi speciali per i protagonisti dei migliori ristoranti de l’Espresso nel 2022.

Due le donne che ricevono un premio. Mariella Organi della Madonnina del Pescatore di Senigallia è maître dell’anno. Fabrizia Meroi del Laite di Sappada è cuoca dell’anno.

Giovane dell’anno è Giuseppe Molaro del ristorante Contaminazioni di Somma Vesuviana vicino Napoli.

Marco Ambrosino di 28 posti a Milano conquista il premio per l’innovazione in cucina.

Ex aequo per la performance dell’anno con Errico Recanati di Andreina a Loreto nelle Marche e Antonio Biafora di Hyle a San Giovanni in Fiore in Calabria.

Il pranzo dell’anno è stato consumato grazie ad Alessandro Dal Degan alla Tana gourmet di Asiago. A Roma, invece, c’è la cantina migliore del 2022: è quella dell’Enoteca La Torre guidata da Rudy Travagli.

Sommelier dell’anno è Fabrizio Sartorato di Da Vittorio a Brusaporto. E, per restare in tema di tristellati, il premio sala dell’anno è andato alla squadra dell’Osteria Francescana di Massimo Bottura a Modena.

La pasta migliore la trovate all’Imbuto di Lucca dello chef Cristiano Tomei. Mentre il riso più buono lo ha preparato Antonio Ziantoni da Zia a Roma.

Pasticceria dell’anno è quella dell’Harry’s piccolo di Trieste con Kevin Fejzullai.

Il premio per la migliore cucina etnica dell’anno va a Giulia Liu, famiglia di ristoratori pluridecorati, con il suo Gong di Milano.

Il caffè dell’anno lo bevete da Graziano Prest del Tivoli di Cortina. Davide Di Fabio prende il premio per la novità dell’anno grazie al suo nuovo ristorante Dalla Gioconda a Gabicce Monte.

Premio alla carriera per Lionello Cera e all’Antica Osteria di Campagna Lupia.

Le pizzerie insieme ai ristoranti nella guida dell’Espresso 2022

Luca Doro e Paolo Vizzari guida ristoranti L'Espresso 2022

Riconoscimenti per le pizzerie, agognati, nella guida Michelin non ce ne sono al netto della segnalazione di pochissime pizzerie.

Ci pensa L’Espresso a rincuorare i pizzaioli recensendo circa 100 pizzerie da nord a sud. Ma solo 4 meritano il premio Pizza d’oro. Sono:

  1. Simone Padoan de I Tigli di San Bonifacio
  2. Gabriele Bonci di Pizzarium a Roma
  3. Franco Pepe di Pepe in Grani a Caiazzo
  4. Enzo Coccia de La Notizia a Napoli. 

A loro si aggiunge Luca Doro della pizzeria Doro Gourmet di Macerata Campania che ha ricevuto il premio giovane pizzaiolo dell’anno.

Il futuro della guida de L’Espresso

Probabilmente l’edizione del 2022 sarà ricordata più che per i migliori ristoranti per la vendita de L’Espresso. Gedi, cioè il gruppo La Stampa/Repubblica, ha venduto a BFC media il settimanale. Il gruppo editoriale in cui è entrata anche la guida pubblica – tra le altre testate – Forbes Italia. E fa capo a Danilo Iervolino balzato agli onori delle cronache anche per l’acquisto della Salernitana. Sul palco di Firenze, Alessandro Rossi, che di BFC Media è direttore editoriale, ha confermato Enzo Vizzari alla guida per i prossimi anni. Al momento Vizzari ha festeggiato i 22 anni ininterrotti di direzione della guida. Che qualche travaglio ha subito causa pandemia e posticipo della pubblicazione (il calendario di un tempo la vedeva in scena nell’autunno precedente l’anno di copertina). Ma c’è anche da considerare che ora la guida de L’Espresso non ha più la concorrenza delle Guide di Repubblica dirette da Giuseppe Cerasa. E probabilmente il futuro editoriale potrebbe essere rivisto. Una partita tutta da giocare, ma come probabilmente lo sa solo Danilo Iervolino.