Pollo. 5 consigli per evitare pericoli e 20 ricette per trasformarlo in un signor pollo

La carne di pollo ti piace o non ti piace.

La carne di pollo non ha colesterolo.

Le cotolette di pollo piacciono ai bambini.

L’ala o la coscia?

Un bel brodino di pollo è l’ideale per rimettere in sesto lo stomachino. E così via.

Ma il pollo è un killer potenziale e pericoloso – meglio, lo è la carne di pollo (al di là ovviamente delle varie indagini e polemiche sul Fipronil).

Carne che, se avariata, ovvero mal conservata, potrebbe avere conseguenze anche gravi sulla nostra salute.

Il pollo mal conservato infatti è soggetto a infezioni batteriche che possono provocare nel consumatore malattie infettive importanti, la campilobatteriosi e la salmonella.

La prima è una delle malattie batteriche gastrointestinali più diffuse al mondo, e la sua diffusione negli ultimi anni ha registrato un incremento considerevole.

Anche la salmonella (responsabile del 50% delle intossicazioni alimentari) può provocare malattie intestinali (salmonellosi), oltre a febbri enteriche e setticemie.

La cottura elimina qualsiasi pericolo – non fidatevi di chi vi propone una tartare di pollo! – sempre che la carne sia sana. E come accertarsi che le fettine di pollo che abbiamo in frigorifero siano ancora buone?

Eccovi un veloce prontuario.

1. Osservate il colore

Il pollo fresco dovrebbe avere un colore rosato (vale per il petto, i quarti posteriori sono più scuri): se invece il vostro pollo in frigo inizia ad assumere un colorazione grigiastra, se il rosato si spegne, beh, si può tranquillamente buttare. Lo stesso vale per eventuali tracce di muffa e simili.

2. Annusate l’odore

Togliete il vostro pacchetto di pollo dal frigo, lasciatelo riposare qualche minuto, apritelo, annusatelo. Se il pollo manda un odore sgradevole, o puzza proprio, buttatelo: la carne di pollo non ha odore.

3. Toccatelo con le dita

Se toccandolo lo sentite viscido, o appiccicoso, approfittatene per farlo scivolare velocemente nella pattumiera. E lavatevi subito, e bene, le mani.

4. Non lavatelo

Lavare il pollo appena acquistato, o prima di cucinarlo, non è necessario, e anzi può aumentare i rischi di contaminazione batterica: il lavaggio infatti può spargere i batteri nell’ambiente circostante. Una buona cottura elimina tutti i batteri.

5. Conservatelo e utilizzatelo correttamente

Quando acquistate il pollo crudo, fate in modo che sia l’ultimo dei vostri acquisti, e di rientrare subito a casa. Tenete il pollo crudo in frigorifero ben sigillato, sul ripiano più basso. E cucinatelo entro un paio di giorni al massimo (vale anche per il tacchino). Nel freezer, il pollo intero dura fino a 9 mesi; il tacchino, fino a un anno.
La carne presa dal freezer va scongelata in frigorifero, o in acqua fredda, o nel microonde. Lavatevi accuratamente dopo averla maneggiata; lo stesso vale per coltelli e taglieri (meglio se utilizzati esclusivamente per questo).

Usate una di queste 20 ricette

D’accordo – questa non è esattamente una prescrizione salutistica, ma è sicuramente un aiuto a rendere il vostro pollo un Signor Pollo.

  1. Il Pollo alla Canaria alla maniera di Tenerife
  2. La Chorba di pollo rumena
  3. La Baguette al petto di pollo
  4. Lo Strogonoff di pollo
  5. Il Porco pollo
  6. L’Insalata di pollo all’arancia con melograno
  7. Il Brodo di pollo definitivo
  8. Il Pollo con i peperoni
  9. I Bastoncini di pollo
  10. Il Coq-au-Fleurie di Paul Bocuse
  11. La Zuppa Pollo Patate e Porri
  12. Il Chicken Tandoori
  13. Il Pollo in fricassea inverso
  14. Il Pane tipo Chapati con verdure di campo e ventrigli di pollo
  15. Il Pollo in camicia di Nigella Lawson
  16. Il Pollo alla giamaicana in salsa Jerk di Hellen Willinsky
  17. Il Paté di pollo di Bruno Loubet
  18. Il Coq-au.vin de Bourgogne di Elizabeth David
  19. Lo Schnitzel di pollo del Ficher’s (Londra)
  20. I supplì con le rigaglie di pollo di Arcangelo Dandini

Certo, se nonostante tutto il pollo che hai cucinato ha un sapore cattivo, o non sei un bravo cuoco (o cuoca, certo), o è meglio buttare il tutto e andarsi a mangiare un bell’hamburger – anzi, un chicken burger…

[Link: Tasting TableEpiCentro, Foodsafety, Which?. Immagini: Scatti di Gusto, Vincenzo Pagano, Erica Petroni]



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.