Oramai ho imparato a prendere le curve, i tornanti del Tigullio non hanno quasi più segreti per me.
Me ne vado canticchiando con il mio Ipod che “sputa fuori” di tutto:
Lionel Richie “Don’t stop the music”
Peter Gabriel “Don’t talk to me”
“Joe le taxi”… Vanessa Paradis…. Inkognito di tutto un po’.
Il mare vissuto davvero come piace a me.
Si, confermo, non mi sto perdendo nulla.

Torta dei Fieschi a Lavagna con rievocazione storica in costume.

Bagno di mezzanotte-quasi-l’una in una baietta di Portofino.

Festa di S. Lorenzo con tanto di processione con suggestivi crocifissi. Dell’asado della festa di S. Lorenzo non ho da darvi testimonianze fotografiche, ma devo dire che è godurioso da farti fare come minimo un bis.

Dopo i 3 giorni di Festa però si ha subito la crisi d’astinenza quindi si ripiega per un posticino proprio a San Lorenzo della Costa, senza pretese ma tanta voglia di fare e riuscire. La trovate a Santa Margherita Ligure lungo l’Aurelia appunto in località San Lorenzo della Costa. Un manipolo di sorelline si affannano a riceverti e coccolarti con vari tipi di focacce locali.
E noi le lasciamo fare. Io devo dire che sono “very addicted” di quella al formaggio. Ma la focaccia bianca classica e pizzata non sono da sottovalutare. Anzi, al contrario! Brava Chiara sarai il nostro rifugio ad ogni crisi d’astinenza.

In attesa del giusto basilico (del resto vi confesso che mi premono più i tuffi al mare che la spasmodica ricerca), decido di lanciarmi in ricette locali.
Oggi scelgo la Torta di riso. Perfetta da portar dietro anche al mare, bella compatta. Piatto unico per eccellenza.

Prima di passare alla ricetta, però, vi devo spiegare cos’è uno degli ingredienti: la Prescinseua.
Il termine nasce dal genovese presu che vuol dire caglio. Presto detto, formaggio fresco di cagliata. Ha origine nel ‘400 quando era l’omaggio più prelibato che si poteva fare ai Dogi in quanto leggero e digeribile. Ancora oggi è base per molte ricette, nella focaccia al formaggio al posto della crescenza e nei ripieni dei pansotti e altre paste, nel levantino si mette anche nel pesto.

Torta di Riso

Ingredienti per la pasta
250 g di Farina
2 cucchiai d’olio
sale
acqua tiepida q.b.

Impasta a lungo gli ingredienti al fine di creare una pasta molto morbida ed elastica. La quantità di acqua è tale da riuscire a tirarla poi con le mani. Lascia riposare coperta con un canovaccio umido per circa 6 ore. Riprendila, impastala ancora e tirala molto sottile.

Ingredienti per il ripieno
300 g di riso
2 uova
150 g di prescinseua
1 manciata abbondante di grana
noce moscata
1 cucchiaio di olio

Fai bollire il latte con sale e cuoci il riso piuttosto al dente. A parte, in una terrina unisci la prescinseua con un uovo e un bianco, il grana e la noce moscata. Unisci i 2 composti e 
amalgamali per bene. A questo punto farcisci la base di pasta che hai precedentemente messo in una teglia imburrata. Ripiega i bordi verso l’interno e spennella il tutto di rosso d’uovo.
Inforna a 220° per 30 minuti.
Consumala da fredda e dopo qualche ora: riposata è più buona!

Ora vi lascio, mi ha appena urlato un amico in motorino sotto le finestre. Il tuffo giornaliero chiama.
E stasera, Punta Chiappa.

Alla prossima puntata!

Immagine: corriere.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui