Quando ero bambino ero pazzo di Poldo Sbaffini. Vi chiederete: ma chi diamine è? Semplice, l’amico di Braccio di ferro: quello pigro, accidioso, sempre affamato di polpette. Magari nella versione originale erano hamburger, ma in quella italiana diventavano polpette. Le adoro e neanche una lunga giornata come questa mi ha fatto passare la voglia. Manzo, vitella, agnello, bollito, in qualsiasi modo o maniera.

La sola conclusione possibile, per questa scorpacciata sferica della Strana Coppia, sono le minimali, immancabili polpette di vitella in bianco. Le adoro, le faccio ancora semplici, come le preparava la mia mamma e io le preparo ai miei figli. Belle, gagliarde, golose nella loro semplice patina bruciacchiata, tirate con il vino bianco. Da mangiare con le mani, senza neanche tagliarle, a morsi, come faceva Poldo, appunto.

Andrea sta ancora finendo di spazzolare le ultime polpettine di bollito, in una mano la palletta fritta, nell’altra un bicchiere di vino. Gli dico: “Ma non avrai più fame…” Lui, sornione, mi guarda e aggiunge: “Beh, ancora un languorino”… Rido!

Un pezzo di polpa di vitello, bello chiaro. Poi il tritacarne, ma solo una passata, così si sente la consistenza della carne. La mollica di pane casareccio ammollata nel brodo (odio il latte!). Un poco di mortadella a dare grassezza, una spolverata di noce moscata e pepe bianco. Un uovo, giusto a tenere, poi il parmigiano delle vacche bianche. Una grattata energica di buccia di limone, per dare nerbo, profumo e un pizzico di sale.

Tra le mani le forgiamo, tonde e lisce, un rapido passaggio nella farina e sono pronte. La padella d’alluminio sul fuoco, un pezzo d’aglio e rosmarino, giusto a prendere profumo. Poi li togliamo, non vogliamo siano troppo intense. Le polpette vanno nell’olio caldo, a dorarsi per bene, le muoviamo spesso, per non farle bruciare.

Dopo qualche minuto, quando sono belle dorate, una spruzzata abbondante di vino bianco, quello buono. Nel nostro caso un Pecorino, che ci ha tenuto compagnia per il pomeriggio. Il rumore dello sfrigolio è allegro e confortante, il profumo appagante, un ultimo giro nella padella e sono pronte, mentre Andrea flasha come un matto.

Il piatto è pronto, ma non credo servirà… finiranno prima di chiedersi se erano vere…

Ingredienti per 6 persone:

500 g di vitella
150 g di mortadella
50 g di parmigiano
1 uovo
Una buccia di limone
Aglio e rosmarino
Sale
Pepe
Noce moscata
2 dl di vino bianco

La Strana Coppia ha già cucinato per voi:

  1. La ricetta delle polpette di bollito da mangiare con le mani
  2. La ricetta delle crépinette di Ezio Santin
  3. Le migliori polpette al sugo
  4. Il risotto alla milanese
  5. Il risotto alla milanese secondo Allan Bay
  6. Brodo di pollo e riso al salto con gli avanzi
  7. Gli spaghetti con le vongole e le zucchine alla Don Alfonso
  8. La ricetta finale dei pomodori con il riso
  9. Gli scampi per la migliore ricetta della pappa al pomodoro
  10. I tradizionali spaghetti con le vongole o con i lupini
  11. La cacio e pepe con pomodoro perfetta anche per le cene d’estate
  12. La gricia con i paccheri e con le verdure
  13. L’amatriciana moderna insieme a Niko Romito (e scusate se è poco)
  14. La vignarola classica e quella gastrofighetta
  15. La gricia in poche mosse per non sbagliare
  16. La matriciana classica che solo a Roma la sanno fare
  17. La matriciana che più gastrofighetta non si può

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui