La settimana tra il panettone di Romito e i piatti di Scabin

Tempo di lettura: 2 minuti

Che il risanamento economico (‘rigor Montis’ l’ha rinominato qualcuno in vena di goliardia sulla Rete) sia raramente un carburante dei consumi è persino troppo ovvio. Ma intanto il rito dell’attesa e dei regali è iniziato lo stesso e, dati alla mano, gli Italiani non rinunceranno neanche quest’anno al cibo delle feste.

Per chi parte ci sono i mercatini dell’Alsazia, una full immersion di neve e fiaba che sa di abitudini d’antan. Per chi resta, i colori vividi un mercato del pesce molto speciale, e due libri da regalare ad amici e parenti con il pallino della gastronomia (come voi, del resto): l’ultima fatica di Francesca Barberini e 35 storie di gente del food (e il doppio di ricette) raccontate da Bruno Gambacorta.

Poi inizia la gara delle griffe, Romito e Alajmo competono sul panettone, e la tenzone è senza vincitori.

Davide Scabin, Palazzo Petrucci a Napoli, la Sora Maria di Olevano e le uova di Paolo Parisi a Casa&Bottega, a Roma, sono i quattro appuntamenti della settimana con la buonissima tavola mentre Qwerty paga il prezzo di una vox populi non confermata e torna a casa deluso.

Difficilmente i devoti del vino si saranno persi Black Mamba in versione laziale, raccontata da Paolo Trimani, protagonista anche lui di questa degustazione a quattro mani di Barbaresco. Altro assaggio, altro bel vino laziale: un Montiano del 1995 della cantina Falesco.

Si beve anche birra, e due volte questa settimana, con la degustazione di De Ranke al Birrifugio di Ostia e con le birre di Natale, costume nordico da annettere alle buone abitudini nostrane.

Si porta avanti col lavoro Lorenzo Sandano, autore di una ricetta preventiva da tenere a mente per quando saranno rimasti sul campo i resti delle libagioni natalizie. Torna anche la Strana Coppia, questa volta in trasferta abruzzese, e in versione vagamente splatter, con un classico d’autore: il carrè d’agnello.

Dagli anni Ottanta arriva una ricetta vintage firmata Arcangelo Dandini, da spendere a Natale, per stupire i più giovani e far sognare i baby boomer.

Masterchef: si capiva dai preparativi che sarebbe stata una serata speciale: una squadra di nove cuochi già passati nel fuoco dello show-cooking, tutti insieme, senza competizione, aspettano cucinando che diventi di dominio pubblico quello che sanno da tempo: è Spyros il vincitore di Masterchef.

Sicurezza alimentare: a Natale il termometro sale e nelle grinfie delle Forze dell’Ordine finiscono imprese bio del Nord-Est, pistacchi iraniani gonfi di aflatossine e funghi cinesi spacciati per italiani.

E se pianificate un viaggio in Australia con largo anticipo, tenete a mente fin d’ora che ottobre è il mese del Sydney International Food Festival, kermesse pop che porta nelle strade del centro e della periferia appassionati e ‘appassionandi’. Quello che si è da poco concluso, insieme alla competizione fotografica che lo accompagna, ce lo racconta la direttrice del festival Johanna Savill, intervistata da Franca Formenti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui