Simone Fortunato forno

Non c’è storia. Anzi, sì. Perché Simone Fortunato è un nome che non molti conoscono nel panorama delle pizzerie napoletane.

Il suo locale è a Portici e inalbera uno dei vessilli più suadenti che un amante di pizza può desiderare: pizzeria e friggitoria.

pizzeria Diaz Portici Napoli

Dal 1991 è all’incrocio a dispensare delizie dal banco vetrato che è pura ghiottoneria.

La pizzeria fondata dal padre Franco è il tempio dello street food più verace, quello dei ragazzi all’uscita di scuola e dei lavoratori che si godono la meritata pausa pranzo.

Un fritto di Simone, che ha raccolto il testimone dal papà, è una sberla di sapore anche per chi ben conosce questa cottura.

Con l’avanzare delle bella stagione, la pizzeria Diaz diventa il luogo perfetto per assaggiare i fritti. Un dehor viene montato nel vialetto che costeggia la piccola pizzeria.

Non vi aspettate servizio in guanti bianchi ma tanta cortesia e ricordate che l’utilizzo della Diaz non è questo. Tant’è che i prezzi restano quelli dell’asporto e pizze e fritti vengono messi nella carta paglia.

fritti napoletani

Accomodati sotto gli ombrelloni, iniziate già a salivare per l’effluvio che arriva dal piccolo passi: odore di forno a legna e profumo di frittura.

Non abbiamo evenienza medica che il fritto di Simone Fortunato faccia bene alla salute, anche se il nostro commensale che ne deve stare alla larga ne ha abusato senza problemi, ma la vostra psiche ringrazierà.

Scagliozzi di polenta praticamente irraggiungibili per perfezione della crosta croccante e il cuore morbido.

Simone Fortunato crocché

Crocchè di patate assolutamente sconvolgenti, meglio, coinvolgenti per cottura e temperatura di servizio.

Non ho fatto in tempo a isolare le frittatine di pasta che qui hanno una delle interpretazioni più veritiere.

Le montanare non sono da meno con il loro ciuffo di bella acidità.

paste cresciute pasta cresciuta ripieno

La zeppola di pasta cresciuta è semplicemente mitica. Pasta di pastella, più liquida e meno salata, che Simone Fortunato governa con incredibile perizia nella cottura. Croccante e morbida con un cuore di ricotta e il giusto apporto di pepe. Da sballo continuo.

Alla scheda tecnica c’è l’utilizzo della farina Blu del nostro sponsor Caputo ma non mancano le sperimentazioni con farine alternative alla 00 e originali come la “nuova” Tipo 1.

In questo periodo, però, non le trovate perché nel mozzico di locale, l’impasto matura a temperatura ambiente e solo la perizia di Fortunato riesce a padroneggiare gran caldo e sbalzi di temperatura.

pizza margherita pizzeria Diaz

Sulla bilancia trovate uno dei migliori impasti della Campania anche sul lato forno a legna. La margherita basica (3 €) è uno splendore.

Prezzi popolari (panzarotti a 10 centesimi e zeppola con ricotta a 30, per capirci) ma non sarà questo il motivo principale per puntare il vostro navigatore su questa pizzeria.

Vincenzo Pagano Simone Fortunato pizzeria Diaz

Intanto, l’ora di pranzo sta per scoccare. Che fate, andate ad assaggiare uno dei nuovi discepoli di Escoffier?

Pizzeria Diaz. Via Armando Diaz, 119. Portici (Napoli). Tel. +39 0817762987

Storie di pizza e di pizzaioli

pizza computer

  1. Napoli. La pizzeria Carmnella è senza vergogna cioè “senza scuorno”
  2. La pizza vegana di Salvatore Lionello ti fa andare in Paradise
  3. Il futuro della pizza lo vedo nero, ma divertente
  4. Fiocco, cioè la ricetta per portare il gateau di patate sulla pizza
  5. Da Michele che ascolta l’impasto della pizza e ama il Cilento
  6. Togliere la pizza würstel e patatine dal menu è cosa buona. Forse
  7. Pizza e champagne è un abbinamento possibile: a volte anche a Napoli
  8. Pasqualino Rossi entra definitivamente nell’Elite della pizza che conta
  9. Roma. La vera pizza scrocchiarella alla romana è al Buchetto dal 1929
  10. Libro’s, cioè la pizza del campione del mondo Valentino Libro che ha aperto ad Aversa
  11. Pizza e pomodoro che fanno innamorare in due Parùle
  12. Napoli. La Masardona o i tre tempi della migliore pizza fritta
  13. Vincenzo Capuano da Napoli a Las Vegas con un impasto alla prova dei food blogger
  14. Enzo Coccia, il rivoluzionario della pizza napoletana contemporanea
  15. Condurro, perché un altro Da Michele è possibile a Napoli