mulino caputo farine per pizza, pane e dolci

Santa Romana, pizzeria a Roma con la pizza sottile stesa a mano

La pizzeria Santa Romana in zona Magliana a Roma propone una pizza bassa ma non tanto scrocchiarella. La margherita vi costa 7,50 €
giovedì, 23 Maggio 2024 di

In zona Magliana, a Roma, c’è Santa Romana, la nuova pizzeria dei fratelli Davide e Raoul Rotundo. Loro, con alle spalle una storia familiare nel settore della ristorazione, per la prima volta lanciano un progetto tutto loro. Una pizzeria di quartiere, dove la pizza romana tradizionale è la protagonista assoluta. Bassa e croccante, la pizza romana ha vissuto una rinascita negli ultimi anni, grazie al talento di alcuni pizzaioli della Capitale, ed è sempre più apprezzata anche al di fuori di Roma.

La storia dei due fratelli Rotundo ha radici nell’attività di famiglia, con genitori di origine campana che gestiscono una pizzeria da oltre dieci anni. Nel 2007 aprono a Marconi la pizzeria napoletana Fiori di Zucca, principalmente orientata all’asporto, da cui è partito il loro percorso. Successivamente, i fratelli hanno preso strade diverse: Davide nel settore del marketing e Raoul acquisendo esperienza nei forni di varie pizzerie romane. Nel frattempo, Raoul, il cui talento si esprime soprattutto tra la farina e il forno, ha continuato a perfezionarsi frequentando l’Excellence Academy e ottenendo vari riconoscimenti.

la sala della pizzeria Santa Romana a Roma

La pizzeria Santa Romana intima e scaldata dal grande forno a vista si fa spazio fra 60 coperti e 30 del dehors esterno. A farla da padrone sono i toni caldi che richiamano l’ambiente di vecchie osterie e definiscono una pizzeria con pochi fronzoli e un servizio semplice e preciso.

La pizza bassa e non troppo croccante di Santa Romana a Roma

L’impasto nasce da una biga al 100% che si trasforma in un panetto da 180 grammi, steso a mano e non a matterello. Il disco seppur croccante non è così basso. È volutamente più sviluppato per reggere il condimento e non sparire sotto quest’ultimo. Infatti, Raoul definisce la sua pizza una romana contemporanea.

Nel menu della pizzeria Santa Romana ci sono le classiche come la Margherita (7,50 €), la Bufala (10 €), la Diavola (9 €), e altre come la Rossa all’aglio e prezzemolo (7 €) o la Patate e salsiccia (9 €). Ogni giorno, in base all’offerta del mercato rionale di Magliana, si trovano anche pizze fuori menu scritte sulla grande lavagna in sala. Inoltre, ci sono le pizze stagionali che variano a seconda della disponibilità degli ingredienti. Per questa primavera 2024 troviamo ad esempio la Vignarola (13 €) e la Don’t call me veg (12 €).

il supplì della pizzeria Santa Romana a Roma

Non poteva mancare un’ampia selezione di fritti. Fra i tanti troviamo supplì classico (2,5 €), spaghettone ajo e ojo (3,5 €) o ancora i nugget di pollo rosso alla cacciatora (6 €), un goloso fuori menu stagionale. La panatura dei fritti è fatta in casa, conferendo al morso una croccantezza unica senza risultare unta, lasciando l’interno morbido e fondente. Ogni morso invita a prendere il successivo, garantendo un’esperienza appagante.

Come si mangia

la pizza margherita della pizzeria Santa Romana a Roma

Il susseguirsi di spicchi mi ha permesso di assaggiare quattro differenti tipologie di pizze tutte in una.

Si parte con la classica Margherita, semplice ma mai banale. Croccante fino all’ultimo morso, lo spicchio vince per la qualità della materia prima e l’uniformità della cottura.

la pizza vignarola della pizzeria Santa Romana a Roma

Si procede con la Vignarola, colorata e dinamica. Raoul ha traslato questo piatto della tradizione romana su pizza con una vellutata di piselli, a cui aggiunge all’ultimo carciofi e cipollotti spadellati con la mentuccia romana e ancora crema di pecorino e guanciale croccante. Sapidità, croccantezza e note di primavera: l’assaggio conquista tutto il tavolo.

la pizza con la mortazza della pizzeria Santa Romana a Roma

Rimaniamo a Roma con uno spicchio di pizza bianca farcita di mortadella. Croccante, unta, salata, è lo spicchio più nostalgico della degustazione alla pizzeria Santa Romana, che ti fa tornare alle merende da bambino.

La pizza più insospettabile della carta è lei, la Don’t Call me VEG con pesto di rucola, cipolla rossa in agrodolce, anacardi e olive. L’amaro del pesto verde brillante è sorprendentemente in equilibrio con la dolce acidità della cipolla e la nota più morbida e grassa della frutta secca. Un abbinamento inusuale ma che convince e chiude bene la cena.

Menu e prezzi della pizzeria Santa Romana a Roma

Fritture & Antipasti

Supplì (2,5 €)

Tonnarello cacio & pepe (4 €)

Bucatino all’amatriciana (4 €)

Lasagnetta al ragù (4,5 €)

Spaghettone ajo & ojo (3,5 €)

Bruschetta con crema d’ajo (2 pz) (3 €)

Bruschetta coi pomodorini (3,5 €)

Pizza ripiena co’ la mortazza (12 €)

Patate fritte (4,5 €)

Le pizze della pizzeria Santa Romana a Roma

Pizza ripiena co’ la mortazza (12 €)

Rossa, ajo & prezzemolo (7 €)

Funghi (8 €)

Margherita con salsa di pomodoro, fiordilatte e basilico (7,5 €)

Bufala (10 €)

Napoli con salsa di pomodoro, fiordilatte e filetti di alici (9 €)

Diavola (9 €)

Capricciosa con salsa di pomodoro, fiordilatte, olive, funghi, carciofini e prosciutto crudo (10 €)

Crostino con fiordilatte e prosciutto cotto (8 €)

Boscaiola (9 €)

Patate & salsiccia (9 €)

I dolci della pizzeria Santa Romana

Ricotta & visciole (6 €)

Tiramisù (6 €)

Panna Cotta (6 €)

Dolce del mese (6 €)

Di Tommaso Lentini

Monteverdino dal 1998, aspirante medico al Policlinico Umberto I, con la passione per il buon cibo e le bevute in compagnia. Sono quello a cui tutti chiedono consigli su dove andare a mangiare, sempre in movimento per scoprire nuovi posti sulla scena romana. Mi affaccio finalmente in questo mondo spinto dalla curiosità di assaporare altri suoi punti di vista