La settimana che ha fatto arrabbiare i fan di Dukan e della Ferragni

Tempo di lettura: 2 minuti

Si parte con una cipolla salvacuore per non dimenticare che il cibo cura. E ci aiuta a restare in forma.

Ha suscitato un vespaio etico-linguistico la notizia del compleanno di Chiara Ferragni, la blogger sedotta dal fashion-food, con la foto della coloratissima torta realizzata dalla cake designer Giusy Verni.

Decisamente più impegnato l’argomentare di Daniele Cernilli a margine dell’ultima guerra scoppiata nel litigioso mondo dell’enogastronomia.

Breve reprise sull’oro blu con la performance di Ilario Vinciguerra alle Strade della Mozzarella e il suo Sud, il “piatto furbo”, come lo ha definito Enzo Vizzari e relativa ricetta.

In cucina con…” è il titolo degli showcooking organizzati da Cibvs al Taste di Milano.

Buon cibo a portata di tasca. Mentre irrompe il basso profilo (anche gastronomico) di Hollande sulla scena politica mondiale, Scatti di Gusto fa la sua parte con una segnalazione di Luca Formenti: alla Paninoteca di Galleria Buenos Aires, a Milano, potete scegliere tra 80 panini senza fare un mutuo e con il prezzo curiosamente declinato al giorno e alla notte.

Ancora panini, ma anche fritti e assaggi di spaghetti con colatura di alici, da Settembrini, a Roma, dove sono approdati per una serata Pasquale Torrente, Alessandro Frassica e Luca Cai.

Ormai i comici fanno di tutto, non solo politica. Scrivono pure gastro-recensioni come ha fatto Totò (e se finisce come con quell’altro comico, andiamo tutti a casa…)

Notizia golosa il Dukan radiato senza rimpianti (neanche suoi) dall’albo dei medici mentre si scaldano i motori per le grandi manovre d’estate in casa Gambero Rosso. Ce n’è per tutti i mezzi: mensile, canale tv, scuole, Guida dei Ristoranti e web.

Vino, dopo il cognac che sembra una bottiglia di profumo  c’è il Tauma 2010 di Giuliano Pettinella assaggiato da Alessandro Bocchetti e la scheda del Vermentino di Gallura Luris 2010 di Maurizio Valeriani.

Sarà stata contenta la proprietà dell’Enoteca Ferrara quando hanno pesato i vincitori (magri) del torneo di spumanti. In palio c’erano infatti tante bottiglie quanti i chili del primo arrivato (+ accompagnatore).

Una deludente pizza napoletana, raccontata da Daniela Persico, fa calare il sipario sulla settimana dei ristoranti. Intanto le Tre forchette di Identità Affamate saranno pure diventate 3 Forconi ma l’avventura con l’alta cucina che incontra la gente non si ferma.

Per la Festa a Vico c’è ancora tempo. Ma gli chef emergenti hanno le idee chiare. Questi i piatti che porteranno al Bikini.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui