Aversa. Apre la pizzeria 2.0 di Carlo Sammarco che tutti aspettavamo

Pizzerie

pizzaioli da Ciro Salvo

Napoli è la capitale della pizza. Non più o, almeno, non solo. In Campania se c’è il regno ora si deve parlare anche di principato.

Caserta con la sua provincia inizia a dettare legge al pari della provincia di Napoli con esponenti fortissimi come il re del fritto Simone Fortunato della pizzeria Diaz a Portici.

E non solo perché Franco Pepe è stato incoronato a Milano re della pizza da un panel mondiale di segnalatori.

Pasqualino Rossi e la mamma

C’è il sempre più forte Pasqualino Rossi con una pizza strepitosa che molti ancora non conoscono perché la sua pizzeria è a Alvignano che non è proprio dietro l’angolo (ma se volete assaggiarla, prenotate per tempo).

Capatosta Giustiniani RecaleMartucci i Masanielli Caserta Ciccio Vitiello pizzaiolo Antonio Pepe ripieno scarola pizza Pepe Antonio

E ci sono i Capatosta da lungo tempo, che sono la pizza napoletana classica al quadrato in quel di Recale. Come c’è il Campione del Mondo Valentino Libro ad Aversa, i fratelli Martucci con due pizzerie a Caserta in perenne sold out. E c’è Antonio Pepe dell’Osteria Pepe proprio in piazza a Caiazzo. E gli “eretici” Ciccio Vitiello a Tuoro e Salvatore Lioniello a Orte di Atella.

Carlo Sammarco pizzaiolo

[do action=”jq”/]

Ma soprattutto c’è l’enfant prodige della pizza napoletana contemporanea Carlo Sammarco che stasera apre la sua pizzeria 2.0 a viale Kennedy ad Aversa.

Un pizzaiolo in evoluzione che è passato dagli impasti old style della pizzeria Cantina dei Mille a piazza Garibaldi a Napoli ai primi blend di sperimentazione fino ad approdare nella sala del forno del Mulino Caputo per provare e riprovare nuove combinazioni di grani e di farine, raggiungere alte idratazioni (al 70%) e iscriversi a quella corrente di pensiero del “gommone”, cioè cornicione alto, alveolato che attira in egual misura gastrofighetti e solidi appassionati della pizza verace.

pizza Margherita Sammarco maggio 2015 pizza Sammarco fetta maggio 2015 Carlo Sammarco e le farine Caputo novembre 2015 pizza Sammarco novembre 2015 pizza margherita Carlo Sammarco novembre 2015

Vedete il suo percorso in una serie di margherite dal maggio 2015, al novembre 2015 per finire all’esecuzione durante Festa a Vico di maggio 2016. Un anno esatto.

Carlo Sammarco pizza Margherita 2.0Carlo Sammarco nuova pizza

Una pizza contemporanea e trasversale per un giovane pizzaiolo che ha deciso di fare il gran salto e mettersi in proprio per giunta abbandonando il porto sicuro di Napoli.

Ma, ci scommettiamo, saranno in molti ad affollare la sua pizzeria che poi è vicino Napoli e allo snodo tra la tradizione e il futuro prossimo, cioè quello che ci vuole per far respirare una nuova aria alla pizza napoletana.

Voi non credete? E allora restate in attesa delle due nuove aperture in terra campana.

La caccia alla pizza dell’estate è appena iniziata.

[Immagini: Vincenzo Pagano, Facebook, Napoli Food Porn]

[do action=”jor”/]

Storie di pizza e di pizzaioli

pizza computer

  1. Napoli. La pizzeria Carmnella è senza vergogna cioè “senza scuorno”
  2. La pizza vegana di Salvatore Lionello ti fa andare in Paradise
  3. Il futuro della pizza lo vedo nero, ma divertente
  4. Fiocco, cioè la ricetta per portare il gateau di patate sulla pizza
  5. Da Michele che ascolta l’impasto della pizza e ama il Cilento
  6. Togliere la pizza würstel e patatine dal menu è cosa buona. Forse
  7. Pizza e champagne è un abbinamento possibile: a volte anche a Napoli
  8. Pasqualino Rossi entra definitivamente nell’Elite della pizza che conta
  9. Roma. La vera pizza scrocchiarella alla romana è al Buchetto dal 1929
  10. Libro’s, cioè la pizza del campione del mondo Valentino Libro che ha aperto ad Aversa
  11. Pizza e pomodoro che fanno innamorare in due Parùle
  12. Napoli. La Masardona o i tre tempi della migliore pizza fritta
  13. Vincenzo Capuano da Napoli a Las Vegas con un impasto alla prova dei food blogger
  14. Enzo Coccia, il rivoluzionario della pizza napoletana contemporanea
  15. Condurro, perché un altro Da Michele è possibile a Napoli

[do action=”publy-300″/]

Di Vincenzo Pagano

Fulminato sulla strada dei ristoranti, delle pizze, dei gelati, degli hamburger, apre Scatti di Gusto e da allora non ha mai smesso di curiosare tra cucine, forni e tavole.