La Pizza della Settimana è Viola di Lievità a Milano

Pizzerie

La Pizza della Settimana dovrebbe essere una pizza memorabile, che ti lascia a bocca aperta, che ti viene voglia di mangiarne subito un’altra.

E quelle che vi proponiamo rispondono a questi requisiti: solo che per trovarne una da raccontare, devo mangiarne almeno tre. Non che le altre siano cattive, per carità: ma non hanno quel qualcosa in più che è quello che cerco.

Questa settimana siamo da Lievità a Milano, nella sede di via Pasquale Sottocorno, vicina a casa mia più di quanto non sia la sede di via Ravizza. Per la cronaca, una prima visita in Ravizza aveva deluso le mie aspettative; mi ero in parte ricreduto assaggiando le pizze di Sottocorno, dove sono tornato più volte: e devo dire che mi piacciono. Intendiamoci, le pizze sono le stesse, e non credo ci siano variazioni degne di nota nell’impasto: ma preferisco geolocalizzare.

Impasto con lievito madre, farina semi-integrale di tipo 1 e farina integrale, di grano tenero, maturazione 24/48 ore, ingredienti ben scelti sono le caratteristiche “tecniche”; il forno è a legna.

Prima, un piatto di crocchè “del Maestro”: Patate interrate di Avezzano, Provola affumicata di Agerola, Prezzemolo fresco, Pepe nero in grani macinato fresco, Sale marino di Trapani.

Fra le migliori di Milano, direi.

La Viola costa 15 € e prevede Radicchio di Treviso tardivo rosolato, Gorgonzola Dolce dop, Fiordilatte di Agerola, Salsiccia di maiale, Riduzione di prugne secche, e Olio EVO Tonda Iblea monocultivar Polifemo. Ingredienti ben armonizzati, il radicchio dà quel tanto di asprigno che risveglia i sapori del resto. E ci ho bevuto un bicchiere del vino consigliato nel menù (assieme a una Fravort Fresh Beer), un Tocai Friulano “Ronco delle Cime” Venica (5,50 €, come la birra).

E sono uscito soddisfatto.

Lievità. Via Pasquale Sottocorno, 17. Milano

La migliore Pizza della Settimana

  1. La Liquirizia in giallo di Sasà Martucci a Caserta
  2. La Capricciosa soffice di La Pizzeria Nazionale a Milano
  3. La Fior di Formaggi di Da Zero a Milano
  4. La Quattro Latti di Gino Sorbillo a Napoli
  5. La Radicchio Affumicato di Cenerè a Milano
  6. Assaje di Assaje a Milano
  7. La Salsiccia e friarielli in 3 indirizzi imperdibili a Napoli
  8. La Senza Lievito di Renato Bosco a Verona
  9. La Sardegna di Gino Sorbillo in versione Gourmand a Milano
  10. La stellare Agro Romano della Gatta Mangiona a Roma
  11. Lazio di Pizzium a Milano
  12. La Pizza che Unisce da Ciro Oliva nel segno Unesco da Concettina ai Tre Santi a Napoli
  13. Campania Mia di Giuseppe Pignalosa a Le Parùle di Ercolano

Di Emanuele Bonati

"Esco, vedo gente, mangio cose" Lavora nell'editoria da oltre 40 anni. Legge compulsivamente da oltre 50 anni. Mangia da oltre 60 anni. Racconta quello che mangia, e il perché e il percome, online e non, da una decina d'anni. Verrà ricordato per aver fatto la foto della pizza di Cracco.