Settimana di vini dai Naturali a Roma alle Anteprime in Toscana

Tempo di lettura: 2 minuti

Finisce il Carnevale e inizia una settimana ad altro gradiente alcolico. Con la birra che tifa Lazio e i Vini Naturali a Roma. Maurizio Valeriani e Carlo Bertilaccio firmano una ‘ventina’ di vini in odore bio (tra gli altrettanti commenti le solite battute sul ‘malodore’…).

Di vino si torna a parlare con la terra che del vino è simbolo nell’immaginario popolare, la Toscana. Si comincia con il Chianti Classico e Antonio Paolini parte con le liste. Poi arrivano gli assaggi dell’annata 2010.

Per le Anteprime Toscane di scena anche il Nobile di Montepulcianoil Brunello e il Rosso di Montalcino. In mezzo Daniele Cernilli che commenta il ritorno di Antinori nel Consorzio del Chianti Classico.

La settimana delle ricette prende il via con una serie di proposte carnevalesche: la lasagna con ricotta e provola, un classico della tradizione popolare napoletana, le graffe di patate con lo zucchero e il sanguinaccio in versione legale. Prosegue con la pasta, fagioli e cotiche di Oliver Glowig e con una terna di spuntini: il panino sasicc’ e friariell’, ad allietare una specialissima partita di Champions, i taralli ‘nzogna e pepe, altro contorno calcistico e la crema di nocciole dei ‘Maghi Infarinati’, spalmata su pane di Gabriele Bonci.

Mangiare fuori casa: a Roma il panorama gastro-cool si arricchisce con la selezione di formaggi firmata La Tradizione in un indirizzo noto agli estimatori del genere: Settembrini. A Napoli Daniela Persico si fa trascinare con insolita mitezza da Attilio. Occasione il Carnevale, con la pizza omonima, una margherita con le orecchie ripiene di ricotta. A Milano, in una città che non disdegna le sperimentazioni, il miracolo è una zupperia take away nella centralissima Piazza Duomo.

Ingredienti sotto la lente. Siamo laici e ci piace cercare il buono anche dove spadroneggia l’ordinario gastronomico. E siccome chi cerca trova, il diamante nel sottosuolo lo abbiamo scovato alla Sma, nella forma di uno stupendo filone a lievitazione naturale. Meno prestante la mozzarella del Consorzio della Mozzarella di Bufala Campana messa in campo in un divertente gioco alla ricerca della combinazione perfetta con i vini regionali. E intanto continua la saga del baby food con l’ennesimo (e documentatissimo) allarme dei pediatri sui componenti del cibo per l’infanzia e con un aggiornamento sullo scontro tra i giganti Plasmon e Barilla.

Allarme demografico globale: basterà a convincerci a mangiare un hamburger creato con le cellule staminali? Ormai il dado è tratto e dai laboratori di Maastricht il disco di carne-Frankenstein potrebbe presto raggiungere gli scaffali del supermercato. Sarà pure eco-friendly ma tra le buone cose da fare per il pianeta preferiamo di gran lunga il grattacielo di serre progettato in Svezia per rifornire a Km 0 il mercato di Linkpoing.

Per la birra segnatevi i prossimi appuntamenti: SaporeRimini e IBF Milano. Adriano Desideri ha già in tasca il biglietto aereo. Ma se potete, andate anche voi!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui