“Rapido preciso e indolore.” Così mi ha detto Christian Milone – uomo di poche parole e di rari sorrisi alla nuova stella Michelin Trattoria Zappatori – quando mi ha elencato i suoi cinque locali preferiti per la nostra rubrica dedicata agli indirizzi del cuore segnalati da chi in cucina ci sta.

Che spaziano fra le eccellenze piemontesi, e includono anche una pizzeria: ma con una linea comune, il territorio, visto nelle varie declinazioni della cucina.

1. Guido di Ugo Alciati a Serralunga d’Alba

Ugo Alciati e il suo Guido Ristorante, stellato Michelin, si sono spostati armi e bagagli (compreso il fratello Piero, enologo e maître di sala) da Costigliole d’Asti nella Villa Reale della Tenuta bionaturale di Fontanafredda, a Serralunga d’Alba. Qui la scelta è stata facile: “perché impersonificano la grande casata della cucina Piemontese“.

Guido Ristorante. Tenuta di Fontanafredda. Via Alba, 15. Serralunga d’Alba (Asti).

2. Piazza Duomo di Enrico Crippa ad Alba

Perché lui è IL MAESTRO.” E probabilmente non c’è molto altro da aggiungere – potremmo elencare le tre stelle Michelin, i punteggi le forchette i cappelli delle varie guide, sta di fatto che Enrico Crippa questo è diventato, per le nuove generazioni in cucina.

Ristorante Piazza Duomo. Piazza Risorgimento, 4, angolo Vicolo dell’Arco. Alba (Cuneo). Tel. +39 0173366167.

3. Da Francesco a Cherasco

Scelta interessante, quella di Milone: Da Francesco viene inserito nella sua top 5 “per il rapporto qualità prezzo“. Neo-stellato Michelin, si trova in un antico palazzo di Cherasco, ed è guidato da Francesco e Francesca.

Ristorante da Francesco. Via Vittorio Emanuele, 103. Cherasco (Cuneo). Tel.: +39 3398096696. 

4. Pomodoro e Basilico di Patrick Ricci a San Mauro Torinese

Uno si aspetta di trovare, in una classifica top, solo ristoranti o trattorie particolari. Qui invece Milone cita una pizzeria, e con una motivazione pratica: “perché è la più buona pizza a portata di macchina“. Ma anche perché è una pizza gourmet, apprezzata già da Marcello Trentini nella sua top 5 per il nostro Chef’s Feed, e che anche noi abbiamo citato fra le 10 migliori pizzerie per controbattere a un vecchio spot di McDonald’s.

Pizzeria Pomodoro e Basilico. Via Martiri della Libertà, 103. San Mauro Torinese (Torino). Tel. +39 011 897 3883

5. Trattoria Belvedere Roero di Andrea Sperone a Monteu Roero

Ma Christian sottolinea il suo legame con il territorio anche nella sua ultima proposta, il Belvedere Roero: “perché posti così sono patrimonio di una parte di Piemonte che rischia di scomparire“. Segnalato anche dalle “chiocciole” delle Osterie d’Italia Slow Food, La cucina tradizionale in una delle sue migliori espressioni.

Trattoria Belvedere Roero. 47 Frazione S. Grato. Monteu Roero (Cuneo). Tel. +39 017399007.

[Immagini: Br1dotcom, Brambilla-Serrani, Scatti di Gusto, siti dei ristoranti]

I consigli degli chef

  1. Arcangelo Dandini consiglia 5 ristoranti dove mangiare a Roma
  2. Andrea Berton consiglia 5 ristoranti dove mangiare a Milano
  3. Terry Giacomello consiglia 5 ristoranti dove mangiare a Parma durante il Cibus
  4. Marco Parizzi consiglia 5 ristoranti dove mangiare a Parma
  5. Marcello Trentini consiglia 5 ristoranti dove mangiare a Torino
  6. Marco Stabile consiglia 5 ristoranti dove mangiare a Firenze
  7. Domenico Iavarone consigli 5 ristoranti sulla strada per Festa a Vico
  8. Antonino Cannavacciuolo consiglia 5 ristoranti dove mangiare a Vico Equense
  9. Agostino Iacobucci consiglia 5 ristoranti dove mangiare a Bologna
  10. Andrea Bartolini consiglia 5 ristoranti e piadine per mangiare in Riviera Romagnola
  11. Viviana Varese consiglia 5 indirizzi per mangiare bene in Costiera Amalfitana
  12. Massimo Bottura consiglia 11 ristoranti dove mangiare in Italia
  13. Davide Oldani consiglia 10 ristoranti dove mangiare a Milano
  14. Misha Sukyas consiglia 6 ristoranti dove mangiare per Natale a Milano

9 Commenti

  1. Buongiorno. Leggo che il Ristorante Belvedere è segnalato sulla guida “Osterie d’Italia e si fregia pure della chiocciola a me non risulta questa e una falsa notizia

  2. A Monteu Roero l’unica osteria segnalata sulla guida è “L’Osteria dei Cacciatori” e si fregia della chiocciola da moltissimi anni. Tanto vi dovevo

    • Ahimè – me ne scuso moltissimo, è stato proprio un errore stupido da parte mia. Grazie per la segnalazione.

      • Per correttezza professionale dovrebbe fare una rettifica anche se ho visto che ha cancellato con un piccolo tratto troppo grave è stato il suo errore ben sappiamo che il lettore si sofferma solo sulla prima immagine e tralascia i commenti

    • Non comprendo per quale ragione andrebbe cancellato.
      Si tratta di un elenco proposto da uno chef piemontese, come lista di preferiti. Che Bonati abbia errato (come riconosciuto) nell’indicazione della chiocciola non modifica il fatto che sia uno dei preferiti di C. Milone.
      Davvero, per quale ragione va cancellato?
      P.S. @Bonati, quando le proporranno la fustigazione sulla pubblica piazza venga pure da queste parti: qui si tortura con fruste di salsiccia e si strozzano i reprobi con la bomba di riso al piccione

      • Se non comprende è grave questo ristorante non compare nemmeno nella guida altro che chiocciola che viene assegnata solo hai migliori. Lei che non si firma per esteso può benissimo fare a meno delle sue battute che tra l’altro non fanno nemmeno ridere

        • Bene, evitiamo le battute, come Lei richiede:
          la lista è stata fatta da chef Milone: qual è il motivo per cui Lei impone di cancellare una sua personale preferenza?

  3. Gentili lettori,
    vorrei mettere un punto fermo a una discussione che mi sembra sterile. E faccio alcune puntualizzazioni.

    1. La lista è dello chef Christian Milone – e suoi sono i virgolettati. Punto. Tutto il resto è redazionale – cioè mio.

    2. Pertanto, è stata mia la svista nell’attribuire chiocciole a un locale che non ne aveva. Un errore di lettura, di cui mi sono scusato e mi scuso di nuovo con i lettori. E con l’altro locale chiocciolato di Monteu Roero.

    3. Il mio è stato un errore, non una falsa notizia – un errore come scrivere “ai” preposizione articolata con l’acca.

    4. Ringrazio nuovamente il signor Settimo Guido per la segnalazione.

    5. La cancellazione con un tratto sulle parole incriminate equivale a una rettifica, a un riconoscimento di un errore. Non sarebbe corretto, gentile signora Cristina Faccenda, cancellare del tutto la riga: di norma che quello che è scritto è scritto, e se è sbagliato va in qualche modo indicato. Noi abbiamo scelto di farlo così, seguendo una prassi abbastanza comune e diffusa: chi legge si suppone capisca che si tratta dell’eliminazione di un errore, e se ha dei dubbi, va a cercare nei commenti se c’è una giustificazione ulteriore.

    6. La cancellazione, gentile signor Paolo, di cui parlava la gentile signora di cui sopra, si riferiva spero alla frase incriminata, e non alla preferenza di Milone.

    7. Non credo che il firmarsi con il nome e cognome o con uno pseudonimo o in qualsiasi altra maniera debba essere un discrimine nella pubblicazione di eventuali commenti. L’identità avrebbe interesse solo in caso di post e commenti penalmente rilevanti – e Scatti di Gusto ovviamente controlla questo aspetto.

    8. Gentilissimo signor Paolo: so che suona un po’ così, ma sarei ben felice di farmi torturare in questo modo – vado subito a controllare i miei errori passati…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui