Un grazie di cuore a tutti. Quello di Notte di Stelle che ha illuminato il Castello di Lettere con gli chef, i pizzaioli, gli artigiani del gusto, le cantine, le aziende e tutti coloro che hanno sostenuto la manifestazione.

Qualche difficoltà logistica non ha scoraggiato i protagonisti dell’evento e alla fine la notte tersa ha premiato i partecipanti che hanno seguito il percorso gastronomico diviso in 5 settori con La Fortezza della Pizza e i 5 forni a legna, la Passeggiata del Gusto dedicata al pesce, ai latticini e alla carne, la Cattedrale delle Stelle con le proposte degli chef stellati, la Piazza d’Armi con il cerchio magico delle pizze fritte e i piatti della tradizione, la Terrazza delle Dolcezze con i dolci, il gelato e i fine pasto.

Il palcoscenico del Castello di Lettere, maniero ritornato a nuova vita con lavori di restauro conservativo, e la spettacolare vista hanno creato il giusto abbinamento tra bontà e bellezza.

A noi resta il piacere di un racconto per immagini che speriamo faccia battere il cuore di chi non è riuscito a raggiungere Notte di Stelle ma egualmente vorrà effettuare una donazione in favore dell’Associazione Sostenitori Ospedale Santobono Onlus sul conto corrente Banca Prossima IBAN: IT53L0335901600100000103988 e sostenere il progetto Sogni d’Oro per realizzare camere di degenza a misura di bambino.

A. La Fortezza della Pizza

Cinque forni a legna sono stati allestiti per la prima volta nella storia del castello restaurato nella zona che si allunga nello spazio un tempo occupato dal fossato e di accesso al mastio.

All’ingresso, l’accoglienza è stata curata da Giuseppe Pignalosa e dallo staff della pizzeria Le Parùle di Ercolano che ha proposto, oltre alle classiche margherita e marinara, anche la pizza cult Giagiù.

I giovani che innovano: Carlo Sammarco della pizzeria Sammarco 2.0 con la sua pizza canotto Bottarga e limone e Davide Ruotolo di Palazzo Petrucci Pizzeria con ‘A scarpona bianca (base provola, Melanzane fritte, Capperi, Olive disidratate, Grattugiata di pecorino all’uscita).

La tradizione della pizza napoletana è stata rappresentata dall’Antica Pizzeria Da Michele guidata da Antonio Falco e Alessandro Condurro che hanno proposto anche la special #teammichele (Provola, pepe rosa e zeste di limone).

E poi gli esponenti della Pizza Contemporanea casertana.

Francesco Martucci de I Masanielli di Caserta e la sua Insolita Baccalà (crema di pomodoro arrosto, Fiordilatte, capperi, polvere olive di Cerignola infornate, baccalà).

Sasà Martucci de I Masanielli di Caserta ha portato la pizza Parmigiana 2.0.

Salvatore Lioniello della pizzeria omonima a Succivo ha preparato la sua Pizza Nerano.

Una bella “competizione” tra grandi protagonisti della pizza.

B. La Passeggiata del Gusto

La torre più alta del Castello di Lettere ha dominato la scena degli antipasti.

Pescheria Salerno con la batteria di crudi (e scottati per chi lo preferiva) con scampi del Cilento, tartare di gamberi con burrata, tagliata di tonno rosso, tagliata di ricciola preparati da Luigi Iapigio ed Enzo Esposito.

Accanto, Alex Pochynok di JapOne di Napoli.

Seguito dai latticini di Latteria Sorrentina spiegati e serviti da Vincenzo Campaiola.

Con l’accompagnamento dei pani e delle specialità del Cilento di Paolo De Simone, pizzaiolo-panificatore di Vallo della Lucania con Storie di Pane e Da Zero.

Gran chiusura del percorso delle materie prima con Luciano e Nando Bifulco da Ottaviano. Tomahawk frollata 180 giorni e hamburger per tutti.

C. La Cattedrale delle Stelle

Le stelle chiamano le stelle. Nello spazio dell’antica cattedrale hanno officiato il rito della degustazione gli chef alla guida delle cucine che hanno ottenuto la stella Michelin.

Lino Scarallo di Palazzo Petrucci a Napoli ha preparato la versione “da campo” del piatto con lo sgombro (zucca marinata, sgombro affumicato, cremoso di fiordilatte e salsa al prezzemolo).

Fabio Pesticcio del ristorante il Papavero di Eboli ha preparato l’insalata di riso e zafferano di Nepi (qui la ricetta).

Anche del baccalà in tempura di Maicol Izzo, chef del ristorante Piazzetta Milù di Castellammare di Stabia, avete la ricetta.

Un nome semplice, Pomodoro San Marzano, per la ricetta di Renato Martino del ristorante Vairo del Volturno di Vairano Patenora.

Dalla tradizione della cucina partenopea all’interpretazione contemporanea di Roberto Allocca, chef del ristorante Relais Blu a Massa Lubrense: pasta, fagioli e cozze.

Sguardo a oriente con Paolo Gramaglia del ristorante President di Pompei e le sue tagliatelle di calamaro.

Dal Buco di Sorrento dello chef Giuseppe Aversa, ecco la palamita marinata in salsa Teriyaki su caponata di legumi.

Angelo Carannante, neo stella Michelin della Campania con il Caracol di Bacoli ha servito il cappuccino di totano e patata affumicata

D. La Piazza d’Armi

La piazza del Castello protetta dalle quattro torri e aperta sull’incredibile panorama ha accolto i Campioni della Pizza Fritta e le loro classiche e speciali.

Accanto, gli artigiani della carne, dei salumi del pane e gli chef con i piatti che hanno omaggiano la cucina partenopea e campana.

Davide Civitiello è Campione del Mondo di Pizza STG, ma al suo arco c’è anche la capacità di sfornare pizze fritte innovative come questa con impasto all’alga spirulina con ricotta alle erbe e ‘ndjuia.

La Campionessa del Mondo di pizza fritta, Teresa Iorio, ha preparato la “Bonne Femme” cioè una Femmena e Fritta alla puttanesca con pomodori gialli ricotta, olive nere, capperi e prezzemolo.

Gorizia 1916 è una delle pizzerie Centenarie di Napoli e a Notte di Stelle ha portato il suo crocchettone, calzone ripieno e fritto!

Zia Esterina identifica la pizza fritta della premiata ditta Sorbillo ai Tribunali e in giro per l’Italia e non solo. Toto Sorbillo ha preparato una special-special in combo con Ciro Vitiello aka Nennella: ripieno con pasta, patate e provola!

Una combo molto movimentata!

Anche dalla pasta, patate e provola preparata per l’assaggio “in purezza”.

Il capitolo primi piatti è stato rinforzato da Antonio Sorrentino di Rossopomodoro con il cannolo di pacchero con cozze e patate.

E da Agostino Malapena del ristorante Costanzo con il risotto alla sorrentina.

Il secondo è stato proposto da Raffaele ingenito che ha preparato il cubo di Vacca del Sannio in foglia di vite con salsa al pepe rosa e cipolla croccante di Montoro

Salumi artigianali di Trippicella e würstel di Sabatino Cillo sono andati a nozze con i pani di Massimiliano Malafronte che ha portato anche i suoi proverbiali grissini.

E. La Terrazza delle Dolcezze

Gran finale con la chiusura dei dolci e dei gelati degli artigiani che sono i Campioni della pasticceria e delle coccole partenopee e campane. Gli ospiti li hanno assaggiati davanti al Golfo di Napoli. E a chiudere, il caffè e i distillati.

Salvatore Capparelli dell’omonima pasticceria ai Tribunali, a Napoli, con i suoi shot.

Il decano dei pasticceri Sabatino Sirica dell’omonima pasticceria di San Giorgio a Cremano con sfogliatelle, pasticcini crema e amarena o limone, babá, pastierine, diplomatici, capresine.

Gianluca Ranieri di Ranieri Pasticcerie ha portato le Tette di Latte.

Raffaele Cuomo della Cremeria Gabriele di Vico Equense ha preparato il gelato Stelle tra i Monti (ricotta al finocchietto selvatico, amarene appassite al sole e biscotto morbido alle noci).

Marco Infante di Casa Infante ha portato i suoi cult: Selezione Buccaccielli e Buccacciello ‘O Core e Napule

Paola Campana della Bottega di caffè speciali di Pompei ha preparato il caffè.

Distillati a cura di Alma De Lux di San Giorgio a Cremano.

Corvée, Bosco De Medici, De Santis, Casa Setaro, Casula Vinaria, Casebianche, Nifo Sarrapochiello, Ida Giordano, Tenuta Vitagliano, Le Marne, Torlisa, La Fortezza sono le cantine che hanno provveduto al beverage con gli abbinamenti suggeriti dai produttori e dai sommelier dell’AIS Penisola Sorrentina.

La torre ha salutato gli ospiti e tutti i protagonisti che si sono scambiati visite e piatti in una festa tranquilla come si conviene a un luogo di antiche memorie.

[Immagini: Giuseppe Tedesco, Vincenzo Pagano. Visual: Nice Milk.]

Notte di Stelle su Scatti di Gusto

Notte di Stelle. Scatti di Gusto vi invita al Castello di Lettere
Sabatino Sirica a Notte di Stelle
Lino Scarallo a Notte di Stelle
Luciano e Nando Bifulco a Notte di Stelle
Paolo De Simone a Notte di Stelle
Gino e Toto Sorbillo a Notte di Stelle
Notte di Stelle 2019. Tutti gli Chef, i Pizzaioli e gli Artigiani del Gusto
Pomodoro San Marzano, la ricetta dello stellato Vairo del Volturno
Paccheri con crema di patate e cozze: la ricetta è stellare
Pescheria a Salerno, il ristorante che dal mare è arrivato alle Stelle
Caracol a Bacoli, la recensione è stellare
Insalata di riso e zafferano di Nepi, la ricetta stellare de Il Papavero di Eboli
Notte di Stelle. La mappa con tutti i piatti, le pizze, i dolci che vi aspettano
Risotto alla sorrentina, la ricetta con mozzarella e pomodori gialli
Pizza fritta con impasto di alga spirulina, la ricetta di Davide Civitiello
Baccalà mantecato in tempura, la ricetta di Maicol Izzo è stellare
Racconto per immagini di Notte di Stelle 2019

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui