Il wok da passeggio di Wok’in in Paolo Sarpi a Milano, la recensione

Locali

We will wok you“: bello slogan per un’altra nuova apertura di questi giorni a Chinatown, Wok’in, in fondo a Paolo Sarpi (ovvero, ricordiamolo, lato Canonica).

Il “wok” è una padella semisferica, cinese ma presente con altri nomi in altre cucine asiatiche; viene usata per praticamente ogni tipo di cottura. Qui viene utilizzata per creare dei piatti – da consumare sul posto o da asporto – con carne, pesce, gamberi o verdure. Il nome del contenitore diventa così il nome del contenuto, e il contenuto deve per forza farsi riconoscere dal gusto (e ci riesce benissimo).

Ci sono 4 proposte “signature”, oppure è possibile creare il proprio piatto personalizzato, arricchendo la base di zucchine-carote-cavolo cinese-salsa a scelta, e spaghetti (di riso, di soia, udon, pad thai, soba), a 4,90 €, con vari ingredienti, da pollo e manzo (1,90 €) a salmone (3,90 €) e gamberi (2,20 €), a pomodorini cipolle tofu peperoni e così via (0,90-1,20 €), salse (fagioli neri, teriyaki, ostrica, spicy curry, agrodolce ecc., 0,50 €) e topping (mandorle anacardi sesamo goji e altro, 0,50 €).

Io mi sono affidato a una proposta signature, e fra gamberi (8,00 €), pollo (7,50 €), manzo (8,00) e verdure (7,00 €) ho scelto il piatto con gamberi: Pad Thai, zucchine, carote, cavolo cinese, bambù, pomodorini e salsa al curry (spicy, specifica il menu – moderatamente spicy, aggiungerei io).

Me lo sono preso in versione asporto, portato in ufficio (a 10′ scarsi di distanza, è arrivato ancora caldo), e me lo sono messo nel piatto. L’effetto è stato del tipo mamma mia ma è tantissimo – immagino che la porzione debba corrispondere a un piatto unico (ma comunque abbondante). Profumatissimo, ricco (anche di gamberi), con ingredienti ben scelti e accostati, persino il bambù, che non amo moltissimo, mi è piaciuto.

Il locale, aperto da pochissimi giorni e già affollato, ha tempi di attesa relativamente lunghi, specie se hai fame e hai davanti a te delle persone che non hanno ancora ben deciso come comporre il proprio wok (forse si potrebbe pensare a liste stampate di ingredienti da scegliere…). Ma in realtà il servizio è abbastanza rapido, considerato che l’assemblaggio degli ingredienti viene fatto sul momento, sotto i tuoi occhi, che è sempre divertente, e spadellato (si potrà dire swokkato?) in diretta.

Il locale è piccolo, 5 o 6 sgabelli e un paio di tavoli alti, una vetrata a separare sala e cucina, a vista quindi, con una ragazza che seleziona gli ingredienti per i due ragazzi ai fornelli che cucinano riempiendo e svuotando i loro wok, che vengono ritirati e lavati e riconsegnati a getto continuo alla cucina.

Colori pastello, piastrelle nere, pochi elementi decorativi. Il format viene da poco lontano, da Fusho (un sushi fusion tex-mex), ovvero da Davide Croatto, che dopo aver aperto altri due Fusho in giro per Milano (via Plinio e corso di Porta Vittoria) si è inventato questo Wokin. Molto piacevole.

Wok’in. Via Paolo Sarpi, 65. Milano. Tel. +39 0236637776.

Scatti di Gusto in Paolo Sarpi

Mr.Pie

Il ramen di Takumi

Gu-Mi Delicatezze di Pesce

I baozi di BaoZi

Bellavia-Vasa Vasa e Cookies’n’Cream

Sushi Fun

Beijing Traditional Roll e Collo d’anatra

Street Mozzarella

Pinsa Per Te

Sotto Sotto Enoteca Bistrot

Di Emanuele Bonati

"Esco, vedo gente, mangio cose" Lavora nell'editoria da oltre 40 anni. Legge compulsivamente da oltre 50 anni. Mangia da oltre 60 anni. Racconta quello che mangia, e il perché e il percome, online e non, da una decina d'anni. Verrà ricordato per aver fatto la foto della pizza di Cracco.