Il meglio del cibo: Milano, Roma, Napoli e Copenaghen

Tempo di lettura: 2 minuti

Che c’entra la Sora Franca sulle scale a straparlar di siti e gambe? E che c’entra il maiale con il panettone? E’ un avvio lievemente straniante quello che si consuma nella terza settimana del mese. Ma De Bellis sa il fatto suo e per Black Mamba il condominiale incontro è un allegro pretesto per parlare di vini naturali.

Intanto si conclude un ciclo, quello del cibo Vintage. Claudia Rossoni racconta gli anni 2000: è tempo di cucina molecolare, Mucca Pazza, celebrity chef e fornelli in tv. Come quelli di Benedetta Parodi che ha appena lanciato il contest dei Pavesini.

Continua la saga del maiale con la ricetta degli gnocchi con guanciale e carciofi e della cotica… dietetica. Mentre sulla tavola degli avi arrivano i sanvigilini del Garda di Anna Lupi.

Torna Elvan Uysal e questa volta non è per parlare di moscerini o pedalate gastronomiche nella città del panettone. Martedì l’instancabile moglie di MM lancia il guanto per un duello da grande schermo.

Vini bianchi sotto i 7 euro, l’assaggio di Joseph Perriere Rosé 2002 e la birra sugar-free Caulier declinano l’offerta alcolica della settimana mentre Cristiana Lauro riferisce di una riunione con il ministro Catania a parlare di vini e PAC.

Questa settimana il miracolo a Milano si chiama Ciccilla e dispensa polpette in tutte le salse. Bonati/Totò ne ha provate molte. Il duplice piacere è quello di un cibo atavico e di un esperimento di ristorazione etica.

A Roma il Marziano assaggia l’hamburger di Propaganda e a Napoli una recalcitrante Sofia cede ai piaceri della cucina esotica assaggiando i piatti del Kukai Nibu.

Per la serie grandi tavole e grandi chef, Lorenzo Sandano va da Salvatore Tassa e la squadra di Scatti di Gusto vola al Noma. A Barcellona, l’itinerario dei grandi dolci disegnato da Cristina Rombolà è il trittico Rovira, Bellart e Escribà.

Bollettino delle notzie gastronomiche: si avvicina il 21 aprile, data della fondazione di Roma ma anche dell’apertura di Eataly (una rinascita per la città?), Nicola Cavallaro chiude la parentesi Estremo Oriente per iniziare a Milano una nuova avventura mentre nasce una nuova App per i turisti in cerca degli indirizzi del buon mangiare a Roma.

Molto divertente il video della cassoulet scovato dal tenente Drogo: riprende lo spettacolo dei cugini d’Oltralpe pronti a tutto, ma proprio a tutto, per difendere l’identità nazionale. Non avevamo dubbi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui