Molti non la conosceranno. I più non l’avranno mai nemmeno sentita nominare.

Ma per i torinesi, la vera pizza è solo lei: la pizza al padellino (o al tegamino).

Morbida, soffice, ma con un fondo croccante e bordi quasi “fritti”, la pizza al padellino è una specialità che potrete gustare solo nel capoluogo sabaudo. Una pizza cotta in appositi padellini di alluminio di circa 20 centimetri di diametro, morbida, soffice, un tempo servita in locali alla buona e senza velleità alcuna, che ricordavano da vicino le vecchie farinaterie e le sciamadde liguri.

Una storia vecchia, quella della pizza al padellino, che un tempo, nel primo dopoguerra e fino all’inizio degli anni ’70, era praticamente quasi l’unica pizza che si potesse gustare a Torino. Poi, più tardi vennero le pizzerie “al mattone”, con la pizza napoletana, larga, sottile, non morbida, quasi “dura”, che con la sua nomea di essere l’unica “vera” pizza soppiantò la vecchia pizza torinese.

pizza al padellino

Le vecchie pizzerie al padellino chiusero una dopo l’altra, e la pizza napoletana regnò sovrana anche su Torino. Solo qualche incallito amatore, come la sottoscritta, si ostinava a prediligere la morbida e confortante pizza al padellino, incurante del dispregio dei cultori della “vera” pizza, e si arrabattava a cercare per Torino le poche pizzerie al padellino sopravvissute al ciclone napoletano.

Oggi, da quando Torino è diventata una meta turistica ambita, cioè da dopo le Olimpiadi invernali del 2006, qualcuno ha riscoperto la vecchia e disprezzata pizza al padellino, la ha riproposta come tipicità tipicamente torinese, e le pizzerie al padellino hanno cominciato a (ri)sorgere come funghi, per la gioia dei turisti, anche se molti di questi nuovi locali non reggono il confronto con il prodotto delle vecchie e originali pizzerie al padellino.

In merito alla “invenzione” della pizza al padellino, dicono alcuni che tale modo di preparare la pizza sia stato importato a Torino dai pizzaioli toscani nel dopoguerra, che trovavano più comodo disporre di una pizza già formata in appositi padellini singoli, invece di stenderla al momento, e non è un caso, infatti, che a Torino le vecchie pizzerie al padellino offrissero anche tutti la farinata, tipica preparazione toscana (con nome di cecìna), oltre che ligure.

Detto ciò, passiamo dalla storia della pizza più amata dai torinesi alle cose più concrete: la ricetta.

Non troverete la ricetta dell’impasto della “vera” pizza al padellino né sui ricettari né in rete: ogni pizzaiolo ha la sua, e la custodisce gelosamente, insensibile a ogni tipo di blandizie (e chi ne scrive ne sa qualcosa). Ciò che però si sa con relativa certezza, è che tutte le ricette prevedono un impasto ben idratato e con poco lievito, cosa che conferisce alla pizza una particolare morbidezza e fragranza.

Inoltre, dopo una prima lievitazione, l’impasto viene in genere fatto maturare al fresco per altre 12 ore circa, già steso nei padellini e ricoperto con il pomodoro, fino al momento dell’ordinazione. Solo allora la pizza verrà ripresa, finita di condire e messa in forno, completa del suo bel padellino.

La ricetta della pizza che vi proponiamo oggi è un adattamento casalingo di quella che si può gustare in pizzeria, considerando che appunto non solo non esiste una sola ricetta codificata, avendo ogni pizzaiolo la sua ricetta segreta, ma che non si potrà mai ottenere in casa una pizza come quella della pizzeria, né al padellino né napoletana o di altro tipo, in quanto i forni casalinghi, per quanto potenti, non potranno mai arrivare alle temperature dei forni professionali, a tacere delle pizzerie che hanno il forno a legna.

Inoltre, considerato che non tutti sarete provvisti dei canonici padellini in alluminio da 20 cm di diametro, che comunque si trovano ovviamente su Amazon, riportiamo anche le dosi per una teglia rotonda da 33 cm e per una teglia rettangolare da 30 x 40 cm.

Ma ovviamente, non sarà la stessa cosa.

La ricetta della pizza al padellino

pizza al padellino

Ingredienti per un padellino da 20 cm di diametro

100 g di farina
2 g di lievito di birra fresco
2 g di sale
65 g di acqua (per raggiungere un’idratazione del 65%)
1 cucchiaino di olio extravergine di oliva

Ingredienti per una teglia rotonda da 32-33 cm di diametro

250 g di farina
5 g di lievito
5 g di sale
160 g di acqua
2 cucchiaini di olio

Ingredienti per una teglia  rettangolare 30 x 40

380 g di farina
7 g di lievito
7 g di sale
250 g di acqua
4 cucchiaini olio di oliva

Ingredienti per la farcitura

100 g di mozzarella
80 g di passata di pomodoro (o pelato frullati)
Sale
Olio extravergine di oliva
Origano o basilico a piacere

Procedimento

pizza al padellino

Mettete la farina in una ciotola, sbriciolate il lievito nell’acqua tiepida (non calda, in quanto inibirebbe l’azione del lievito) e cominciate a  impastare.

Dopo qualche secondo aggiungete il sale (che non deve mai venire a contatto diretto con il lievito in quanto inibirebbe anch’esso l’azione del lievito) e l’olio.

Continuate a impastare fino a quando avrete un impasto grossolano, copritelo con un panno e dopo una decina di minuti lavoratelo nuovamente fino a renderlo liscio e omogeneo.

pizza al padellino

Coprite con una pellicola a contatto e mettete a lievitare in una ciotola fino al raddoppio (a seconda della temperatura esterna occorreranno dalle 3 alle 4 ore).

pizza al padellino
pizza al padellino
pizza al padellino

Riprendete l’impasto e stendetelo con le mani nei padellini che avrete precedentemente unti con l’olio.

pizza al padellino

Coprite con il pomodoro e lasciate riposare per circa una mezz’oretta, di modo che l’impasto, dopo essere stato steso, si “gonfi” nuovamente.

Nel frattempo accendete il forno alla massima temperatura (statico) e posizionate una griglia sull’alloggiamento medio-basso del forno.

fiordilatte
pizza al padellino

Intanto, condite la pizza: mettete il fiordilatte , che avrete già tagliato a pezzetti e fatto sgocciolare su un piatto inclinato, il sale, l’olio e l’origano.

pizza al padellino

Quando il forno raggiungerà la temperatura stabilita, infornate la pizza. Se regolate il forno a 280° C, basteranno 8-10 minuti, se utilizzate invece temperature diverse regolatevi aumentando o diminuendo il tempo di cottura.

pizza al padellino

Ad ogni modo, la pizza sarà cotta quando, sollevandone un lembo con una forchetta, il fondo risulterà non più bianco ma leggermente dorato.

Sfornate, fate scivolare via la pizza dal padellino con l’aiuto di una spatola e gustate calda.

pizza al padellino

Ultima nota: volete sapere come fa la sottoscritta quando vuole una buona pizza senza starci dietro tutto il giorno? Bene, semplicemente si tratta di mettere 5 grammi di lievito per etto di farina, lasciando tute le altre dosi invariate. In poco più di un’ora l’impasto avrà raddoppiato. A quel punto si stende nel padellino oliato, ci si mette il pomodoro sopra, si lascia riposare altri 30 minuti, durante i quali si accenderà il forno, poi si finisce di condire e si inforna.

E senza tante cerimonie in meno di due ore potrete gustare una pizza con i fiocchi: non facciamo tanto i talebani, e godiamoci ogni tanto la vita con leggerezza. E con una buona pizza fatta in casa (senza ansia da primi della classe). Vi garantisco che la digerirete senza attaccarvi al rubinetto.

Lezioni di Pizza

Tutte le Lezioni di Pizza

  1. La pizza fritta di Gino Sorbillo dal Vesuvio al Kilimangiaro
  2. Impasti possibili, la Pizza Condivisa di Gabriele Bonci e Gino Sorbillo
  3. Come fare la pizza tatin di Bonci a casa ed essere felice anche se la chiami focaccia
  4. Come fare la pizza con il criscito e il cornicione ripieno di ricotta di Gino Sorbillo
  5. Pizza e lievito Madre. Le 7 regole d’oro di Gino Sorbillo
  6. I pizzaioli insegnano a scegliere la farina e a stendere l’impasto
  7. Pizza alla parmigiana di melanzane di Gabriele Bonci
  8. 20 cose da sapere per replicare la pizza di Bonci a casa
  9. Lezioni di Pizza. Le regole e la ricetta di Simone Lombardi a Milano
  10. Lezioni di Pizza. La ricetta dei Nidi d’uccello
  11. Lezioni di Pizza. La vera ricetta del calzone di carne di Bari
  12. Lezioni di Pizza. Arcobaleno Expo con farina di farro di Sorbillo
  13. Lezioni di Pizza. Deep-dish, la ricetta con la parmigiana di melanzane
  14. Lezioni di Pizza. Gabriele Bonci vi dice come fare la gluten free
  15. Lezioni di Pizza. Come si prepara il criscito alla napoletana
  16. 11 consigli dei pizzaioli per fare la pizza a casa spiegati in un libro
  17. Lezioni di Pizza. Come fare l’impasto diretto a casa
  18. Lezioni di Pizza. La ricetta ai sei pomodori di Gino Sorbillo
  19. Post-Eat. La ricetta dello strepitoso tortano dei Capatosta
  20. Lezioni di Pizza. Millefoglie dolce di Salvatore Lioniello con impasto al cioccolato
  21. La ricetta perfetta della pizza a casa di Carlo Sammarco
  22. La ricetta della focaccia barese da fare a casa
  23. Lezioni di Pizza. La ricetta della puttanesca di Rosanna Marziale
  24. Lezioni di Pizza. Focaccia genovese, la ricetta perfetta
  25. Lezioni di Pizza. Le 10 regole per preparare la biga vincente
  26. Lezioni di Pizza. Le 20 regole del canotto di Piergiorgio Giorilli
  27. Lezioni di Pizza. Latte+ e Langa-Boom di Patrick Ricci
  28. Lezioni di Pizza. Cottura perfetta con il segreto di Giò il Pizzino
  29. Lezioni di Pizza. La ricetta di Pier Daniele Seu semplice e immediata
  30. Pizza Canotto. La ricetta perfetta per farla a casa
  31. Lezioni di Pizza. I 7 errori da evitare spiegati da Gino Sorbillo
  32. Pizza d’aMare. Riccio e spirulina per un’estate con il vento in poppa
  33. Pizza d’aMare. Diego Vitagliano e la Nuvola d’Argento
  34. Pizza. La ricetta di Alessandro Coppari di Mezzometro a Senigallia
  35. Lezioni di Pizza. La ricetta con biga e semola rimacinata di grano duro
  36. Lezioni di Pizza. Il Trapizzino con pollo alla cacciatora di Stefano Callegari
  37. Lezioni di Pizza. La gourmet a lievitazione naturale
  38. Lezioni di Pizza. La Sole con pomodori gialli di Giuseppe Pignalosa
  39. Lezioni di Pizza. La ricetta della veloce napoletana di Simone Fortunato
  40. Lezioni di Pizza. Il Crunch di Renato Bosco
  41. Lezioni di Pizza. Teglia e ruoto con la ricetta di Salvatore Lioniello
  42. Lezioni di Pizza. Come farla a casa con la ricetta di Diego Vitagliano
  43. Pizza napoletana. La storia dagli albori ad oggi
  44. Lezioni di Pizza. Nel ruoto con la ricetta di Pasqualino Rossi
  45. La ricetta della mica Pizza e Fichi di Salvatore Grasso
  46. Focaccia messinese fatta in casa: la ricetta scientifica in 5 punti
  47. Lezioni di Pizza. La formula automatica per calcolare la biga
  48. Lezioni di Pizza. Pala alla romana, la ricetta scientifica
  49. Lezioni di Pizza. La ricetta del canotto di Renato Bosco
  50. Lezioni di Pizza. La Biancomangiare di Patrick Ricci a Torino
  51. Lezioni di Pizza. La napoletana a casa senza segreti
  52. Lezioni di Pizza. La ruota di carro di Michele
  53. Lezioni di Pizza. La ricetta con alici di menaica e bagnet verd
  54. Lezioni di pizza. Supercrust alla romana di primavera
  55. Lezioni di Pizza. I vantaggi del lievito secco italiano
  56. Lezioni di Pizza. La ricetta Bonci Style dei Ventenni Affamati
  57. Lezioni di Pizza. Fiordilatte e mozzarella, guida all’utilizzo
  58. Lezioni di Pizza. 3 ricette per farla dolce
  59. Lezioni di Pizza. La fritta con impasto all’alga spirulina
  60. Lezioni di Pizza. La fritta alla puttanesca di Teresa Iorio
  61. Pizza fritta con il coniglio all’ischitana di Giuseppe Pignalosa, la ricetta
  62. Lezioni di Pizza. La ricetta con i peperoni di Carmagnola
  63. Lezioni di Pizza. La ricetta della Cilentana ai grani antichi
  64. Lezioni di pizza. Come fare la fritta a casa per sfamare 10 persone
  65. Lezioni di Pizza. La margherita in teglia di Giuseppe Pignalosa
  66. Lezioni di Pizza. Focaccia, la ricetta facile da fare a casa
  67. Lezioni di Pizza. Il tortano, la ricetta di Daniele Cacciuolo
  68. Lezioni di Pizza. La ricetta al padellino della tradizione di Torino
  69. Lezioni di Pizza. La focaccia romana in planetaria di Luca Pezzetta
  70. Pizza di scarole. La ricetta di Giuseppe Pignalosa come un calzone
  71. Lezioni di Pizza. Il poolish, o biga liquida, di Luca Pezzetta
  72. Lievito madre. La ricetta di Luca Pezzetta per farlo e rinfrescarlo
  73. Lezioni di Pizza. La ricetta della fritta napoletana
  74. Lezioni di Pizza. Tutto quello che c’è da sapere sul lievito
  75. Lezioni di Pizza. La mitica ricetta biga + poolish per la teglia di Salvatore Lioniello
  76. Lezioni di Pizza. Fritta alla cilentana, la ricetta facile facile

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui