Casatiello e tortano sono ricette pasquali che hanno la loro patria di elezione a Napoli.

Ma ora dovete reimpostare le coordinate sul vostro navigatore gastronomico. Dopo aver assaggiato il tortano dei fratelli Raffaele e Vincenzo Giustiniani non avrete più dubbi: il migliore tortano pasquale che mente e pancia umana possano ricordare si fa a Recale, cioè a Caserta.

Poca testa e molta gola per un’esecuzione perfetta alla pizzeria Capatosta. Niente alleggerimenti e poche concessioni alla modernità se non la lunga lievitazione dell’impasto a temperatura ambiente.

Il risultato è un’esplosione di sapore con un tortano che segna la tappa del passaggio dal pane al pane e companatico. Irresistibile.

fratelli Giustiniani

I fratelli Giustiniani – che da soli dovrebbero andare nella lista dell’Unesco – lo preparano per i clienti della pizzeria e non solo a Pasqua (per fortuna).

Quindi, se in queste vacanze pasquali avete in programma di volgere la prua al sud e andare a vedere la Reggia di Caserta, il consiglio è di fare una sosta golosa qui, senza indugi: Pizzeria Capatosta. Via Guglielmo Marconi, 80. Recale – Caserta. Tel. +39 0823 493188.

Per tutti i lettori che invece vogliono provare a cimentarsi a casa, ecco la ricetta raccontata dal duo.

Come detto, l’impasto è quello tradizionale ma con una puntata più lunga.

La ricetta del tortano di Pasqua

tortano

Ingredienti (tortano di circa 4 chili)

Per l’impasto

1 l di acqua
45 g di sale
2 g di lievito di birra
1700 g di farina 00 (Rossa Caputo)

Procedimento

Mettete l’acqua in una bacinella, aggiungete il sale e poco alla volta la farina.

Quando avete utilizzato la metà della farina aggiungete il lievito e man mano il resto della farina.

Una volta preparato l’impasto lasciate lievitare per 12 – 14 ore a temperatura ambiente avendo cura di coprire il recipiente.

L’impasto sarà pronto quando il volume è raddoppiato.

Ingredienti per la farcitura

10 uova sode
300 g di prosciutto cotto
300 g di salame Napoli
300 g di cicoli napoletani
300 g di formaggio piccante o dolce
Pepe a piacere secondo il gusto personale

Procedimento

Stendete l’impasto formando un disco di sessanta centimetri.

Mettete su di esso lo strutto (se non lo avete a disposizione, utilizzate un buon olio extravergine di oliva) e massaggiate la pasta.

Aggiungete i salumi, le uova e il formaggio.

Arrotolate l’impasto per trattenere la farcitura.

ruoti

Ungete un ruoto, la teglia con il buco al centro, e formate una ciambella.

Spennellate con il rosso d’uovo e infornate a 200°C per circa quaranta minuti.

Preferite il forno a legna se lo avete a disposizione.

tortano napoletano

Godete e sappiate dirci.

Lezioni di Pizza

Tutte le Lezioni di Pizza

  1. La pizza fritta di Gino Sorbillo dal Vesuvio al Kilimangiaro
  2. Impasti possibili, la Pizza Condivisa di Gabriele Bonci e Gino Sorbillo
  3. Come fare la pizza tatin di Bonci a casa ed essere felice anche se la chiami focaccia
  4. Come fare la pizza con il criscito e il cornicione ripieno di ricotta di Gino Sorbillo
  5. Pizza e lievito Madre. Le 7 regole d’oro di Gino Sorbillo
  6. I pizzaioli insegnano a scegliere la farina e a stendere l’impasto
  7. Pizza alla parmigiana di melanzane di Gabriele Bonci
  8. 20 cose da sapere per replicare la pizza di Bonci a casa
  9. Lezioni di Pizza. Le regole e la ricetta di Simone Lombardi a Milano
  10. Lezioni di Pizza. La ricetta dei Nidi d’uccello
  11. Lezioni di Pizza. La vera ricetta del calzone di carne di Bari
  12. Lezioni di Pizza. Arcobaleno Expo con farina di farro di Sorbillo
  13. Lezioni di Pizza. Deep-dish, la ricetta con la parmigiana di melanzane
  14. Lezioni di Pizza. Gabriele Bonci vi dice come fare la gluten free
  15. Lezioni di Pizza. Come si prepara il criscito alla napoletana
  16. 11 consigli dei pizzaioli per fare la pizza a casa spiegati in un libro
  17. Lezioni di Pizza. Come fare l’impasto diretto a casa
  18. Lezioni di Pizza. La ricetta ai sei pomodori di Gino Sorbillo
  19. Post-Eat. La ricetta dello strepitoso tortano dei Capatosta
  20. Lezioni di Pizza. Millefoglie dolce di Salvatore Lioniello con impasto al cioccolato
  21. La ricetta perfetta della pizza a casa di Carlo Sammarco
  22. La ricetta della focaccia barese da fare a casa
  23. Lezioni di Pizza. La ricetta della puttanesca di Rosanna Marziale
  24. Lezioni di Pizza. Focaccia genovese, la ricetta perfetta
  25. Lezioni di Pizza. Le 10 regole per preparare la biga vincente
  26. Lezioni di Pizza. Le 20 regole del canotto di Piergiorgio Giorilli
  27. Lezioni di Pizza. Latte+ e Langa-Boom di Patrick Ricci
  28. Lezioni di Pizza. Cottura perfetta con il segreto di Giò il Pizzino
  29. Lezioni di Pizza. La ricetta di Pier Daniele Seu semplice e immediata
  30. Pizza Canotto. La ricetta perfetta per farla a casa
  31. Lezioni di Pizza. I 7 errori da evitare spiegati da Gino Sorbillo
  32. Pizza d’aMare. Riccio e spirulina per un’estate con il vento in poppa
  33. Pizza d’aMare. Diego Vitagliano e la Nuvola d’Argento
  34. Pizza. La ricetta di Alessandro Coppari di Mezzometro a Senigallia
  35. Lezioni di Pizza. La ricetta con biga e semola rimacinata di grano duro
  36. Lezioni di Pizza. Il Trapizzino con pollo alla cacciatora di Stefano Callegari
  37. Lezioni di Pizza. La gourmet a lievitazione naturale
  38. Lezioni di Pizza. La Sole con pomodori gialli di Giuseppe Pignalosa
  39. Lezioni di Pizza. La ricetta della veloce napoletana di Simone Fortunato
  40. Lezioni di Pizza. Il Crunch di Renato Bosco
  41. Lezioni di Pizza. Teglia e ruoto con la ricetta di Salvatore Lioniello
  42. Lezioni di Pizza. Come farla a casa con la ricetta di Diego Vitagliano
  43. Pizza napoletana. La storia dagli albori ad oggi
  44. Lezioni di Pizza. Nel ruoto con la ricetta di Pasqualino Rossi
  45. La ricetta della mica Pizza e Fichi di Salvatore Grasso
  46. Focaccia messinese fatta in casa: la ricetta scientifica in 5 punti
  47. Lezioni di Pizza. La formula automatica per calcolare la biga
  48. Lezioni di Pizza. Pala alla romana, la ricetta scientifica
  49. Lezioni di Pizza. La ricetta del canotto di Renato Bosco
  50. Lezioni di Pizza. La Biancomangiare di Patrick Ricci a Torino
  51. Lezioni di Pizza. La napoletana a casa senza segreti
  52. Lezioni di Pizza. La ruota di carro di Michele
  53. Lezioni di Pizza. La ricetta con alici di menaica e bagnet verd
  54. Lezioni di pizza. Supercrust alla romana di primavera
  55. Lezioni di Pizza. I vantaggi del lievito secco italiano
  56. Lezioni di Pizza. La ricetta Bonci Style dei Ventenni Affamati
  57. Lezioni di Pizza. Fiordilatte e mozzarella, guida all’utilizzo
  58. Lezioni di Pizza. 3 ricette per farla dolce
  59. Lezioni di Pizza. La fritta con impasto all’alga spirulina
  60. Lezioni di Pizza. La fritta alla puttanesca di Teresa Iorio
  61. Pizza fritta con il coniglio all’ischitana di Giuseppe Pignalosa, la ricetta
  62. Lezioni di Pizza. La ricetta con i peperoni di Carmagnola
  63. Lezioni di Pizza. La ricetta della Cilentana ai grani antichi
  64. Lezioni di pizza. Come fare la fritta a casa per sfamare 10 persone
  65. Lezioni di Pizza. La margherita in teglia di Giuseppe Pignalosa
  66. Lezioni di Pizza. Focaccia, la ricetta facile da fare a casa
  67. Lezioni di Pizza. Il tortano, la ricetta di Daniele Cacciuolo
  68. Lezioni di Pizza. La ricetta al padellino della tradizione di Torino
  69. Lezioni di Pizza. La focaccia romana in planetaria di Luca Pezzetta
  70. Pizza di scarole. La ricetta di Giuseppe Pignalosa come un calzone
  71. Lezioni di Pizza. Il poolish, o biga liquida, di Luca Pezzetta
  72. Lievito madre. La ricetta di Luca Pezzetta per farlo e rinfrescarlo
  73. Lezioni di Pizza. La ricetta della fritta napoletana
  74. Lezioni di Pizza. Tutto quello che c’è da sapere sul lievito
  75. Lezioni di Pizza. La mitica ricetta biga + poolish per la teglia di Salvatore Lioniello
  76. Lezioni di Pizza. Fritta alla cilentana, la ricetta facile facile

5 Commenti

  1. Ci manca lo strutto sia nell’impasto che nella preparazione.Quando si arrotola bisogna ungere il rotolo sempre con lo strutto.Questa è altra cosa, non si può chiamare tortano bensì rustico napoletano, al massimo.

    • Mettete su di esso lo strutto (se non lo avete a disposizione, utilizzate un buon olio extravergine di oliva) e massaggiate la pasta.
      Ungete un ruoto, la teglia con il buco al centro, e formate una ciambella.
      C’è. la pizzeria Capatosta lo fa così. Perché criticare tanto per….

  2. Indubbiamente buonissimo,ma non è nè un tortano nè un casatiello.I canoni vanno rispettati altrimenti confondiamo scarole con broccoli,buoni entembi ma diversi.

  3. Concordo con altri commenti qui postati: nulla a che vedere con il vero torta o o Castiello napoletano: manca lo strutto ed il prosciutto cotto non c’entra niente. Anche il procedimento di preparazione dell’impatto non è corretto: è prevista una doppia lievitazione .

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui