Pizza d’aMare. Diego Vitagliano e la Nuvola d’Argento

A Ischia è sbarcato con la sua pizza canotto il maestro pizzaiolo Diego Vitagliano, conduttore della quarta lezione di Pizza d’aMare, il format di Scatti di Gusto per imparare a fare la pizza a casa e gustare le pizze trend dell’estate 2017.

Un Napoletano verace, battezzato per l’appunto con il nome Diego in onore del Pibe de oro Diego Armando Maradona, che dopo un interessante percorso formativo decide di aprire la sua prima pizzeria  “10” di Diego Vitagliano sul bellissimo lungomare di Pozzuoli (Corso Umberto I, N.167/169).

Ecco il Vitagliano pensiero in poche battute coadiuvato in questa lezione da Diego Viola.

1. Farina e tecnica di impasto

Farina 00, farina 0 o farina Bio. “Per anni ho prediletto la farina 00, poi con il tempo aumentando le mie conoscenze e affinando le tecniche di maturazione e lievitazione ho riscontrato una maggiore leggerezza e scioglievolezza miscelando la farina 0. Diversa è la farina Bio, alla quale tengo molto e per questo le sto dedicando del tempo, la sto studiando e conto di trovare a breve il migliore equilibrio per inserire nel mio menù una sezione 100% Bio, non solo dell’impasto ma anche del topping. La qualità e la scelta delle materie prime sono fondamentali per il successo di ogni mia pizza, per questo ho scelto un orto a Monte di Procida (attualmente curato dai fratelli Colandrea) da cui rifornirmi, e in attesa della certificazioni bio provo i giusti abbinamenti per il varo di settembre”.

2. La pizza canotto conquista Ischia

La pizza canotto, o come la chiama Diego, la Nuvola, merita un 10 e lode.

È una pizza super soffice che si scioglie in bocca, con il cornicione pronunciato perfettamente alveolato.

Se avete imparato a fare la pizza a casa con le Lezioni di Pizza, sappiate che questa Nuvola è d’Argento per la presenza delle alici di Pozzuoli che si sposano con il limone di Ischia.

3. La ricetta della Nuvola d’Argento, pizza per l’estate 2017

Ingredienti (per 4 pizze)

300 g di alici puteolane eviscerate e spinate
100 g di caciocavallo fresco affumicato di Sorrento 
200 g di pomodorini del piennolo del Vesuvio
20 g di pecorino romano
Pane grattugiato
Limone ischitano q.b. tagliato a julienne
Pepe q.b.
Menta fresca 
Olio extra vergine di oliva delle colline cilentane D.O.P.

Procedimento

Eviscerare e spinare le alici

Tagliare il caciocavallo a fettine (da 1 cm)

Tagliare i pomodorini a filetti

Stendere la pizza e condirla con le fette di caciocavallo, i pomodorini e le alici aperte con la pelle rivolta verso l’alto.

Spennellare con olio extra vergine di oliva, spolverare con il pecorino e una pioggia di pangrattato e infornare.

All’uscita dal forno aggiungere la menta fresca e il limone con un giro di pepe.

A noi ha convinto. E voi che ne pensate?

4. Pozzuoli mi ha cambiato la vita

“Adoro la città di Pozzuoli, una città ricca di risorse storico culturali con un potenziale altissimo anche in termini di enogastronomia, le mie pizze sono ispirate ai prodotti di stagione che mi offre questa terra. Pozzuoli è la mia più grande fortuna, mi ha cambiato la vita ed io ricambio e molte delle pizze che ho nel menù sono ispirate ai questi luoghi: La Carrettiera Flegrea, oppure la Bianca Cumana, e ancora l’inverno scorso ho creato la Selvatica di Montenuovo”, aggiunge Diego.

5. La pizza Geotermica

Lettori di Scatti di Gusto, il 19 Settembre non prendete impegni: siete invitati alla Solfatara di Pozzuoli per l’evento La pizza Geotermica nell’Inferno di Totò.

Un impasto speciale fatto lievitare alla temperatura dell’ade immaginata dal grande attore napoletano in Totò: 47 morto che parlaTotò all’inferno  e cotta nel forno a legna tra gli sbuffi di zolfo caldo. Proverete per la prima volta la pizza geo termica circondati da un’atmosfera magica, ospite d’onore la famiglia De Curtis.

Un ticket di soli 10 € e l’incasso sarà tutto devoluto alla mensa di San Gennaro di Pozzuoli.

E stasera i due campioni del Trofeo Mondiale 2017

E stasera sessione speciale per avviare il cartellone di Pizza d’aMare di Scatti di Gusto con due interpreti di valore assoluto: Michele Leo, Campione Mondiale STG 2017, e Teresa Iorio, bi-campionessa mondiale che quest’anno ha centrato il gradino più alto del podio con la sua pizza Femmena e Fritta.

Michele Leo dalla sua Venosa porta una pizza con crema di zucchine, mozzarella, piccoli polpi, salmone, datterini rossi e glassa di aceto balsamico.

Teresa Iorio, invece, gioca praticamente in casa poiché la trovate sia alla sua pizzeria Le Figlie di Iorio a pranzo vicino agli imbarchi del Molo Beverello (consigliatissima ovviamente prima e dopo gite e vacanze sulle isole del Golfo di Napoli) che al Rossopomodoro LAB di via Partenope la sera con la fritta.

E quindi, appuntamento a tutti per stasera: si inizia come al solito alle 19 con una nuovo capitolo di Lezioni di Pizza.

[Testo: Cecilia D’Ambrosio. Immagini: Ischiacity, Vincenzo Pagano, Scatti di Gusto, Espresso napoletano]




- martedì, 1 agosto 2017 | ore 10:43

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.