Lezioni di Pizza. I 7 errori da evitare spiegati da Gino Sorbillo

 

Come fare una pizza perfetta nel forno di casa?

Ve lo spiega in 8 appuntamenti Scatti di Gusto in collaborazione con la scuola di Casa Rossopomodoro a Ischia grazie alle master class tenute da 11 pizzaioli campioni della specialità.

Pizza d’aMare, sulle note di una pizza speciale che ciascun pizzaiolo presenta sul palcoscenico della serra al centro di Ischia Porto, vi insegna a impastare, stendere, cuocere e – ovviamente – a riconoscere una pizza ben fatta così da aiutarvi a scegliere la pizzeria migliore.

Siamo partiti con Gino Sorbillo – coadiuvato da Davide Civitiello – che in un’ora di lezione ha permesso ai partecipanti di comprendere tecnica, prassi e segreti della vera pizza partenopea.

Un argomento che ben conoscono i lettori di Scatti di Gusto grazie alle Lezioni di Pizza che sono raccolte in queste pagine.

È quindi possibile sfornare una pizza come quella della pizzeria anche tra le mura domestiche?

Ci si può avvicinare tenendo presente che l’anello più debole della catena è il forno: avere un forno a legna o elettrico che sia in grado di raggiungere le alte temperature necessarie per la cottura della pizza napoletana e poi mantenerle nel caso se ne vogliano sfornare più di una è il vero asso nella manica del pizzaiolo amatoriale.

Ma con qualche trucco che potete applicare a partire da questa lezione, il risultato finale premierà i vostri sforzi.

Anche se sfornare un calzone e una margherita come quella di Gino Sorbillo e di Davide Civitiello richiede un po’ di applicazione.

 

Ed ecco i 7 errori capitali che Gino Sorbillo vi esorta ad evitare: sono anche le spie per comprendere se il pizzaiolo che sta preparando la vostra amata pizza ci sa fare per davvero.

1. Lavorare con gli anelli

Impastare la vostra pizza con gli anelli al dito o con bracciali che penzolano nella farina non è corretto per l’igiene e la vostra manualità sarà compromessa. Se in una pizzeria vi accorgete che il pizzaiolo non si separa dai suoi feticci anche al momento della stesura della pizza, è ora di cambiare indirizzo.

2. Strizzare con 5 dita

L’impasto va lavorato con energia ma al tempo stesso con delicatezza per evitare che si incordi o si riscaldi inutilmente. Strizzarlo con tutte le dita per dargli forma e per fare i panetti significa stressarlo e confezionare pagnotte che saranno recalcitranti quando vorrete stenderle.

3. Far prendere aria ai panetti

Il miracolo della maturazione, cioè della scomposizione degli amidi in zuccheri semplici, e della lievitazione, cioè la produzione di gas che aumentano il volume della massa, dei panetti si deve compiere in assenza di aria. La cassetta dove li ponete a riposo può essere una madia di legno chiusa da un coperchio o una “tavola” di plastica come quella utilizzata dai pizzaioli con un’altra che fa da coperchio. Oppure un altro contenitore, in cui le palline possono essere disposte distanziate correttamente, chiuso da una pellicola trasparente. Che non vi venga in mente di avvolgere nella carta argentata un panetto: si attaccherà al vostro impasto inesorabilmente.

4. Fare i taglietti

Un panetto deve avere una superfice liscia senza bozzi e soprattutto senza taglietti: volete sfornare una pizza, non il pane.

5. Far prendere calore alle palline

La temperatura di lievitazione e maturazione non prevede il colpo di calore alle palline. L’impasto è vivo e non gradisce le saune improvvise o l’aria condizionata a palla. Armatevi di termometro per conoscere le temperature degli ambienti di casa vostra (ma vale anche per le pizzerie) se avete intenzione di lavorare a temperatura – appunto – ambiente.

6. Guardare il vostro programma preferito

Sottotitolo, allontanandovi mentre siete in procinto di stendere la pizza. O comunque appena il panetto abbia preso aria. Concentratevi sul vostro lavoro di pizzaiolo per accudire il panetto nella fase che premia in buona parte il vostro risultato. Lavorate il panetto con fermezza e gentilmente con movimenti fluidi e uno “schiaffo” misurato. Ma soprattutto siate veloci per evitare che l’impasto si attacchi al piano di lavoro. E se vedete in pizzeria il pizzaiolo che si ferma a guardare la televisione mentre il panetto è lì a chiedergli di essere condito e infornato, beh ora sapete come regolarvi.

7. Fare la pizza tonda

Il mantra della pizza (ro)tonda come se fosse stata disegnata con il compasso è una inutile costrizione. Il Sorbillo-pensiero è che la pizza sia da considerare un lavoro artigianale con una quota di imperfezione o comunque di differenza tra una pizza e l’altra. Quindi una pizza buona può essere oblunga, ad arco ribassato o tendente al quadrotto. Rilassatevi e infornatela: il gusto vi premierà.

Ecco un estratto della lezione premiata dall’assaggio della Pizza d’aMare proposta da Gino Sorbillo. Si chiama Come un Tonno perché al “tonno” di carne di scottona di Marchigiana della selezione del guru Luciano Bifulco (la trovate alla sua macelleria a Ottaviano e qui vedete la genesi) sono aggiunte gocce di colatura di alici di Acqua Pazza che vi restituiranno il sapore intenso dello iodio in un inedito mare-monti, pomodorini gialli di Giolì dolci a equilibrare la colatura e pronti ad illuminare la vostra pizza con i riflessi del sole, e il fior di latte di Agerola o la vera mozzarella di bufala se avete voglia di un gusto più deciso.

E se avete voglia di apprendere nuovi segreti e mandare a memoria gli errori da non fare a casa per sfornare una pizza perfetta, guardate il calendario di Pizza d’aMare.

Oggi alle 19 c’è la lezione di Gennaro Piccolo, terzo classificato al Mondiale STG e trionfatore della Coppa Rossopomodoro, insieme a Davide Civitiello, campione mondiale di pizza Specialità Tradizionale Garantita che vi introdurranno nel fantastico mondo delle pizze.

Lo faranno con la Riccia Spirulina, una bianca con mozzarella di bufala campana, ricci di mare all’uscita, pesto di alga spirulina, timo e grattugiata di limone di Sorrento.

Una bomba che gioca con il nome riccio + alga spirulina (mare) e bufala + limone (territorio campano) perché a noi piace giocare, ma la pizza è una cosa seria. D’amare o da mare, fate voi.

Intanto venite a prendervi l’attestato che fa di voi un pizzaiolo amatoriale consapevole.

E se vi abbiamo convinto, vi aspettiamo stasera.

Pizza d’aMare c/o Rossopomodoro Ischia. Corso Vittoria Colonna, 90. Ischia Porto. Tel. +39 081 192 00 557. Cellulare Paolo Gargiulo +39 347.6622515

Lezioni di Pizza

Tutte le Lezioni di Pizza

  1. La pizza fritta di Gino Sorbillo dal Vesuvio al Kilimangiaro
  2. Impasti possibili, la Pizza Condivisa di Gabriele Bonci e Gino Sorbillo
  3. Come fare la pizza tatin di Bonci a casa ed essere felice anche se la chiami focaccia
  4. Come fare la pizza con il criscito e il cornicione ripieno di ricotta di Gino Sorbillo
  5. Pizza e lievito Madre. Le 7 regole d’oro di Gino Sorbillo
  6. I pizzaioli insegnano a scegliere la farina e a stendere l’impasto
  7. Pizza alla parmigiana di melanzane di Gabriele Bonci
  8. 20 cose da sapere per replicare la pizza di Bonci a casa
  9. Lezioni di Pizza. Le regole e la ricetta di Simone Lombardi a Milano
  10. Lezioni di Pizza. La ricetta dei Nidi d’uccello
  11. Lezioni di Pizza. La vera ricetta del calzone di carne di Bari
  12. Lezioni di Pizza. Arcobaleno Expo con farina di farro di Sorbillo
  13. Lezioni di Pizza. Deep-dish, la ricetta con la parmigiana di melanzane
  14. Lezioni di Pizza. Gabriele Bonci vi dice come fare la gluten free
  15. Lezioni di Pizza. Come si prepara il criscito alla napoletana
  16. 11 consigli dei pizzaioli per fare la pizza a casa spiegati in un libro
  17. Lezioni di Pizza. Come fare l’impasto diretto a casa
  18. Lezioni di Pizza. La ricetta ai sei pomodori di Gino Sorbillo
  19. Post-Eat. La ricetta dello strepitoso tortano dei Capatosta
  20. Lezioni di Pizza. Millefoglie dolce di Salvatore Lioniello con impasto al cioccolato
  21. La ricetta perfetta della pizza a casa di Carlo Sammarco
  22. La ricetta della focaccia barese da fare a casa
  23. Lezioni di Pizza. La ricetta della puttanesca di Rosanna Marziale
  24. Lezioni di Pizza. Focaccia genovese, la ricetta perfetta
  25. Lezioni di Pizza. Le 10 regole per preparare la biga vincente
  26. Lezioni di Pizza. Le 20 regole del canotto di Piergiorgio Giorilli
  27. Lezioni di Pizza. Latte+ e Langa-Boom di Patrick Ricci
  28. Lezioni di Pizza. Cottura perfetta con il segreto di Giò il Pizzino
  29. Lezioni di Pizza. La ricetta di Pier Daniele Seu semplice e immediata
  30. Pizza Canotto. La ricetta perfetta per farla a casa
  31. Lezioni di Pizza. I 7 errori da evitare spiegati da Gino Sorbillo
  32. Pizza d’aMare. Riccio e spirulina per un’estate con il vento in poppa
  33. Pizza d’aMare. Diego Vitagliano e la Nuvola d’Argento
  34. Pizza. La ricetta di Alessandro Coppari di Mezzometro a Senigallia
  35. Lezioni di Pizza. La ricetta con biga e semola rimacinata di grano duro
  36. Lezioni di Pizza. Il Trapizzino con pollo alla cacciatora di Stefano Callegari
  37. Lezioni di Pizza. La gourmet a lievitazione naturale
  38. Lezioni di Pizza. La Sole con pomodori gialli di Giuseppe Pignalosa
  39. Lezioni di Pizza. La ricetta della veloce napoletana di Simone Fortunato
  40. Lezioni di Pizza. Il Crunch di Renato Bosco
  41. Lezioni di Pizza. Teglia e ruoto con la ricetta di Salvatore Lioniello
  42. Lezioni di Pizza. Come farla a casa con la ricetta di Diego Vitagliano
  43. Pizza napoletana. La storia dagli albori ad oggi
  44. Lezioni di Pizza. Nel ruoto con la ricetta di Pasqualino Rossi
  45. La ricetta della mica Pizza e Fichi di Salvatore Grasso
  46. Focaccia messinese fatta in casa: la ricetta scientifica in 5 punti
  47. Lezioni di Pizza. La formula automatica per calcolare la biga
  48. Lezioni di Pizza. Pala alla romana, la ricetta scientifica
  49. Lezioni di Pizza. La ricetta del canotto di Renato Bosco
  50. Lezioni di Pizza. La Biancomangiare di Patrick Ricci a Torino
  51. Lezioni di Pizza. La napoletana a casa senza segreti
  52. Lezioni di Pizza. La ruota di carro di Michele
  53. Lezioni di Pizza. La ricetta con alici di menaica e bagnet verd
  54. Lezioni di pizza. Supercrust alla romana di primavera
  55. Lezioni di Pizza. I vantaggi del lievito secco italiano
  56. Lezioni di Pizza. La ricetta Bonci Style dei Ventenni Affamati
  57. Lezioni di Pizza. Fiordilatte e mozzarella, guida all’utilizzo
  58. Lezioni di Pizza. 3 ricette per farla dolce
  59. Lezioni di Pizza. La fritta con impasto all’alga spirulina
  60. Lezioni di Pizza. La fritta alla puttanesca di Teresa Iorio
  61. Pizza fritta con il coniglio all’ischitana di Giuseppe Pignalosa, la ricetta
  62. Lezioni di Pizza. La ricetta con i peperoni di Carmagnola
  63. Lezioni di Pizza. La ricetta della Cilentana ai grani antichi
  64. Lezioni di pizza. Come fare la fritta a casa per sfamare 10 persone
  65. Lezioni di Pizza. La margherita in teglia di Giuseppe Pignalosa
  66. Lezioni di Pizza. Focaccia, la ricetta facile da fare a casa
  67. Lezioni di Pizza. Il tortano, la ricetta di Daniele Cacciuolo
  68. Lezioni di Pizza. La ricetta al padellino della tradizione di Torino
  69. Lezioni di Pizza. La focaccia romana in planetaria di Luca Pezzetta
  70. Pizza di scarole. La ricetta di Giuseppe Pignalosa come un calzone
  71. Lezioni di Pizza. Il poolish, o biga liquida, di Luca Pezzetta
  72. Lievito madre. La ricetta di Luca Pezzetta per farlo e rinfrescarlo
  73. Lezioni di Pizza. La ricetta della fritta napoletana
  74. Lezioni di Pizza. Tutto quello che c’è da sapere sul lievito
  75. Lezioni di Pizza. La mitica ricetta biga + poolish per la teglia di Salvatore Lioniello
  76. Lezioni di Pizza. Fritta alla cilentana, la ricetta facile facile
  77. Lezioni di Pizza. La ricetta della teglia ad alta idratazione a casa
  78. Le montanare di Sal De Riso e Gino Sorbillo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui