Tempo di lettura: 10 minuti

Dici Liguria e pensi alla focaccia. Almeno per noi appassionati di gastronomia.

La Liguria è nota per la sua focaccia classica, quella bella unta di olio, morbida e fragrante, ma non bisogna dimenticare che questa regione va giustamente fiera anche di un’altra sorta di focaccia, che con quella classica ha ben poco a che spartire: la focaccia di Recco.

La “focaccia di Recco” è una specialità del comune genovese di Recco, e di altri tre limitrofi, la cui popolarità non teme paragoni al cospetto della focaccia tradizionale, anche se il termine “focaccia” non deve trarre in inganno, in quanto la focaccia di Recco è una preparazione del tutto particolare che alcuni fanno risalire alla notte dei tempi, cioè addirittura ai tempi delle crociate

Focaccia di Recco

La verità è che la focaccia di Recco, così come la conosciamo noi oggi, fu “inventata” da una locandiera di Recco, Manuelina – i cui pronipoti ancora oggi gestiscono il locale che ancora porta il suo nome – che tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento deliziava ospiti e viandanti con questa sua ricetta, ispirata dalle tipiche focaccette liguri fritte ripiene di formaggio, graditissime già allora da personaggi come Cavour, Mameli e Stendhal, e, in tempi più recenti, nomi come Paolo Villaggio o Umberto Eco.

Nel corso del tempo, la focaccia di Recco, è diventata una delizia apprezzata ovunque, tanto che nel 2015 ha addirittura ottenuto la denominazione IGP. Ma solo i comuni genovesi di Recco, Sori, Camogli e Avegna possono legalmente fregiarsi del prestigioso appellativo “di Recco”, mentre ogni altra focaccia simile ma prodotta al di fuori dei comuni indicati dovrà accontentarsi della dicitura “focaccia con formaggio”, oppure “focaccia tipo Recco”.

Focaccia di Recco

Dicevamo quindi che la focaccia di Recco non ha nulla a che vedere con la tipica focaccia ligure, ma nemmeno con nessun altro tipo di focaccia: si tratta infatti di due sfoglie di impasto stese sottilissime, quasi un velo, tra le quali viene messo del formaggio fresco morbido, una sorta di stracchino non troppo acquoso né troppo acido, che un tempo era costituito dalla tipica “formaggetta” ligure, mentre oggi è fornito ai comuni dai produttori consorziati.

Una specialità particolarissima, quindi, per la quale è stato anche depositato, presso il Ministero delle politiche agricole, alimentari e Forestali, un preciso disciplinare che ne regolamenta ingredienti e modalità di preparazione.

Per chi volesse cimentarsi nell’esecuzione di questa particolarissima “focaccia” al formaggio, bisogna però premettere che la sua preparazione è leggermente più delicata di quella della comune focaccia, a causa soprattutto della finezza che si deve ottenere nella tiratura dell’impasto, e richiede quindi una discreta dose di manualità.

Ma non abbiate paura: con i nostri consigli potrete preparare anche voi a casa una squisita focaccia di Recco, anche se vivete a Milano o a Napoli. 

Anzi, per essere precisi, una focaccia solamente “tipo” Recco, ma ugualmente fragrante e gustosissima.

E ora, ecco di seguito riportati cinque segreti per preparare da voi la Focaccia di Recco.

1.La finezza della sfoglia

Focaccia di Recco

La focaccia di Recco è composta da due sfoglie che sono praticamente un velo di cipolla: sottilissime e trasparenti, entrambe devono essere tirate allo spessore di meno di un millimetro, come da disciplinare. Attenzione, oltretutto, che non si tratta di un classico impasto per focaccia, con lievito, ma una sorta di “pasta matta”, composta solo di acqua e farina senza lievito. Per questo la finezza è fondamentale, e per ottenerla non basterà certo il mattarello: una volta tirata al massimo la pasta, infatti, dovrete assottigliarla il più possibile

con entrambi i pugni chiusi, prendendola da sotto, fino ad ottenere una sorta di velo trasparente soggetto a rottura al minimo sguardo,  con gli stessi movimenti che si fanno per la pasta strudel. Difficile? Non disperate, con un po’ di pratica, ce la farete.

2. Il formaggio per farcire

Focaccia di Recco

La focaccia di Recco ha al suo interno un formaggio simile alla crescenza o allo stracchino, che un tempo veniva fornito dai casari locali. Noi, impastatori metropolitani con scarse possibilità di reperire casari e formaggette fresche, potremo usare un più ordinario stracchino, a condizione che sia ricco, grasso, poco acido e soprattutto poco acquoso, onde evitare di ritrovarci la nostra bella focaccia che naviga nell’acqua rilasciata dal formaggio. Certo, un pochino di “acquetta” il formaggio fresco la rilascerà comunque, è una caratteristica della focaccia di Recco, ma da qui ad annegare la sfoglia nel siero del formaggio, ce ne passa.

3. La teglia di cottura

Focaccia di Recco

La focaccia originale si fa prevalentemente nel “testo” ligure, una sorta di teglia bassa di rame stagnato utilizzata soprattutto per la farinata. Nel caso non  abbiate sottomano un testo ligure, potrete comunque utilizzare una teglia bassa per pizza, avendo però ben presente che rimane il testo lo strumento più idoneo per ritagliare e poi sigillare, passando sopra i bordi della focaccia  con il matterello, le due sfoglie di impasto contenenti il formaggio.

4. I fori in superficie e la ripassata finale con olio e sale

Focaccia di Recco

Avevamo ben detto che le sfoglie della focaccia devono essere così sottili da essere trasparenti, e molto inclini alla ..rottura? Bene, allora sappiate che, dopo aver farcito la prima sfoglia e averci adagiato sopra la seconda, dovrete fare sulla superficie di quest’ultima dei piccoli fori, degli strappi, che otterrete pizzicando la pasta con pollice e indice; questi fori serviranno per far fuoriuscire il vapore. Buchetti abbiamo detto, non crateri: un centimetro o due sono la misura standard, non di più.

E infine, per quanto la focaccia sia già farcita internamente della sua bella dose di formaggio, un bel giro d’olio non si nega a nessuna focaccia, nemmeno a quella di Recco. Quindi, una volta sigillate le due sfoglie e aver fatto i buchi, irrorate generosamente la superficie con buon olio ligure e un po’ di sale: saranno la classica ciliegina sulla torta che renderà la vostra focaccia farcita una vera delizia.

5. La cottura: gioie e dolori

Focaccia di Recco

Per quanto riguarda la cottura, la focaccia di Recco è così sottile che cuoce in pochi minuti, ad alta temperatura: secondo il disciplinare, quest’ultima deve essere “compresa tra 270°C e 320° C per 4-8 minuti, fino a quando la superficie del prodotto non avrà assunto un colore dorato, con striature marroni nella parte superiore”. Il disciplinare aggiunge inoltre che il  forno dovrà essere regolato “in modo che la parte inferiore sia più calda della superiore”. Nei forni di casa dovrete adottare qualche accorgimento, magari attivando verso fine cottura solamente la resistenza inferiore ed escludendo quella superiore, oppure infornando nelle griglie più basse e non alla solita mezza altezza (la sottoscritta cuoce a 280°C, nella penultima griglia dal basso per 5 minuti. La prima volta, con 7 minuti di cottura, la superficie era rimasta troppo…”dorata”..).

Tenete conto che uno dei punti di forza della focaccia d Recco è la croccantezza delle sfoglie, soprattutto quella superiore, e quindi la cottura è una fase che dovrete imparare a padroneggiare, grazie alla conoscenza del vostro forno.

E dopo i consigli, ecco la ricetta della focaccia di Recco.

La ricetta della Focaccia di Recco

Focaccia di Recco

Ingredienti per una teglia rotonda da 34/35 cm di diametro

200 g di farina 00
20 g di  farina Manitoba o altra farina di forza
2 g di olio (10% del peso della farina)
120 g di acqua, all’incirca
2 g di sale

Procedimento

In una terrina, impastate assieme la farina, l’acqua e l’olio e il sale fino a ottenere un impasto morbido e omogeneo, poi fatelo riposare per almeno 30 minuti a temperatura ambiente, di modo da stenderlo agevolmente.

Una volta fatto riposare l’impasto, prendetelo e dividetelo in due parti. Stendete una prima metà con un matterello, poi continuate a tirarla da sotto con le nocche delle mani chiuse a pugno, come si fa per la pasta dello strudel: la sfoglia dovrà risultare così sottile da essere quasi trasparente, come un velo, di spessore inferiore al millimetro.

Focaccia di Recco

Una volta terminata la stesura, ungete una teglia con l’olio e posizionatevi sopra con delicatezza la sfoglia di impasto. Mettete sopra il formaggio a grossi pezzi e passate a stendere la seconda metà dell’impasto, nello stesso modo della prima, fino a ottenere uno spessore inferiore a un millimetro.

Focaccia di Recco

Posizionate quindi questa seconda sfoglia sulla prima già condita con il formaggio, e “saldate” i bordi delle due sfoglie, schiacciandoli tra di loro, per non far fuoriuscire il formaggio in cottura. Se usate il testo, otterrete questa sigillatura passando sopra i bordi con un matterello e tagliando via la pasta in eccesso.

Focaccia di Recco

A questo punto dovrete “lacerare” la pasta: fate cioè i fori sulla superficie pizzicando la pasta tra pollice e indice.

Poi passate a spolverare la focaccia con il sale e distribuitevi sopra l’olio extravergine di oliva.

Focaccia di Recco

Infine, infornate come detto a “una temperatura compresa tra 270° e 320°C per 4-8 minuti”, fino a quando la superficie della focaccia non avrà assunto “un colore dorato, con bolle o striature marroni nella parte superiore”, come da disciplinare. La sottoscritta, il cui forno arriva solo a 280°C, ha infornato appunto a 280° C per 5 minuti posizionando la teglia sulla griglia medio-bassa del forno

Trascorsi i minuti, sfornate e gustate preferibilmente calda.

Infine, qui trovate il disciplinare del Consorzio per la preparazione della Focaccia di Recco.

[Immagini: Manuelina, Cinzia Alfè]

Lezioni di Pizza

Tutte le Lezioni di Pizza

  1. La pizza fritta di Gino Sorbillo dal Vesuvio al Kilimangiaro
  2. Impasti possibili, la Pizza Condivisa di Gabriele Bonci e Gino Sorbillo
  3. Come fare la pizza tatin di Bonci a casa ed essere felice anche se la chiami focaccia
  4. Come fare la pizza con il criscito e il cornicione ripieno di ricotta di Gino Sorbillo
  5. Pizza e lievito Madre. Le 7 regole d’oro di Gino Sorbillo
  6. I pizzaioli insegnano a scegliere la farina e a stendere l’impasto
  7. Pizza alla parmigiana di melanzane di Gabriele Bonci
  8. 20 cose da sapere per replicare la pizza di Bonci a casa
  9. Lezioni di Pizza. Le regole e la ricetta di Simone Lombardi a Milano
  10. Lezioni di Pizza. La ricetta dei Nidi d’uccello
  11. Lezioni di Pizza. La vera ricetta del calzone di carne di Bari
  12. Lezioni di Pizza. Arcobaleno Expo con farina di farro di Sorbillo
  13. Lezioni di Pizza. Deep-dish, la ricetta con la parmigiana di melanzane
  14. Lezioni di Pizza. Gabriele Bonci vi dice come fare la gluten free
  15. Lezioni di Pizza. Come si prepara il criscito alla napoletana
  16. 11 consigli dei pizzaioli per fare la pizza a casa spiegati in un libro
  17. Lezioni di Pizza. Come fare l’impasto diretto a casa
  18. Lezioni di Pizza. La ricetta ai sei pomodori di Gino Sorbillo
  19. Post-Eat. La ricetta dello strepitoso tortano dei Capatosta
  20. Lezioni di Pizza. Millefoglie dolce di Salvatore Lioniello con impasto al cioccolato
  21. La ricetta perfetta della pizza a casa di Carlo Sammarco
  22. La ricetta della focaccia barese da fare a casa
  23. Lezioni di Pizza. La ricetta della puttanesca di Rosanna Marziale
  24. Lezioni di Pizza. Focaccia genovese, la ricetta perfetta
  25. Lezioni di Pizza. Le 10 regole per preparare la biga vincente
  26. Lezioni di Pizza. Le 20 regole del canotto di Piergiorgio Giorilli
  27. Lezioni di Pizza. Latte+ e Langa-Boom di Patrick Ricci
  28. Lezioni di Pizza. Cottura perfetta con il segreto di Giò il Pizzino
  29. Lezioni di Pizza. La ricetta di Pier Daniele Seu semplice e immediata
  30. Pizza Canotto. La ricetta perfetta per farla a casa
  31. Lezioni di Pizza. I 7 errori da evitare spiegati da Gino Sorbillo
  32. Pizza d’aMare. Riccio e spirulina per un’estate con il vento in poppa
  33. Pizza d’aMare. Diego Vitagliano e la Nuvola d’Argento
  34. Pizza. La ricetta di Alessandro Coppari di Mezzometro a Senigallia
  35. Lezioni di Pizza. La ricetta con biga e semola rimacinata di grano duro
  36. Lezioni di Pizza. Il Trapizzino con pollo alla cacciatora di Stefano Callegari
  37. Lezioni di Pizza. La gourmet a lievitazione naturale
  38. Lezioni di Pizza. La Sole con pomodori gialli di Giuseppe Pignalosa
  39. Lezioni di Pizza. La ricetta della veloce napoletana di Simone Fortunato
  40. Lezioni di Pizza. Il Crunch di Renato Bosco
  41. Lezioni di Pizza. Teglia e ruoto con la ricetta di Salvatore Lioniello
  42. Lezioni di Pizza. Come farla a casa con la ricetta di Diego Vitagliano
  43. Pizza napoletana. La storia dagli albori ad oggi
  44. Lezioni di Pizza. Nel ruoto con la ricetta di Pasqualino Rossi
  45. La ricetta della mica Pizza e Fichi di Salvatore Grasso
  46. Focaccia messinese fatta in casa: la ricetta scientifica in 5 punti
  47. Lezioni di Pizza. La formula automatica per calcolare la biga
  48. Lezioni di Pizza. Pala alla romana, la ricetta scientifica
  49. Lezioni di Pizza. La ricetta del canotto di Renato Bosco
  50. Lezioni di Pizza. La Biancomangiare di Patrick Ricci a Torino
  51. Lezioni di Pizza. La napoletana a casa senza segreti
  52. Lezioni di Pizza. La ruota di carro di Michele
  53. Lezioni di Pizza. La ricetta con alici di menaica e bagnet verd
  54. Lezioni di pizza. Supercrust alla romana di primavera
  55. Lezioni di Pizza. I vantaggi del lievito secco italiano
  56. Lezioni di Pizza. La ricetta Bonci Style dei Ventenni Affamati
  57. Lezioni di Pizza. Fiordilatte e mozzarella, guida all’utilizzo
  58. Lezioni di Pizza. 3 ricette per farla dolce
  59. Lezioni di Pizza. La fritta con impasto all’alga spirulina
  60. Lezioni di Pizza. La fritta alla puttanesca di Teresa Iorio
  61. Pizza fritta con il coniglio all’ischitana di Giuseppe Pignalosa, la ricetta
  62. Lezioni di Pizza. La ricetta con i peperoni di Carmagnola
  63. Lezioni di Pizza. La ricetta della Cilentana ai grani antichi
  64. Lezioni di pizza. Come fare la fritta a casa per sfamare 10 persone
  65. Lezioni di Pizza. La margherita in teglia di Giuseppe Pignalosa
  66. Lezioni di Pizza. Focaccia, la ricetta facile da fare a casa
  67. Lezioni di Pizza. Il tortano, la ricetta di Daniele Cacciuolo
  68. Lezioni di Pizza. La ricetta al padellino della tradizione di Torino
  69. Lezioni di Pizza. La focaccia romana in planetaria di Luca Pezzetta
  70. Pizza di scarole. La ricetta di Giuseppe Pignalosa come un calzone
  71. Lezioni di Pizza. Il poolish, o biga liquida, di Luca Pezzetta
  72. Lievito madre. La ricetta di Luca Pezzetta per farlo e rinfrescarlo
  73. Lezioni di Pizza. La ricetta della fritta napoletana
  74. Lezioni di Pizza. Tutto quello che c’è da sapere sul lievito
  75. Lezioni di Pizza. La mitica ricetta biga + poolish per la teglia di Salvatore Lioniello
  76. Lezioni di Pizza. Fritta alla cilentana, la ricetta facile facile
  77. Lezioni di Pizza. La ricetta della teglia ad alta idratazione a casa
  78. Le montanare di Sal De Riso e Gino Sorbillo

1 commento

  1. Volevo solo segnalarvi che la quantità di olio nella ricetta non è corretta. Se la quantità di olio deve corrispondere al 10% del peso totale della farina allora bisogna aggiungere 20gr (precisamente 22).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui